..::Discusclub.net 2.0::..

0
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)

Alla ricerca della Iranocichla – endemica meraviglia iraniana

Heiko Bleher 26 giugno 2011


Foto di Natasha Khardina & Heiko Bleher Testi di Heiko Bleher

Il consolato di Milano ci comunica che dobbiamo ottenere un numero tramite il sito del Ministero degli Interni, e che solo con quel codice potevamo ottenere un visto, per il quale erano necessari 14 giorni normalmente. Ma il sito del Ministero Iraniano era “In costruzione”… Un nostro caro amico ad Esfahan, Benham, intanto ci contatta, e noi abbiamo spiegato qual’era il nostro problema. Egli ha tentato di ottenere un visto per noi dalla sua città, ma senza alcun risultato. Arrivò fino a Teheran (600 km a nord) per  ottenere questi permessi. E alla fine ci chiamò, un giorno prima della nostra partenza, dandoci la lieta notizia che potevamo ritirare i nostri visti all’arrivo all’aeroporto di Teheran.

Dopo il lungo volo Milano-Qatar abbiamo dovuto aspettare per il collegamento 6 ore e mezza a Doha, 20:00-02:00 e siamo finalmente arrivati, all’aeroporto internazionale di Teheran alle 04:50: bene, l’ufficio era chiuso, perché gli ufficiali pregavano (almeno 4 volte al giorno). Alla fine abbiamo trovato un ufficiale che aveva finito e Behnam ci ha accolto insieme all’allevatore di pesci tropicali più importante di Karaj, città gemella di Teheran. Abbiamo raggiunto Teheran, 15 milioni di abitanti, già congestionata dal traffico alle 6:00 del mattino, incredibile, ma un riposo di un paio d’ore ce lo siamo concesso e poi via, verso una popolazione di soli 5 milioni di abitanti, Karaj, con un’infinità di negozi di acquari e allevatori. Benham ci ha offerto una colazione squisita fatta di formaggio di capra, miele grezzo su barbari e san jaje (pane iraniano) prima di lasciare Teheran.


L’ del suo amico, Ramtin a Karaj, era mozzafiato. Suo padre aveva progettato grandi tini e centinaia di acquari, che sono stati distribuiti in quattro distinte sezioni ciascuna gestita da un gigantesco sistema di filtraggio come non avevo mai visto prima. Semplicemente fantastico. Nell’impianto ogni singolo pesce offriva un aspetto sano e felice, tutti deponevano uova dovunque. Il sistema non richiedeva cambi d’aqua, solo il rabbocco dell’acqua evaporata ed è in funzione da 10 anni, senza interruzione, Ramtin mi spiega fiero. Ma anche di più da qualche altra parte ..

.

Il viaggio in direzione Karaj sud è stato lungo, ma le 4 corsie in ottime condizioni. Nel tardo pomeriggio Behnam si è fermato presso un ristorante tradizionale iraniano e abbiamo improvvisato una festa. Abbiamo mangiato dizi servito in una pentola di terracotta calda. Un cucinato di agnello, ceci, cipolle, pomodoro fresco, patate e svariate erbe aromatiche iraniane bollite per 2-3 ore nel tegame. Servita bollente la minestra viene versata in un piatto e il resto è battuto con un attrezzo speciale esattamente come la forma del piatto in cui è servito, con pane avvolto come la carta … ci siamo rimessi alla guida subito dopo più a sud attraverso la regione dell’immenso deserto dell’Iran centrale, lungo la sorprendente colorata catena montuosa Zargos, cornice presente durante il viaggio sul nostro versante destro.

