..::Discusclub.net 2.0::..

0
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)

Astronotus ocellatus, ma chiamatelo Oscar

admin 29 Dicembre 2010


Le due specie che costituiscono il genere Astronotus hanno come altri ciclidi denti sulla mascella, ma hanno anche la particolarità di avere i denti faringei piatti, come molari. I primi sono piccoli e taglienti, servono a catturare, ed “intrappolare” le piccole prede, mentre i secondi sono più grandi e atti a macinare il cibo.

Regno: Animalia

Phylum: Chordata

Subphylum: Vertebrata

Superclasse: Gnathostomata

Classe: Actinopterygii

Sottoclasse: Neopterygii

Ordine: Perciformes

Sottordine: Labroidei

Famiglia: Cichlidae

Sottofamiglia: Astronotinae

Genere: Astronotus

Specie: A. ocellatus Agassiz, 1831

il peculiare particolare dei denti faringei piatti e ampi è stato decisivo per ittiologi per separare il genere Astronotus dall’Acara , tanto che già nel 1894, gli ittiologi americani Eigenmann & Bray hanno notato che la dentatura della specie tipo del genere, Acara crassipinnis ( è un nome ormai non valido crassipinnis Astronotus ) era completamente diverso rispetto agli altri acari.

Mentre la fama del pesce Oscar descrive un pesce aggressivo, questo non è vero. Hanno ‘ereditato’ questa reputazione in quanto amano mangiare qualsiasi cosa a portata di  bocca. Poiché l’Astronotus ama scavare, non si dovrebbero porre  piante radicate nei loro acquari. Il pesce continuare a scavare e spostare la ghiaia. Essi sono considerati come una delle specie di pesci tropicali più intelligenti  e sono quasi consapevoli del mondo al di fuori del loro acquario. L’Oscar è  in grado di riconoscere i loro padroncini in una stanza piena di gente, ed ‘elemosinano’ bocconi senza vergogna. :  fiocchi, alimenti in pellet, galleggianti, chironomus, vermi di terra, verdure come lattuga, cetrioli e zucchine. Analisi dello stomaco di pesci selvatici hanno dimostrato di essere un onnivoro generico, nutrendosi di una gamma di alimenti  tra cui piccoli pesci, insetti, crostacei, zooplancton e vari tipi di entrambe le vegetazione acquatica terrestre. Un esame del contenuto dello stomaco di un A. ocellatus di Winemiller (1990) hanno dimostrato che la dieta naturale di questo pesce è costituita principalmente da insetti acquatici e terrestri (che comprendono fino al 60% della dieta), anche se piccoli pesci, crostacei, in misura minore, sono anche inclusi nella dieta. La maggior parte dei pesci mangiati dagli A. ocellatus in natura erano  pesce gatto privi di scatto, e comprende specie tipo Bunocephalus , Rineloricaria e Ochmacanthus. La specie utilizza un meccanismo di aspirazione, generata dalla estensione della mascella, per catturare la preda, alimenti più carnosi sembrano essere l’opzione preferita, con frutta e altro materiale vegetale  quando le prede  scarseggiano

.

Alcune popolazioni sono state osservate cacciare in modo simile al Nimbochromis del Lago Malawi, utilizzando una strategia comportamentale conosciuto come tanatosi, o ‘gioco del morto’. Qui l’oscar imita un cadavere in decomposizione da sdraiato immobile sul substrato. Ogni pesce più piccolo che se ne accerta riceve una sgradita sorpresa Molti esperti concordano sul fatto che Oscar non dovrebbero essere alimentati con pesci più piccoli.

L’ Astronotus si riferisce alla macchie ocellate sulla pinna dorsale di A. ocellatus , ed è composto dalle parole greche Astron , stella, e Notos , indietro. L’Astronotus è onnipresente nelle pianure tropicali, soprattutto le pianure alluvionali e paludi, in Brasile, Perù, Bolivia, Paraguay, la Guyana, Venezuela, Colombia ed Ecuador, tra cui il bacino amazzonico, lungo la Amazonas, Içá , Negro , Solimões e Ucayali, sistemi fluviali, e anche nell’Approuague e Oyapock ., il bacino dell’Orinoco, il Paraguay bacino settentrionale, e la costa di Amapá e adiacente Guiana francese. popolazioni Feral si rilevano anche in Cina , nel nord dell’Australia , e ora in Florida, USA .

