Jump to content
Sign in to follow this  
danidiscus

[danidiscus] alghe in fase di avviamento

Recommended Posts

@@danidiscus io inserirei (sperando di non sacrificarli) degli antagonisti biologici come : Otocinclus affinis, girynocheilus aymonieri, crossocheilus siamensis oppure lumache del genere ampullaria o neritina. Le diatomee si propagano fino a quando i silicati tendono ad esaurirsi. Ecco l'importanza di adottare l'impianto ad osmosi per i futuri cambi sempre a patto che dalla tua acqua di rete il livello di silicati non sia cosi' alto da non poter essere trattenuto totalmente dall'impianto, in quel caso entrerebbe in gioco una post filtrazione anti silicati che andrebbe a sopperire la mancanza di un impianto "classico". Stesso discorso se decidi di eseguire un cambio ora prendendo nuova acqua osmotica da un negoziante o un amico(dovresti effettuare un test). Comunque io non la considero una cosa preoccupante , a parte il fastidio estetico che in questo momento provi. Vai di antagonisti biologici. ;)

infatti a vedersi sono brutte, anche le soluzioni di emanuele sono ottime è chiaro che i risultati nn sono visibili subito..

Share this post


Link to post
Share on other sites

@@tony81 e @@emanuele se procedo così:

Aspirazione della parte colpita, con eventuale aggiunta di acqua osmotica, e inserimento di N°2/3 antagonisti abbinati a un paio di lumache fino al raggiungimento della completa maturazione vasca.

Oppure metodo più drastico, totale svuotamento vasca come suggerito da @@Upacciu ?

 

 

Daniele

Tapatalk HD

Share this post


Link to post
Share on other sites

quello di upacciu è il metodo più drastico ritarderai la maturazione, come anche con la sifonatura..io ti ho suggerio il metodo con il flourish, fermo restando che la base del problema sono i nitrati a 50..di metodi te ne abbiamo suggeriti parecchi deciti tu se allungare i tempi o meno, o se aspettare fino a maturazione magari aiutandoti con qualche giorno con la vasca completamente al buio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Daniele ognuno ha delle proprie esperienze che spesso poi portano allo stesso risultato, tu puoi adottare i diversi metodi qui proposti e probabilmente nel tempo il risultato sarà lo stesso.

Sull'esperienza dei miei acquari, e ne ho allestiti parecchi, credimi, come penso anche Emanuele, il cambio di acqua come da me suggerito non mi comporta mai dei sacrifici enormi, la cosa che ti manca è un piccolo sistema nuovo ad osmosi del costo di 75 euro. Con una campana e tubo di gomma svuoti l'acquario buttando l'acqua nel gabinetto sifonando il fondo, poi attacchi il sistema di osmosi al rubinetto più vicino all'acquario e con un tubicino di quello dell'areatore lo fai arrivare in acquario e lo riempi quasi sino alla fine, le ultime dita le metti di acqua di rubinetto, biocondizionatore e batteri dell'acquaristica nel filtro e lo avvii, dopo 4 giorni gamberetti per le alghe filamentose ed un plecostomus, ancistrus od otocinclus, un paio di fili di Limnophila sessiflora a galleggiare e ti godi l'acquario senza alghe.

Se fai tutto oggi pomeriggio, domani pomeriggio il tuo acquario sarà come tu vorresti che fosse :-

Share this post


Link to post
Share on other sites
Daniele ognuno ha delle proprie esperienze che spesso poi portano allo stesso risultato, tu puoi adottare i diversi metodi qui proposti e probabilmente nel tempo il risultato sarà lo stesso.

Sull'esperienza dei miei acquari, e ne ho allestiti parecchi, credimi, come penso anche Emanuele, il cambio di acqua come da me suggerito non mi comporta mai dei sacrifici enormi, la cosa che ti manca è un piccolo sistema nuovo ad osmosi del costo di 75 euro. Con una campana e tubo di gomma svuoti l'acquario buttando l'acqua nel gabinetto sifonando il fondo, poi attacchi il sistema di osmosi al rubinetto più vicino all'acquario e con un tubicino di quello dell'areatore lo fai arrivare in acquario e lo riempi quasi sino alla fine, le ultime dita le metti di acqua di rubinetto, biocondizionatore e batteri dell'acquaristica nel filtro e lo avvii, dopo 4 giorni gamberetti per le alghe filamentose ed un plecostomus, ancistrus od otocinclus, un paio di fili di Limnophila sessiflora a galleggiare e ti godi l'acquario senza alghe.

