Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Swim bladder sindrome considerazione e approcci scientifici


AlexG

Recommended Posts

Salve a tutti,per rispettare le regole inizio subito con i valori e la gestione. Vasca di litri 200 lordi,fauna coppia di discus,qualche corydoras ,2 ancystrus.Gestione:cambio del 15 per cento settimanale,inizialmente bisettimanale.(cambio effettuato con tubicino goccia a gocia quasi). temperatura 30,5 p,h 7,4 conducibilità 500 us.Alimentazione varia e una volta al di un pezzetto di  pastone oltre al granulato shg tubi e artemia lio.In sequenza ad un mese e mezzo di distanza ho avuto entrambi i pesci colpiti dalla sindrome del nuoto a testa in giu,esemplari magnifici,di cui tra poco conserverò solo il ricordo,dopo circa 2 anni che sono stati con me.C'E da aggiungere che gli esemplari sono fratelli,e presentano zona laterale rigonfia presumibilmente o il fegato o la vescica stessa

.Approcci scientifici: Ho letto in giro per la rete che la patologia può manifestarsi anche per un uso di carni animali,alcuni autori sembrano aver trovato una connessione  piuttosto evidente tra questa pratica comune in acquariologia e lo sviluppo della patologia all'organo di equlibrio/galleggiamento. di contro,schiere di allevatori più o meno professionisti,abituati quindi a grandi numeri,non denotano alcuna propensione allo sviluppo di tale patologia con l'uso di mangimi animali.La patologia sembra non essere contagiosa,anche se effettivamente ,per esperienza  personale,non avevndo soppresso l'esemplare femmina(il primo colpito) rimango col dubbio che dopo un mese e mezzo possa aver contagiato alche il secondo esemplare il maschio. Non credo alle pratiche empiriche che ritengono che un intervento preventivo con un antibiotico tipo sulfametossazolo o tetraciclina possa far regredire la patologia.Io l'ho fatto e non è servito,altre volte non ho fatto nulla e il pesce ha recuperato da solo in 2 gg. (altri casi non questo). Ora per completare il tutto servirebbe un autopsia sui 2 esemplari,io non me ne intendo,secondo voi c'è qualcuno in grado di eseguirla(veterinario biologo) o qualche istituto di patologie ittica?..sarebbe interessante per delineare un quadro più scientifico  della patologia,far luce sulle dinamiche dello sviluppo,eziologia dei patogeni e risposte più oggettive per inquadrare la sindrome,limitate dalle solite pratiche di uso dell'antibiotico(nn si sa se centrano batteri?!)e dai soliti piselli bolliti schiacciati.

Link to comment
Share on other sites

di solito si tende sempre a consigliare di alimentare a base di pastone solo quando ne hanno bisogno e cioè nella maggior fase di crescita quando sono piccoli, anche per far in modo di evitare magari patologie come la steatosi del fegato, o un ingrossamento dello stesso, insomma una cattiva abitudine alimentare può influire sicuramente sulla salute, il Dott.Mosconi diceva che per pesci e rettili si devono utilizzare grassi a basso punto di fusione come il pesce azzurro e nn carni di animali a sangue caldo, nn so se il fegato poss arrivare ad ingrossarsi in tal modo da comprimere la vescica natatoria, potrebbe essere visto la forma anatomica del discus..il tutto lo potresti affidare all'istituto zooprofilattico se hai conoscenze

Link to comment
Share on other sites

Non conosco nessun istituto quindi nessun consiglio in merito, ma questa sindrome, più volte ascritta nei vari testi di malattie come causa batterica, non l'ho mai avuta nei miei discus.....e ne ho avuti tanti in 25 anni di esperienza. Però posso dirti che nei miei acquari un'altra brutta bestia, sempre di origine batterica, ho cercato di combattere più volte con scarsissimi risultati, anzi deludenti. Le classiche macchie traslucide bianche, che in fase avanzata rende il discus scuro, che, anche prese in tempo non ristabiliscono mai il pesce riportandolo come prima della malattia.

