Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Biocondizionatore: quando e perchè


Maury62

Recommended Posts

Dobbiamo sempre usare questo prodotto? Chi fa stabulare l'acqua può farne a meno o solo chi utilizza osmosi? O comunque

meglio usarlo comunque perchè come da istruzioni "fa bene alle branchie e le membrane dei pesci, serve come antistress ecc.ecc."?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 31
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • tony81

    8

  • tatore

    6

  • raffaele74

    3

  • Upacciu

    3

Maury in passato, lo usato , poi ho deciso di usare qualcosa prodotto dalla natura e non da un laboratorio che deve far soldi e così ho deciso di usare la torba (bada bene torba non per uso acquariologico!)

Lo usata con parsimonia nella vasca di raccolta dove facevo stabulare l'acqua, e poi procedevo al cambio, mai nessun pesce era stressato o lamentava altri problemi.

Penso che se possiamo rivolgerci alla natura per far star bene i nostri pesci è un bene anche per le nostre tasche!

Insomma sai come funziona il giochetto, loro ci propinano tante di quelle cose che servono solo a vendere fumo..

Il mio miglior antistress e curativo che offrivo ai mei pesci era e sarà: acqua buona,cibo buono e vario, e abbondanti cambi!

Questo dalla mia piccola esperienza!

 

Link to comment
Share on other sites

Maury in passato, lo usato , poi ho deciso di usare qualcosa prodotto dalla natura e non da un laboratorio che deve far soldi e così ho deciso di usare la torba (bada bene torba non per uso acquariologico!)

Lo usata con parsimonia nella vasca di raccolta dove facevo stabulare l'acqua, e poi procedevo al cambio, mai nessun pesce era stressato o lamentava altri problemi.

Penso che se possiamo rivolgerci alla natura per far star bene i nostri pesci è un bene anche per le nostre tasche!

Insomma sai come funziona il giochetto, loro ci propinano tante di quelle cose che servono solo a vendere fumo..

Il mio miglior antistress e curativo che offrivo ai mei pesci era e sarà: acqua buona,cibo buono e vario, e abbondanti cambi!

Questo dalla mia piccola esperienza!

era il concetto che usava Schmidt Focke o meglio usava la torba per pulire l'acqua da eventuali metalli pensanti quindi di per sè sperimentata e funzionante come teoria, io ho sempre usato biocondizionatore e torba nn facevo usavo di impianto a carbonie bisogna vedere anche che composti riesce a ridurre il biocondizionatore ormai quasi tutti dovrebbero anche eliminare tutti i metalli pesanti e i disinfettanti usati per rendere l'acqua potabile..di per se il biocondizionatore potrebbe anche essere evitato se si usano filtri a carbone attivo viste le proprietà di 'attrazione' che ha ma consiglio lo stesso di farla stabulare, altro fattore da considerare per andare sul sicuro cosa usano le aziende che ci forniscono acqua per disinfettarla cloro? ipoclorito? cloroamine? il cloro nn viene più usato o nn dovrebbe essere più usato è cancerogeno, le cloroamine solo la stabulazione nn ne necessaria nn evaporano..

Link to comment
Share on other sites

Sul discorso "biocondizionatore" devo dire che non sono più convinto della sua utilità,ormai e da molto anni

che non ne faccio più uso, e devo dire che non noto nei pesci differenze.

Sul fatto del cloro,o similari,dipende dalle quantità di questi, comunque basterebbe stabulare con areatore,ma basta già il

getto in uscita per favorirne l'evaporazione.

Il discorso metalli,non so in che quantità siano presenti in acqua,ma comunque un passaggio su carbone dovrebbe bastare,

io quando lo utilizzavo(il bio)avevo l'abitudine di gettare sempre l'acqua che rimaneva sul fondo,non la utilizzavo proprio tutta,

presumo che una volta chelati precipitino.

Rimane il discorso anti stress e mucosa,ma che utilizzando la torba sia risolto.

Non mi sento di sconsigliarlo, se ora non lo uso comunque faccio passaggio su carbone poi stabulo

con la torba.

Link to comment
Share on other sites

saba[/color]' timestamp='1339350224' post='62783'] io quando lo utilizzavo(il bio)avevo l'abitudine di gettare sempre l'acqua che rimaneva sul fondo,non la utilizzavo proprio tutta, presumo che una volta chelati precipitino.

bisognerebbe vedere se precipitano veramente o se si legano tramite l' EDTA e rimangano in soluzione innocui per nn buttare acqua a vuoto..

bisogna vedere da a zona a zona dell'italia se veramente necessario a seconda di una certa presenza di disinfettanti o meno di certo male nn fa, ma a seconda se lo si utilizza o meno il consiglio è sempre quello di stabulare per limitare l'aggressività dell'acqua nei confronti dei pesci

Link to comment
Share on other sites

Io non lo uso, ma quando posso lo uso eccome. Non credo ai bugiardini, ma credo che l'azione che ha sulla mucosa di pesci particolarmente aggrediti da acque sempre più contaminate non sia cosa da poco.