La specie è limitata nella sua distribuzione per la sua intolleranza alle temperature basse, il letale limite per la specie è 12,9 ° C (55,2 ° F). E ‘ il suo ambiente naturale, l’Oscar abita preferibilmente in aree tranquille e poco profonde lento movimento dell’acqua, bianca, dove si rifugia sotto i rami sommersi. Per le sue dimensioni , e anche per l’eta che Oscar puo raggiungere(vive fino a 15 anni) richiede un spazio molto grande e un fitraggio nel acquario sovradimensionato .i valori fisico-chimici non hanno particolare importanza purché l’acqua venga mantenuta pulita e a temperatura. questi sono i valori di uno dei posti dove si trova, nel bacino idrografico dell’Ucayali: colore: giallo argilla(acqua bianca), pH: 7,3 , gH:10° , kH: 11° , conduttività: 455 µS/cm, T: 28°C. Per l’arredamento dell’acquario sono necesari ghiaino, lastre di pietra oppure radici di torbiera. le piante sono sempre a rischio, devono essere le robuste e grosse Echinodorus, Anubias, Crinum, piantate i gradi vasi in modo che non vengono sradicate. Invece è gradita la presenza de le piante galleggiante tipo Pistia, Eichhornia,Limnobium, Ceratopteris . i compagni de la vasca devono essere sempre di taglia grossa : grossi Ciprinidi adulti, siluriformi, cichlidi di grossa taglia. L’Astronotus ocellatus è una specie popolarissima di pesci de la famiglia cichlide conosciuta con una varietà di nomi comuni, tra oscar, oscar tigre, velluto o ciclidi marmo. In Sud America, dove la specie si trova puo arrivare a 40 cm di lungheza, e lo troviamo spesso in vendita come un prodotto alimentare di pesce nei mercati locali insieme ai altri generi tipo geophagus, cichla, crenicichla , piranha, tilapia. Tuttavia, la sua lenta crescita limiti le sue potenzialità per l’acquacoltura. in Florida e l’oggeto della pesca sportiva. . È stato suggerito che questi ocelli funzione di limitare l’attacco da piranha che sovente capitano ad un ocellatus nel suo ambiente naturale. La specie è inoltre in grado di modificare rapidamente la sua colorazione, una caratteristica che facilita rituali e combattimenti e i comportamenti territoriali tra esemplari conspecifici. La riproduzione in acquario è possibile, e l’unico modo per distinguere il sesso é osservare la diversa conformazione della papilla genitale nei riproduttori durante l’accoppiamento e l’ovodeposizione. La maturità sessuale viene raggiunta ad una taglia di 12-15 cm. in questo periodo l’acquario diventa un vero cantiere perchè i genitori iniziano a spostare tutto fin quando non creano l’ambiente necessario. Giunto il loro scopo si prendono per la bocca e iniziano a girare in vasca creando tante volte delle onde consistenti ( con l’acqua che arriva sui pavimenti). in questo gioco cambiano anche radicalmente il colore e puo anche succedere che saltono fuori dalla vasca, che deve avere un coperchio ben fissato. le uova (da 300 fino a un migliaio) sono deposte su le pietre lisce grandi, e vengono difese e curate da tutti e due i genitori. i piccolli hanno una colorazione diversa da adulti e sono a righe con bande arancioni , o nero-argentea. Gli Oscar fotografati sono di proprietà del mio amico Sergio Buftea, e nel suo acquario ospita anche 2 Scobiancistrus aureatus(L14) e 3 Apteronotus albifrons(pesce coltello), e tiene a loro come i suoi bambini.

Marcel Damian AKA Titi nel forum

 

 

 

{gallery}/astronotus_marcel_damian{/gallery}


 

 

 


Testo: Marcel Damian aka sul forum titi

© tutti i diritti riservati – E’ severamente vietato copiare o riprodurre anche in parte foto e testi dell’articolo senza il consenso specifico dell’autore

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Astronotus ocellatus, ma chiamatelo Oscar, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Tagged with:

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!