Nella tarda serata abbiamo raggiunto una delle città più antiche e più belle dell’Iran, Esfahan con la piazza più grande del mondo, l’Imam. Siamo stati invitati da Behnam nella sua dimora, che è stato il Palazzo dell’Ambasciata britannica in Iran e si evince come vivessero gli ambasciatori britannici. La camera degli ospiti era quasi della dimensione di un campo di calcio …

Behnam ci ha mostrato la sua bella città, la piazza principale, che è la più grande del mondo, incastonata tra numerose moschee di grandi dimensioni e l’immenso Bazar, palazzi e alberghi a 5 stelle (come nelle 1001 notte), ma io ero lì alla ricerca nella regione di Isfahan dell’ Aphanius isfahanensis. Era una specie di recente descrizione, nel 2006, da Hrbek, Keivany & Coad, e non avevo mai visto una foto degli esemplari in vita da nessuna parte. Behnam mi ha mostrato le località tipo, lo Zayandeh Rud(Fiume Zayandeh) e il ponte Varzaneh, che è storia, poiché il letto del fiume è oramai completamente asciutto.

Vi è una diga costruita nella parte superiore, quindi la poca acqua ha un breve periodo di durata in primavera, e per la gente è di vitale importanza. Ma Behnam sapeva, che prima che arrivasse alla completa secca avevano pompato l’acqua sul monte solo a sud di Esfahan, dove avevano costruito un parco ricreativo, piccolo ma bello. Ed avevano ricreato un canale con una circolazione d’acqua sorgiva, di circa 50 metri di lunghezza. Mentre veniva pompata  acqua in quel ruscelletto del parco alcuni Aphanius si erano introdotti, e una piccola popolazione è sopravvissuta. Inizialmente avevamo trovato solo gambusie detro, ma poi abbiamo scorto un paio di Aphanius nella parte più profonda di questo piccolo canale d’acqua. E certamente era l’A. isfahanensis, con molta probabilità gli ultimi esemplari della specie … Era il punto di raccolta 01.

Aphanius isfahanensis, maschio

Il giorno dopo abbiamo viaggiato a sud-ovest, in quanto l’obiettivo mio di questo viaggio era quello di ricercare le diverse specie di Aphanius e l’esistenza del più orientale di tutti i membri appartenenti ai ciclidi sulla terra, la specie endemica Iranocichla hormuzensis. Abbiamo guidato ancora lungo strade perfette, attraversando veri deserti, montagne su entrambi i lati, ma prive di qualsiasi traccia di vegetazione. Abbiamo attraversato letti dei fiumi, che non devono aver visto l’acqua da decenni, forse secoli. Behnam ci ha raccontato di una bella cascata di Semiron, in cui dovrebbero esserci pesci, ma nessuno la conosce e ci ha mostrato una cartolina. Ci sono volute ore per trovare un piccolo villaggio, che aveva anche un negozio di acquari con ciclidi pappagallo e pesci rossi, e il proprietario ci ha aiutato con le indicazioni. Eravamo a 2000 metri sul livello del mare e la cascata era nascosta in un canyon più piccolo. La delusione: poche gocce di acqua che scendevano e nessun pesce.  

Nel tardo pomeriggio abbiamo seguito una segnaletica, che ci indica la direzione di un insediamento nomade durante il periodo estivo, chiamato Bibi Seyydedãn (Nonna è il significato). Il luogo si chiama Ab Malakh (tradotto: cascata, come le cascate d’acqua) e il torrente aveva acqua cristallina. Sembrava quasi inviolato ed era molto remota.

Sull’autostrada un motociclista ci ha detto 10 minuti di auto su strada sterrata, ma abbiamo guidato per circa un’ora … Questo era il mio punto di raccolta 02:

Ho trovato alcuni ciprinidi come un Alburnus oro e nero molto bello a strisce probabilmente A. mossulensis quasi mai fotografati prima, belli specialmente in età giovanile che nuotavano lungo la riva, mentre quelli più grandi, parlo di quasi 20 cm di TL erano rilevabili solo nei corsi veloci d’acqua.

Inoltre, anche alcuni Potamogeton lungo la costa , in crescita, alcuni bei pesci simili ai Barbus con colore del corpo dorato e macchie nere, probabilmente Capoeta aculeata (foto in basso), bei gruppi da tenere in acquario.