Ci sono sia biocondizionatori naturali, che hanno un'azione tonica sulla cute dei pesci (es.: Easy Life, il migliore) che biocondizionatori con sostanze colloidali come Aquasafe, Aqutan ecc... (io sono antico, sono rimasto a Tetra e Sera, le altre marche avevano prezzi spaventosi) le cui premesse/promesse non sono corrispondenti alla realtà come descritte. Le acque sempre peggio trattate, le formule sempre le stesse, salvo comunicazioni delle aziende.

In breve: li userei se avessi del denaro extra da spendere, ma avendo molte vasche è chiaro che devo tagliare dove posso. Ma non sottovaluterei l'efficacia dei biocondizionatori, e ne contestualizzerei l'utilizzo.

La torba è il rimedio migliore, perché oltre a depurare (come Tony ha accennato) stimola con una blanda acidità la secrezione del preziosissimo velo protettore, barriera naturale invisibile tra pesce e acqua. E' tutto lì.

Link to comment
Share on other sites

@@tatore. Salvo io uso l easy life in vasca di stabulazione , uso 20 ml su 100 litri Prima di dosarlo lo shekero per bene , mi sembra che sul fondo mi lasci dei residui , cosa potrebbe essere?

Link to comment
Share on other sites

Argilla, sicuramente. E' tra tutti i prodotti sicuramente il più naturale. Io non ho mai visto residui, ma non l'ho mai usato in stabulazione. Sempre direttamente in vasca.

Link to comment
Share on other sites

infatti ha quel colorito ed è polvere praticamente..inizialmente pensavo fosse qualcosa in uscita dal mio impianto ad osmosi , ma poi son andato x esclusione ed era lui , thanks!

 

devo preoccuparmi di pulire il fondo dela vasca o posso lasciarlo li ?

Edited by Missingstar
Link to comment
Share on other sites

E' assolutamente indifferente. L'argilla è la materia più aqua-friendly che esista, quindi vai tranquillo. Lasciarla o toglierla sta a te.

Link to comment
Share on other sites

Io non lo uso, ma quando posso lo uso eccome. Non credo ai bugiardini, ma credo che l'azione che ha sulla mucosa di pesci particolarmente aggrediti da acque sempre più contaminate non sia cosa da poco.

Ci sono sia biocondizionatori naturali, che hanno un'azione tonica sulla cute dei pesci (es.: Easy Life, il migliore) che biocondizionatori con sostanze colloidali come Aquasafe, Aqutan ecc... (io sono antico, sono rimasto a Tetra e Sera, le altre marche avevano prezzi spaventosi) le cui premesse/promesse non sono corrispondenti alla realtà come descritte. Le acque sempre peggio trattate, le formule sempre le stesse, salvo comunicazioni delle aziende.

In breve: li userei se avessi del denaro extra da spendere, ma avendo molte vasche è chiaro che devo tagliare dove posso. Ma non sottovaluterei l'efficacia dei biocondizionatori, e ne contestualizzerei l'utilizzo.

La torba è il rimedio migliore, perché oltre a depurare (come Tony ha accennato) stimola con una blanda acidità la secrezione del preziosissimo velo protettore, barriera naturale invisibile tra pesce e acqua. E' tutto lì.

Stessa scuola di pensiero........ non posso che quotare :-)

Link to comment
Share on other sites

@@tatore proprio sull'argilla ventialta ho letto moltissimi articoli sulle sue incredibili proprietà benefiche. Quindi questo bio della easy life ne contiene giusto??

 

Io in stabulazione ho intezione di utilizzare sull'acqua prefiltrata, sia la torba (per acquari) sia il biocondizionatore (in dose dimezzata),e tra i tanti visti e stravisti,per ora mi affido all' AMTRA,anche perchè ne avevo ancora un bel pò in casa da smaltire.

Ora non sò se effettivamente sia utile o meno...però per sicurezza mia e dei pesci,ma soprattutto per i consigli che ho ricevuto qui sul forum da molti di voi, preferisco utilizzarlo :)

@@Mitch docet :)

Link to comment
Share on other sites

Io lo uso, l'ho sempre usato e continuerò ad usarlo nonostante prefiltri su carbone l'acqua di rete metto lo stesso il bio, nel tempo ho cambiato tante marche, dai classici Sera-Tetra, all'Aquili, al Dennerle, all'Easy-Life, al JBL, al Prodac; ultimo in ordine di tempo è l'Azoo ma da poco lo uso e non ho grossi riscontri, ad ora tra quelli usati il migliore secondo me è il JBL Biotopol con Aloe Vera

Link to comment
Share on other sites

Che poi alla fine...fatemi capire...

oltre a legare metalli pesanti,clorammina ecc ecc...

stò Bio,che CIPPA FA?????

rinforza davvero le difese immunitarie dei pesci??????

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.