In effetti concordo con te, non esiste un farmaco o mix di essi che ci possa aiutare in questi casi, adesso sto leggendo un libro, ho aperto un topic qualche giorno fa, e consiglia per questa tua malattia un mix di sostanze che chiama FMC, formalina, verde malachite ed acriflavina, con un antibatterico non venduto in Italia il furaltadone. Se vuoi provare ti posto le dosi, ma potrò solo domenica sera che sono fuori città.

Link to comment
Share on other sites

No non postarmi le dosi di Fmc,è la cura generica,che aimè i testi conigliano per molte malattie.Ora quello che mi interessa maggiormente è capire se è un patogeno o una sindrome legata all'alimentazione,o se è solamente un fattore genetico. devo trovare qualche ente struttura o qualcuno disposto a scoprire con un esame o una serie di  esami sul pesci, di cosa si tratta...vuoi vedere che è un patogeno che sta in vasca? @@Upacciu  mi stai facendo venire in mente questa cosa,perchè tu hai avuto manifestazioni cicliche di un altro tipo di malattia...anche con generazioni diverse di pesci e  in vari anni.

Link to comment
Share on other sites

Questa è una ipotesi reale, si parla spesso di patogeni latenti che aspettano che un pesce diminuisca le difese immunitarie per colpire, ed è provato che nei vari acquari ci possano essere dei batteri diversi arrivati con gli amici che introduciamo e che si possano formare nel nostro micro ambiente dei ceppi di determinati virus, batteri etc specifici.

Link to comment
Share on other sites

di solito si tende sempre a consigliare di alimentare a base di pastone solo quando ne hanno bisogno e cioè nella maggior fase di crescita quando sono piccoli, anche per far in modo di evitare magari patologie come la steatosi del fegato, o un ingrossamento dello stesso, insomma una cattiva abitudine alimentare può influire sicuramente sulla salute, il Dott.Mosconi diceva che per pesci e rettili si devono utilizzare grassi a basso punto di fusione come il pesce azzurro e nn carni di animali a sangue caldo, nn so se il fegato poss arrivare ad ingrossarsi in tal modo da comprimere la vescica natatoria, potrebbe essere visto la forma anatomica del discus..il tutto lo potresti affidare all'istituto zooprofilattico se hai conoscenze

 

in condizioni normali fegato e vescica natatoria sono molto vicini, separati solo da vasi, quindi non la comprimerebbe tutta ma se il fegato è steatosico o in ipertrofia riesce a comprimerne un piccolo tratto....

 

Inviato dal mio LG-P990 con Tapatalk 2

Link to comment
Share on other sites

Dunque ,credo che procederò fra qualche giorno ad una apertura dei pesci,vorrei però capire quanti siamo a dar da mangiare pastone ai discus anche in età adulta e quanti allevatori hanno mai riscontrato,nel corso degli anni ,patologie  legate alla dieta che portassero ad  una sospensione dell'uso di carni.In parole povere quello che propongono i fratelli tedeschi,ovvero il buon cuore di bue per tutta la vita del pesce,è corretto o è un utopia?

Link to comment
Share on other sites

Personalmente mai avuto casi....ma leggevo e cito testualmente

-infezioni primarie e danni alla vescica natatoria;

-infiammazioni o processi tumorali,come cause secondarie di una patologia primaria;

-tubercolosi che provoca un' ipertrofia dell'organo infettato , il quale , comprimendo la 

vescica natatoria ne altera la normale funzionalità.

-...sovradosaggio di flubendazolo principio attivo contenuto nell'antielminico  Flubenol.

Naturalmente si citano anche possibili cause genetiche, oltre a sbalzi di temperatura e ph

 

.

grassi a basso punto di fusione come il pesce azzurro e nn carni di animali a sangue caldo, nn so se il fegato poss arrivare ad ingrossarsi in tal modo da comprimere

..anche questo può essere possibile.