Anche la raccolta di alcuni ciprinidi con il colore del corpo giallastro e pinne gialle, un grosso esemplare di Chondrostoma cryi (foto in basso).

E poi lungo il fondo sabbioso tra le rocce più grandi questo pesce, che ho pensato inizialmente fosse un vero e proprio Barbus due coppie di barbigli, ma quando Natasha lo ha fotografato mi sono reso conto che doveva essere un Schizothorax e successivamente ho scoperto che si tratta di S. zarudnyi. E persino una rana molto piccola e bella è finita nella mia rete lungo la riva (foto in basso).

Ho camminato per circa un chilometro lungo il fiume ed arrivai a quello che era chiamata Ab Malakh, la cascata. Dalla cima della montagna l’acqua veniva giù cadendo ripida e fredda nel torrente fino a questo punto. Pescai dovunque lì sotto (una delle mie specialità) e intorno a quel punto, ma nessun segno di un pesce. Questo posto era davvero bello e l’acqua un refrigerio, la temperatura che era di 17,8 ° C, la conducibilità 19 µS/cm e pH 8.0, alle ore 12. Tornammo in direzione della strada asfaltata continuando a sud attraversando una bella catena montuosa che ci versava a sinistra e a destra lungo la strada, e dopo un’ora abbiamo attraversato un ponte e un fiume che scorre più sotto, dove ci siamo fermati.

E ‘stato il punto di raccolta 03: ho trovato un grande predatore in acque aperte a profondità di quasi 1,5 metri, l’Aspius vorax (si può vedere dalla sua bocca quello che è), e lungo la riva sotto i cespugli sporgenti in terreno fangoso e roccioso la sottospecie di Capoeta barriosi (in basso, esemplari giovanili maschio e femmina)chiamata Mandica, e un non identificato Garra (sicuramente ci sono ancora molte specie di Garra non ancora descritte in Iran). La temperatura dell’acqua era qui di 19 ° C, mentre nell’atmosfera era 30 ° C. Il fiume si chiama Sepidãr ed è stato prima il villaggio di Chitab.

Maschio di Aspius vorax

Behnam, che stava facendo la guida, ha voluto pescare qualche trota, e ha spiegato che l’Iran è il numero uno al mondo per l’acquacoltura della trota. Sicuramente quello che dice è attendibile, perché vende tonnellate di cibo per trota esportati verso i Paesi Bassi e in Francia ogni anno, numerosi contenitori da 40 piedi. Behnam fornisce anche tutti i grossisti di pesci ornamentali con il suo mangime, sebbene alcuni importano anche dalla Cina e dell’Europa. L’allevamento di trote era fuori dalla strada in un altro luogo di montagna dove l’acqua veniva giù e ideale per l’acquacoltura, e accanto a questa fattoria c’era una piccola insenatura, in cui ho voluto scavare. E ‘stato il mio punto di raccolta 04, ma tutto quello che ho trovato tra le tante piante acquatiche, che a mio avviso erano Myriophyllum (una specie che non ho mai visto, davvero verde scuro) e una verde e luminosa specie di Samolus con rosse venature sulle foglie. Era un habitat molto bello ma piccolo, fondo roccioso e sabbia, e molti pesci. Ma era presente solo una sola specie: probabilmente Alburnus filippii. Behnam aveva le sue trote per i suoi amici a Shiraz insieme ai miei pesci e piante, quindi siamo partiti. Molto tardi la sera siamo arrivati a Shiraz, famosa nel mondo per la Persepoli nelle vicinanze, città titanica di Dario III, ultimo re dell’impero achemenide di Persia dal 336 aC al 330 aC. Fu sotto il suo governo che l’impero persiano fu conquistato durante le guerre di Alessandro Magno, che ha messo la città in rovina. La città era conosciuta come Parsa, che significa “La Città dei Persiani”. Non potevamo visitare le rovine, perché la domenica è chiusa … A Shiraz abbiamo visitato Saeed Asadi, titolare del grande negozio di acquari Picasso, che più tardi ho rivisto, quando son tornato per rilevare nuovamente quello che ho incluso in questo articolo, alla fine, di bellezza stupefacente, il jet nero Iranocichla. Ma torniamo a Shiraz, nel settembre del 2009.