Se fai tutto oggi pomeriggio, domani pomeriggio il tuo acquario sarà come tu vorresti che fosse :-

Il problema è proprio nel reperire un impianto di osmosi in maniera celere, vorrei prenderne uno consigliatomi qui sul forum, ma per far partire tutto ho speso piu del dovuto, quindi mi trovo costretto di attendere la nuova pecunia, poi sabato i carabinieri mi hanno purgato :( .

Oggi ho effettuato i test, notando un ottimo miglioramento, No3 25, No2 0, Cl2 0, GH16, KH 6, PH 7,6.

In attesa dell'impianto ridurrò il fotoperiodo portandolo a 5,5/6 ore, poi mi tocca aspettare per vedere come evolve, se dovesse peggiorare svuoterò tutto sempre dopo l'impianto.

Per il momento grazie @@Upacciu spero nei prossimi giorni di postare notizie buone :)

 

 

Daniele

Tapatalk HD

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

n attesa dell'impianto ridurrò il fotoperiodo portandolo a 5,5/6 ore

per me puoi anche stopparlo..per 2 o 3 giorni, o schermare la luce con della stagnola riducendo il fotoperiodo come hai detto..vedi se riesci a reperire dei pleco o ancy..

Share this post


Link to post
Share on other sites

n attesa dell'impianto ridurrò il fotoperiodo portandolo a 5,5/6 ore

per me puoi anche stopparlo..per 2 o 3 giorni, o schermare la luce con della stagnola riducendo il fotoperiodo come hai detto..vedi se riesci a reperire dei pleco o ancy..

Più che schermare potrei tenere il coperchio aperto, per fare entrare luce indiretta da un faretto che illumina la stanza, in più posso trasferire due ancistrus, nella speranza che non li condanno a morte. In attesa dell'impianto devo trovare un escamotage, speriamo bene.

 

 

Daniele

Tapatalk HD

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque ora mi è venuta in mente l'idea delle resine nel filtro, le utilizzi le butti e poi a maturazione avvenuta farai il cambio come previsto, almeno ti aiutano un pò a smaltire i nitrati, tanto pesci nn ci sono ora..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo un po di attesa ed essermi azzardato all'inserimento di qualche aiutino devo dire che la situazione si è ribaltata, non ho più quel tappeto di alghe e sembra non si stiano riformando, ho da chiedervi un consiglio sull'utilizzo della sprybar, vorrei usarla perché il flusso del normale erogatore è troppo forte, quindi vi chiedo dove meglio posizionarla? Vetro lungo o corto, orientamento del getto?

Grazie

 

 

Daniele Veltri

Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vetro corto sicuramente, senza esitazione. Io ho due filtri, uno con la spraybar (Eheim 2080) e uno col collo d'oca (2028) della Askoll. Fantastica l'accoppiata.

Per le alghe sul fondo ormai hai risolto, ma ti avrei detto che in fase di maturazione è un ottimo segno. E che si sarebbero esauriti con la maturazione del fondo che evidentemente sta diventando un filtro a letto fluido, segno che le cose stanno procedendo bene.

Cmq spray bar, per me lato corto. Dipende sempre se non cozza con altre correnti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@@tatore

Ciao salvo, mi fa piacere leggerti, infatti domani provo per vedere l'effetto correnti. ho azzardato con due ancy e tre otocincluns hanno fatto un buon lavoro, spero che una volta inseriti i Discus non si attacchino sopra

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho avuto varie vicissitudini...e non ce l'ho fatta a redigerlo. Se per domani trovo il mio tempo...col cuore.

Tornando al tema, spesso quei fenomeni vanno totalmente ignorati mentre durante la vita della vasca va data un'altra interpretazione. Nel marino per esempio arrivano al quarto mese i ciano, ma a tappeto. Non si toccano, perché esauriscono i nutrienti e implodono. Idem per il dolce.

Per gli oto sono un pò contrario. Non servono a tanto, resistono poco, non distinguono una pianta dal discus, sono brutti.

Fisime però mie personali. E ti confermo che spesso possono attaccarsi al discus se al discus non gli girano e li prende a morsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
Sign in to follow this  

×