Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

pentola o riscaldatore?


tony81

Recommended Posts

secondo voi è giusto o meno scaldare l'acqua sul fornello per risparmiare a livello economico? o meglio affidarsi al classico metodo?

Link to comment
Share on other sites

Uso da qualche tempo scaldare l'acqua dei cambi con il fornellone, mi spiego meglio, io ho la fortuna di abitare in una villetta e di avere sotto casa la cantina-garage, uso come contenitore dell'acqua cambi un fusto di acciaio inox tipo quelli per vino/olio e tenendolo alzato da terra ci ho ficcato sotto un fornellone a gas di quelli grandi, acqua in temperatura in 10 min con consumo irrisorio.

Tengo ovviamente sempre l'acqua in movimento anche quando si scalda e poi tramite pompa la sparo in vasca al piano superiore. Non c'è paragone con il riscaldatore classico sia come consumi che come tempistica, quando decido di fare il cambio scaldo l'acqua al momento senza aspettare giorni interi tenendo presente che il mio cambio è di circa 100-130lt alla volta.

Link to comment
Share on other sites

Non credo che Gio' porti l'acqua ad elevate temperature con il fornello, se cosi' fosse ,leggendo qua' e' la' ci sarebbe una diminuzione della durezza :

 

La durezza dell'acqua e' il contenuto dei sali , in particolare bicarbonati di calcio ,bicarbonati di magnesio e solfati di calcio.I bicarbonati di calcio e magnesio ,a temperatura ambiente ,sono solubili in acqua, ma a temperature elevate precipitano formando incrostazioni .La durezza dovuta a questi sali di Ca e Mg e' detta temporanea perche' e' eliminabile con l'ebollizione.La durezza dovuta invece agli altri sali ,eliminabile solo mediante processi di addolcimento , e' detta permanente . La somma delle due e' la durezza totale.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

...infatti (e grazie, @@emanuele ) col sopraggiungere della stagione fredda, in ritardo ma improvvisa, il problema mi è letteralmente crollato addosso. Ho fatto un cambio non a temperatura, l'ultimo che farò con quell'escursione termica poco idonea, e un pesce ha adesso danni alla vescica natatoria. Avrei dovuto evitare perché per una volta ho fatto finta di nulla.

La quantità d'acqua è così grande e scomoda da spillare che devo per forza sperare che arrivi a temperatura ambiente, e poi poche ore prima di usarla come cambio accendere i relativi termoriscaldatori. insieme ad aeratore e pompa di movimento. Come se le cisterne di raccolta e stoccaggio fossero degli acquari. Con la differenza che non contengono materiale filtrante, e che il riscaldamento non è fisso perché finché posso aspetto che l'acqua sia aerata perfettamente, e sappiamo che ad alte temperature l'ossigeno è nullo.

Una guerra che ormai combatto meccanicamente, ma (per rispondere a @@tony81)con termoriscaldatori. Vorrei poter avere spazio sufficiente per mettere i contenitori vicino fonti di calore. Non è possibile, però sono alti, e sono quindi posti nella parte più calda di casa. Mai pentole, la spiegazione di @@emanuele è più che esaustiva.

Link to comment
Share on other sites

Io mi aiuto con la caldaia. Riempio la vasca del cambio con metà osmosi fredda, poi un giorno prima del cambio riempio la restante metà con acqua bollente, sugli 80 gradi ed accendo il termoriscaldatore che nel giorno successivo non si accende mai.....decanta 24 ore con pompa di movimento collegata ad uv per spore alghe e batteri, niente areatore e poi in vasca.

 

Link to comment
Share on other sites

addirittura 80°..nn noti variazioni nei valori @@Upacciu? o sedimentazioni di sali sul fondo? quindi secondo voi è un buon sistema o no scaldarla in questo modo per la salute dei pinnuti?

Link to comment
Share on other sites

Che mi hai fatto ricordare @@tony81.....io scaldavo l'acqua così per i cambi negli anni 80....poi sono migliorato ....credo :-)

per me il metodo migliore resta il riscaldatore (O Come ha fatto @@titi) anche se il più dispendioso al livello di consumi e in case come la mia e quella di @@tatore non è possibile e ci dobbiamo arrangiare :-)

Link to comment
Share on other sites

io l'ho sempre riscaldata così con i pentoloni..però mi sono sempre chiesto se fosse deleterio o meno per i pesci in generale..

Link to comment
Share on other sites

L'acqua passa nella serpentina della caldaia, adesso non so esattamente se 75-90 gradi ho fatto una media.......non resta nessun tipo di sale, semmai il calcare si deposita nel boiler della caldaia....poi finisce nella vasca di decantazione con acqua di osmosi a conduttività 10 e con quella calda a 400 ottengo 200 microsiemens......poi gira tutto con uv scende di temperatura nell'arco delle successive 24 ore il termostato la mantiene sui 29 qualora dovesse andare sotto, ma non succede mai, solo dopo 40 ore circa......così facendo almeno l'acqua del cambio non incide tanto sulla bolletta luce.

Link to comment
Share on other sites

hai notato se chimicamente cambia qualcosa o no? a livello di valori insomma..

Non cambia nulla, anche perchè l'acqua arriva giusto ai 30° canonici e durante il riscaldamento metto la pompa di movimento sul fondo in modo da evitare surriscaldamenti nello strato basso del contenitore, ovviamente se lasciassi acceso il fornellone per tanto tempo andrebbe in ebollizione l'acqua, ma questo non può accadere perchè lo accendo prima di cominciare a sifonare il fondo e appena finita l'operazione l'acqua è a temperatura giusta per il cambio, circa 10 min.

Link to comment
Share on other sites

la vera domanda è :

riscaldatore

o

madre inca*** ??

=))

 

manca solo che gli metto la pentola sul fuoco e al 99% sul fuoco dopo ci finsice la mia testa ahhaha

Link to comment
Share on other sites

Upacciu[/b]' timestamp='1354806908' post='70004'] L'acqua passa nella serpentina della caldaia,

questo è un'altro dubbio che mi son sempre chiesto se crea o meno problemi passare per serpentine magari in rame delle caldaie..

Link to comment
Share on other sites

Il rame potrebbe disinfettare perché è un antibatterico......non andrebbe bene per l'acquario marino, ma per i discus non ci vedo particolari problemi.

Link to comment
Share on other sites

Upacciu[/b]' timestamp='1354985154' post='70083'] Il rame potrebbe disinfettare perché è un antibatterico......non andrebbe bene per l'acquario marino, ma per i discus non ci vedo particolari problemi.
mmm... si, è vero. E' un antibatterico. Ma non è un uso topico quello che ne facciamo noi.

Anni fa c'era un ragazzo che si vantava di aver ingegnato casa sua per scaldare l'acqua con queste serpentine che finivano dentro una tinozza in cui c'era il permeato+torba. Purtroppo dopo qualche mese i pesci uno ad uno iniziarono a mulinellare ed è stato il primo che mi ricordo abbia descritto questi sintomi. non so quale sia il legame, o se ci fosse nel suo caso. Ma i metalli in acque particolarmente acide possono rivelarsi deleteri, nella maniera più categorica.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.