Saeed ha insistito perché io rimanessi a casa sua, come ovunque in Iran, siamo stati invitati a rimanere a casa della gente, non ci è stato permesso di vedere un hotel … e tutti ci hanno ospitato con pasti luculliani per tutto il tempo. Non ho quasi mai visto in nessuno dei miei 166 paesi di raccolti finora, gente che sia così incredibilmente ospitale. Non voglio perdermi nella descrizione di alcune magnificenze di Shiraz, ma voglio mostrare alcune foto e vi porterà più a sud in un posto che sapevo avevano costruito una diga e voleva vedere se ancora c’era dell’acqua e pesci. Saeed è venuto con noi ed ora eravamo in quattro alla guida sotto la graticola, perché più vai al sud, e più il caldo si fa rovente. La diga sopra il torrente non aveva lasciato una goccia d’acqua, e il torrente, chiamato Mond River era il mio punto di raccolta 05: non così lontano da Aki Abad e 70 km a nord di Jahrom.

Il livello dell’acqua era di pochi centimetri. Il biotopo era nella parte inferiore pieno di rocce, per lo più tondeggianti e alghe ovunque. Ed in quel rivolo di acqua ci trovai molti pesci, ma in realtà solo pochissimi sopravvissuti qui, anche perché in questo habitat superficiale stavano crescendo alcune specie di Cyperus. Sono riuscito a prendere un bel Cyprinion tenuiradius (foto in basso), probabilmente mai visto in vita prima. Questo può davvero essere un bel pesce per ogni acquario di biotopo.

Ma c’era un’altra bellezza, il Garra persica, che non avevo mai visto prima in vita. Ero solo in grado di vedere un tale Garra colorato durante una raccolta dall’altra parte del Golfo Persico nel marzo del 2009, negli Emirati. Eravamo più bassi ora, a soli 1345 metri sopra il livello del mare e la temperatura dell’acqua era già 26,4 ° C alle 11:30. La temperatura dell’aria misurata era di 38 °C. La conducibilità 264 µS/cm e pH 8,0. Da qui siamo andati verso città più calda dell’Iran, per così dire. Si chiama Lãr. Dicono che quasi mai la temperatura qui scende sotto i +40 ° C , ma abbiamo scoperto più tardi che ci sono ancora posti in cui è davvero molto più caldo in questo paese deserto … Era il mese del Ramadan, ma tutti erano affamati e nel villaggio Behnam conosceva un ristorante dove fanno il miglior Shashlik. E ‘preparato con yogurt, erbe diverse e con farina di fico e poi alla griglia. Ha un sapore delizioso. E Perché nessuno vedesse la gente nel ristorante mangiare durante il ramadan, si coprivano le finestre coi giornali per cui nessuno vedeva dentro (il mistero dei confini tra religioni e tradizioni o divieti …). Faceva molto caldo, che devo dire.

Brian Coad, il canadese e ittiologo esperto di pesci d’Iran, che ha anche descritto l’Iranocichla ha registrato 22 siti per questo ciclide e volevo vederli tutti o vederne altri nuovi. Il primo spot da qui a sud-ovest era il fiume ancora su tutte le mappe di quel momento (incluse mappe satellitari), tra Hormud e Tangdãlãn, ma non esisteva più. C’era solo un lago, senza inizio e senza fine, ad eccezione di un deserto da entrambe le parti. Qui a 625 metri sul livello del mare in acqua molto, molto salata tra milioni di Potamogeton (mai capito qual’è il grado di sopravvivenza in acqua salata).

Questo era il mio punto di raccolta 06. Camminando lungo la riva piena di pozze di sale cristallizzato e con le braccia disidratate, ho visto molti pesci morti, Iranocichla prima e poi anche Aphanius.

