Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Vermi Branchiali: Flagello O Sindrome Della Terza Settimana…e Non Solo!


tatore

Recommended Posts

dactylogyrus3501.jpg

 

E' online, nella home del forum, un articolo redatto da Gianmaria Luvino aka Jamy Diamond, in cui in maniera oggettiva, puntuale e dettagliata viene descritta una delle piaghe che spesso affligge i pesci e quindi gli acquariofili: la piaga dei vermi branchiali. Impariamo a leggerne i tratti patologici e leggiamo come si muovono gli allevatori. Fondamentali le caratteristiche descritte per capire qual'è la dinamica che rende questi trematodi spesso invincibili.

Possiamo non essere esenti da errori, quindi invito tutti per incertezze e perplessità sull'argomento e su quanto scritto a parlarne qui.

Buona lettura! http://www.discusclub.net/2011/01/vermi-branchiali-flagello-o-sindrome-della-terza-settimana%E2%80%A6e-non-solo/

Link to comment
Share on other sites

Sottoscrivo: è uno degli argomenti più delicati e difficili da trattare, perché quando si parla di "vermi", nematodi, trematodi, e compagnia bella, parliamo di una classe di parassiti davvero insidiosa. Spesso i princìpi attivi sono quelli, che negli anni sono quasi diventati...inutili per la farmacoresistenza sviluppata, però, capire qual'è la differenza tra un Gyrodactylus e un Dactylogyrus, ti fa anche capire perché si deve adottare una strategia di cura diversa nei diversi ceppi. Questo è il vero goal dell'articolo. Io so quanto ci ha lavorato Jamy, e quante volte lo ha cancellato completamente per rifarlo nuovamente. Però lo considero adesso un bel lavoro, anche se siamo coscienti che sono cose dette e ridette. Bisogna solo riuscire ad essere precisi nel porgere l'argomento agli appassionati. Questo mi è piaciuto molto.

Link to comment
Share on other sites

Proprio il fatto che è stata trattata la divisione dei ceppi di vermi rende questo articolo molto utile e interessante. Le nozioni che si sanno e risanno e compaiono ovunque sono le solite: vermi branchiali= neguvon, tremazol, droncit o formalina. Qui la cosa mi sembra decisamente più completa. L'ho trovato molto interessante

Link to comment
Share on other sites

Infatti il problema sostanziale è nel ciclo vitale del parassita, e nel suo "ancoraggio" alla lamella branchiale del pesce, che rende la respirazione un inferno pulsante. I princìpi attivi sono quelli...ma il Dactylogyrus si difende espellendo centinaia di cisti giornalmente, che rendono vano qualsiasi trattamento (morti i genitori, schiudono le cisti e il ciclo ricomincia). Anche l'espediente dell'incistamento del parassita e non delle uova.. si evince che il fondo va mantenuto sempre pulito e sifonato, che il trattamento in vasche arredate è prettamente inutile contro i Dactylogyrus (va meglio invece contro i Gyrodactylus, viviparo), e che va ripetuto perché bisogna aspettare un minimo di 5 giorni che schiudano anche le cisti.

Quindi non la potenza del trattamento, ma i tempi e la strategia.

Link to comment
Share on other sites

Si, tempi, strategia e olio di gomito - sifonature -.

Anche perchè il tempo di schiusa delle cisti è diverso dalle comuni uova e cambia con una variazione incredibile in base alla temperatura.

Link to comment
Share on other sites

Si, tempi, strategia e olio di gomito - sifonature -.

Anche perchè il tempo di schiusa delle cisti è diverso dalle comuni uova e cambia con una variazione incredibile in base alla temperatura.

Grazie comunque, Gianmaria. Hai uno spirito di condivisione che ti rende davvero unico. :thumbsu:

Link to comment
Share on other sites

Infatti il problema sostanziale è nel ciclo vitale del parassita, e nel suo "ancoraggio" alla lamella branchiale del pesce, che rende la respirazione un inferno pulsante. I princìpi attivi sono quelli...ma il Dactylogyrus si difende espellendo centinaia di cisti giornalmente, che rendono vano qualsiasi trattamento (morti i genitori, schiudono le cisti e il ciclo ricomincia). Anche l'espediente dell'incistamento del parassita e non delle uova.. si evince che il fondo va mantenuto sempre pulito e sifonato, che il trattamento in vasche arredate è prettamente inutile contro i Dactylogyrus (va meglio invece contro i Gyrodactylus, viviparo), e che va ripetuto perché bisogna aspettare un minimo di 5 giorni che schiudano anche le cisti.

Quindi non la potenza del trattamento, ma i tempi e la strategia.

Quoto alla grande! gli ancoraggi aprono ferite nelle branchie che danno il via ad altri parassiti (batteri, funghi, virus) che si moltiplicano in modo esponenziale !

bravi :goodjob:

Link to comment
Share on other sites

...esatto...immaginate che strazio per i pesci. E' davvero una delle patologie più rognose, una di quelle che sollecitano molti allevatori a togliere subito gli avannotti dalla coppia, per limitare al massimo la trasmissione e, una volta messi i piccoli in vasche più piccole, si possono fare cambi anche del 50/60% giornaliero, con probabilità di esubero di parassiti pari a zero, e pesci con acqua nuova ricca di sali minerali perfetta per la loro crescita..giusto per citare i vantaggi-

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.