Link to comment
Share on other sites

Flubendazolo,io ho usato qualche antielmintico,ma devo  dire con parsimonia e a scopo preventivo.Non so nemmeno se era presente flubendazolo.Dovrei verificare.Si potrebbe fare in un altra sezione un sondaggio relativo all'uso del pastone regolarlmente per più di dieci anni e longevità delle bestiole?  pure questo potrebbe far luce per abbozzare un quadro.

Link to comment
Share on other sites

Flubendazolo,io ho usato qualche antielmintico,ma devo  dire con parsimonia e a scopo preventivo.Non so nemmeno se era presente flubendazolo.Dovrei verificare.Si potrebbe fare in un altra sezione un sondaggio relativo all'uso del pastone regolarlmente per più di dieci anni e longevità delle bestiole?  pure questo potrebbe far luce per abbozzare un quadro.

 

mica solo flubendazolo, ai voglia di tanti principi attivi che influiscono!

 

Inviato dal mio LG-P990 con Tapatalk 2

Link to comment
Share on other sites

Ho soppresso i miei pesci,non sono andato avanti con autopsie e cavoli  vari,spero di mantenerne per sempre un buon ricordo,belli da morire effimeri come un castello di sabbia.Se gli approcci scientifici non sono andati avanti e se nessuno ha più risposto a questa discussione, credo che  si possa cancellare tutto  @@tatore valuta se è meglio chiudere qui l'argomento,io nn ne vedo sviluppi. Oltretutto sono triste da morire non credevo che si potesse essere tristi per 2 pescioni che si facevano accarezzare e ti ammaliavano attraverso  un vetro,non lo credevo,ma guardando l'acquario vuoto mi commuvo,cazzo di passione. allego la foto affinche la passione per la bellezza e la natura  continui a gettere radici più profonde dentro di noi .ciao pesci spero di aver fatto sempre il meglio per voi :((

post-1621-0-66327200-1365276148_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

mi dispiace per quello che ti è successo, spero che nella tua vita ci saranno tanti discus a darti tante soddisfazioni 

Link to comment
Share on other sites

Ora quello che mi interessa maggiormente è capire se è un patogeno o una sindrome legata all'alimentazione,o se è solamente un fattore genetico

 

La taglia raggiunta e lo "spessore" dei pesce,era ragguardevole,per raggiungere certi

risultati sicuamente l'alimentazione molto proteica e sopprattutto a base di proteine animali

devesser stata molto alta.Quindi direi che il discorso alimentazione può esser stata la causa.

Ma essene certi è  difficile. Pessonalmente il cuore lo sonninistro solo nei primi 3-6 mesi di vita.

 

 

 

il Dott.Mosconi diceva che per pesci e rettili si devono utilizzare grassi a basso punto di fusione come il pesce azzurro e nn carni di animali a sangue caldo, nn so se il fegato poss arrivare ad ingrossarsi in tal modo da comprimere la vescica natatoria, potrebbe essere visto la forma anatomica del discus
Link to comment
Share on other sites

grazie ragazzi...il padre dei due in questione era anche più spesso e più grosso....e nn aveva mai mangiato pastone(almeno SG dice di usare solo granulati)il padrone sicuramente nn aveva mai somministrato carne,eppure era sui 22 cm...la situazione è talmente complessa,purtroppo,che tutti gli approcci scientifici saltano,io penso a qualche patogeno,infatti ora  sterilizzerò la vasca,la taglia enorme e "show" dipende cmq anche molto dalla genetica,quelli di sg tirano fuori delle cose allucinanti.

so comunque,mio malgrado, che ho potuto ammirare e riflettere sulla bellezza e sulla maestosità di animali unici, noi tutti appassionati e acquariofili consapevoli,ci ritroviamo in casa,a volte anche senza farci troppo caso,delle opere d'arte viventi,sono felice di aver scoperto questo hobby e di condividerlo con altri amici. Nuovi discus ricominceranno un nuovo ciclo per me,ma il ricordo che ognuno ha dei pesci più belli  e più significativi è un ricordo speciale..ognuno ha sempre in mente il pù bello o quello a cui è stato più legato/affezionato.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.