Per me il peggiore è stato quello di andare nella profondità di quest’acqua salata e cercare di portare a riva con la rete le tonnellate di vegetazione acquatica in esso. In qualche modo ci sono riuscito e c’erano moltissimi esemplari di Aphanius, forse una nuova specie. Sembrava A. ginaonis (foto in basso), ma ho trovato che le specie in seguito alla sua località tipo e sembra molto diverso (vedere di persona)

.

L’ Iranocichla qui sembrava diverso da quello che Coad ha pubblicato non tanto rosso (il rosso quella che ho trovato in posizione 010. Ho dato questa popolazione di Iranocichla hormuzensis il numero 1 (poiché ho trovato 3 differenti popolazioni, ma dei 22 punti registrati come aree del ciclide, solo 2 ancora avevano sufficiente acqua…).

Non c’erano altre specie di pesci, probabilmente non potevano sopravvivere, e mi chiedo per quanto tempo queste due specie che ancora qui sopravvivono possono resistere in queste acque sempre più salata. La temperatura dell’acqua era di 35,6 ° C (sì corretta lettura), la conduttività 6650 µS/cm (abbastanza salata) e pH 7,6. Questo alle ore 16:00. Non avevo bombole di ossigeno così con i pesci nei contenitori chiesi di accelerare, ma è stato inutile, quando abbiamo finalmente raggiunto Bandar Abbas o Bandar-e ‘Abbas allo stretto di Hormuz sul tardi, la sera ( avevamo ancora più di 200 km da percorrere), la maggior parte dei 20 campioni raccolti erano morti. Il caldo. E in questa città portuale ho registrato il peggiore caldo che io abbia mai incontrato nella mia vita intera. Si perdeva quasi il respiro. Il termometro era sopra i 55 °C in tarda serata. Nessuno qui può vivere senza 24 ore di aria condizionata. Nemmeno nell’ Outback australiano o nel Sahara, dove in entrambe ho vissuto i 55 ° C, ho sentito il caldo come qui. Siamo stati nuovamente invitati nei pressi del porto a casa di un amico di Saeed e servirono tanto di quel cibo che solo una piccola parte di esso potemmo gustare. Sempre per terra. I più bei tappeti persiani, fanno i tappeti meglio tessuti e più originali come non si può vedere da nessun’altra parte.

Ristorante “Orchidea”, Teheran

]

Ancora una volta hanno insistito perché noi rimanessimo da loro e nei giorni successivi ho fatto il mio lavoro a casa e ricercato nell’intera area dello Stretto di Hormuz ed è stato piuttosto deludente, perché, come detto, la maggior parte delle posizioni registrate in passato per le Iranocichla erano secche già da tempo, niente pesci.

L’habitat dell‘Iranocichla hormuzensis

]

La pesca nell’habitat dell’Iranocichla hormuzensis

Aphanius ginaonis (maschio sopra, femmina sotto)

Iranocichla hormuzensis (maschio, popolazione 2)

In basso: Iranocichla hormuzensis, popolazione 3 – maschio tenuto in vasca marina

In allegato altre foto delle varianti che ho trovato, anche quello nero durante il mio secondo viaggio più recente, le due specie di Aphanius possibilmente nuove e una forma qui descritta. Sono finalmente riuscito a ritrovare due delle tre popolazioni precedenti e ci auguriamo che saremo in grado di allevarli come nel loro habitat naturale, poiché a mio avviso (e non mi sbaglio) questo è uno dei ciclidi a rischio di estinzione. Il riscaldamento globale sta presentando un conto molto più alto e drammatico di quello che immaginavamo, molto peggio di quello che viene ‘recitato’ dai media e molto peggio di quanto chiunque possa immaginare.

 Heiko Bleher


05_the-type-locality-of-aphanius-isfahanensis-is-dry-here-it-is-extinct-880_iran_sept-2009

DiscusClub.net © Aquapress – di Heiko Bleher. Tutti i diritti riservati. E’ severamente vietata la riproduzione anche parziale dell’articolo o delle foto

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)
Tagged with:

Leave a Comment

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!