Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Cosa si poteva fare per evitare questo?


Stefano.91

Recommended Posts

Salve vorrei condividere con voi una perdita di un maschio alla quale  tenevo molto  nel periodo alle prime armi .. quindi non giudicatemi per questo..  misi in 120 litri sei discus ... (so benissimo che non si fa oggi perché sarebbe come vivere in uno spazio  di due metri quadri con altri 4 coinquilini) ... i sei discus erano 3 da 13cm 1 da 16cm e 2 da 9cm.... cmq arrivo al punto si forma una coppia...... in allegato... cercai di documentarmi ma purtroppo nessuno mi aiutò non riesci a far altro che spostare tutti in un nuovo acquario da 160 litri con solo 14 giorni di maturazione altro madornale errore .....e lasciare la coppia in pace lì dove stava ... per cercare di far portare avanti la covata .... il discorso è che dopo un mesetto il maschio pigeon si ammala è qui le milioni di domande che tutt oggi mi assalgono .. magari qualcuno più esperto di me mi potrebbe dire cosa è successo... cosa si poteva fare per evitare tutto ciò.. grazie anticipatamente..

IMG-20221102-WA0003.jpg

Screenshot_20240205_062209_Gallery.jpg

Screenshot_20240205_062253_Gallery.jpg

Screenshot_20240205_062338_Gallery.jpg

Screenshot_20240205_062410_Gallery.jpg

Screenshot_20240205_062428_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites

Quando non c'era tutta questa letteratura 'on  demand', le nozioni che giravano intorno ai discus erano poche, difficilissime da mettere in atto ma estremamente veritiere. Però quello che si vedeva in giro per negozi non era quel bel discus delle riviste (c'erano Discus brief e Discus Notiziario), quello che vedevo io erano sempre piccoli discus in vasche tipo lazzaretto, brutti, con le pinne briciate, tramortiti di paura, malaticci. E la scritta del prezzo che era ovviamente spropositata.

Poi è arrivato internet a togliere un pò di esitazione, e improvvisamente tutto sembrò fattibile, ma così non è. il discus rimane discus con le sue esigenze vitali. Errori che come te facciamo tutti, c'è chi sempre come te li ammette, si cosparge il capo di cenere e chiede venia, chi invece impreca contro gli allevatori che fanno pesci deboli. Quindi nessuno ha la toga per giudicare.

Tornando al tuo discus onestamente non saprei da dove iniziare...sono talmente tante le fonti di possibili danni che è impossibile fare una stima certa. Comunque ecco, te ne elenco un pò:

  • temperatura
  • Ammoniaca (se il pH era sopra il 7.0)
  • intossicazione dovuta a troppi composti azotati e filtro inadeguato (al 100% su questo punto bisogna più vedere quanto siano responsabili i precedenti inquilini o meglio il loro ammucchiamento in poco spazio)
  • Infezione della vescica natatoria con evidente nuoto a testa in giù
  • Ultima anche come possibilità una batteriosi, avrebbe attaccato anche gli altri discus

Tutti questi punti in ordine di sospetto possono concorrere a ridurti il discus in fin di vita. Essendo poi un Pigeon quindi senza stress bar, passi dal vedere il discus normale a vederlo sottosopra senza alcun indicatore di malessere tra uno stadio e l'altro.

Chi ha discus deve necessariamente puntare su un'adeguata filtrazione. Comunque. Questa piuttosto come avveniva?

 

Link to comment
Share on other sites

Ciao tatore grazie della risposta....

il ph era intorno a 5 

Filtro era un classico interno da 30 cm a 3 stadi con lana spugna e cannolicchi avviato da più di un anno 

Nitriti e nitrati a zero l ammoniaca non sapevo nemmeno cos'era (tornando al tuo discorso).

Probabilmente i cambi ora che ci penso non controllavo la temperatura prendevo il bidone e lo versavo... cosa che oggi ho modificato con termoriscaldatore e pompe con acqua stabulata.

Potrebbe essere questo che ha infiammato la vescica notatoria?

Ti allego una foto di come purtroppo si è ridotto nonostante abbia letto qua e là qualche cura  ma con scarsissimi risultati.

Da notare la fossa nella parte laterale del povero pesciolone non riusciva nemmeno a risalire evidente stato di peggioramento prima di lasciarmi .... ci tenevo tantissimo...

 

Screenshot_20240205_200334_Gallery.jpg

Screenshot_20240205_200342_Gallery.jpg

Link to comment
Share on other sites

Sicuramente l'infiammazione è stata causata dallo sbalzo termico. L'ammoniaca si forma in ambienti alcalini, però è chiaro che se immetti dell'acqua a pH e temperature mooolto diverse dai parametri di destinazione si possono creare spike letali (per quanto riguarda l'ammoniaca) mentre la vescica sicuramente si è infiammata a causa dello sbalzo termico. E' come una polmonite per noi. 

L'ammoniaca (NH) purtroppo ha una grande affinità con l'emoglobina alla quale si lega sostituendo l'ossigeno. E avvelena gli animali. Anche il filtro sicuramente sottodimensionato per la biomassa iniziale ha smesso di risultare azotofissatore diventando solo un veicolo di avvelenamento. Basta non rifare più gli stessi errori. 

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.