Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Recommended Posts

Salve, ma secondo voi è veramente così utile ed indispensabile la lampada UV in acquario anche in assenza di patologie: problemi all'acqua, batteriosi, alghe.Oppure tenerla come prevenzione. :-w

Link to comment
Share on other sites

Ciao @@Tano.

Indispensabile direi no, ma nel 99% dei casi i sistemi vengono estremamente snelliti da fattori che possono diventare fonti di problemi. Esempio: la carica batterica, miceti, funghi e tutti organismi semplici che vengono irraggiati.

Io sono un grande promotore e la utilizzo moltissimo. Non si sostituisce a nulla però, e nulla può contro i parassiti. Ha anche le sue controindicazioni, ma fondamentalmente chi la usa non torna indietro, chi non l'ha mai usata ...sopravvive.

Troverai molte discussioni dedicate all'argomento qui sul forum, vediamo se riesco a trovarne qualcuna da indicarti

Link to comment
Share on other sites

http://www.discusclub.net/forum/topic/640-lampada-uv-c/

Ecco l'inizio del dibattito.

Ovviamente io col tempo ho anche accettato il legittimo contraddittorio, perché è vero che in molte circostanze potrebbe essere deleteria, ma di base la differenza in vasche (a casa mia) con lampada, e senza (o che accidentalmente rimangono senza) la vedo e la sento. Ormai sono anni..

Link to comment
Share on other sites

noi non avevamo mai fatto uso della lampada uv,ma da quando abbiamo cominciato ad usarla avverto un benessere generale. non la usiamo in maniera fissa,ma ciclica.cioe' passiamo vasca x vasca una volta al mese. voi cosa ne pansate?

Link to comment
Share on other sites

Per me l'utilizzo della UV va mantenuto continuo, non ad intermittenza. Ovviamente contestualizzo la prassi alle mie vasche, che sono poco arredate o arredate, quindi ha più senso un utilizzo continuo.

Vasche spoglie, cambi cospicui e filtri biologici non abnormi sono condizioni grazie alle quali l'uso delle lampade UV-C può essere quasi completamente evitato (o risparmiato), perché l'azione dei raggi e il benessere dei pesci, essendo l'irraggiamento lento e continuo, si vede nel lungo termine, non nel breve. Ecco perché *per me* la non-continuità elude i benefici oggettivi.

Link to comment
Share on other sites

certo quello che dici Salvo è giusto, di tenerla continuamente attiva.la mia paura ,nel nostro caso specifico, è che allevare pesci in un ambiente troppo sterile,quando cambieranno vasca,cioè che qualcuno li prende vadano in contro a problemi vari,tu cosa ne pensi?

Link to comment
Share on other sites

Che non è come un farmaco, attivo anche all'interno dell'organismo del pesce con i suoi begli effetti collaterali.

La UV-C "snellisce" ma non stermina. Da sollievo al lavoro del sistema immunitario dei pesci che saranno più contenti di vivere in un ambiente meno caustico.

Gli anticorpi ce l'hanno ormai gli animali, perché la UV non è sistematica o radicale nella sua azione. Molta gente pensa che la UV-C debatterizzi completamente l'acqua....magaaaaari. No, non è così: abbassa la carica batterica. Pertanto tra l'averla in funzione e il non averla...è meglio utilizzarla.

Altro esempio: infezioni fungine: se capita una micosi, o c'era la UV, o anche se non c'era mai stata, i pesci avranno sempre la stessa reazione, che implicherà l'intervento dell'acquariofilo con un antimicotico. Ed è a prescindere dalla UV-C. Se c'è una lampada seria è meno probabile che l'infestazione o l'infezione si propaghi in maniera fulminante, ma i pesci acquisiranno e svilupperanno lo stesso gli anticorpi.

Link to comment
Share on other sites

ah!!!!!!! la mia paura sta proprio nel fatto che i pesci crescano senza le dovute difese immunitarie. ma se tu dici che non è cosi allora eseguiro i test necessari

Link to comment
Share on other sites

Non ci sono test che noi acquariofili possiamo eseguire, ma solo ad occhio vedi l'acqua piu' limpida. Un laboratorio potrebbe esaminarti le UFC/ml (unità formanti colonie per ml), ma dovresti anche vedere se poi i batteri sono patogeni silenti, o azotofissatori.

Posso portarti un esempio: tra un ambiente pulitissimo e un ambiente accettabile a livello igienico, uno vive meglio nel primo. Ma se stai a lungo in ambienti molto puliti, non c'è il rischio che ti ammali, se poi ti ritrovi a vivere in ambienti meno curati. Ma che si viva meglio e più a lungo in circostanze di igiene eccellente nessuno lo può negare. Ecco...se può esserti più d'aiuto per capire la valenza della UV-C

Link to comment
Share on other sites

Io in questi anni ho avuto dei periodi in cui non l'ho usata, ma sono stati sempre brevi. Il senso di pulizia dell' acqua e di benessere sui pesci si avverte , eccome! Per me uv forever!

Link to comment
Share on other sites

Non ci sono test che noi acquariofili possiamo eseguire, ma solo ad occhio vedi l'acqua piu' limpida. Un laboratorio potrebbe esaminarti le UFC/ml (unità formanti colonie per ml), ma dovresti anche vedere se poi i batteri sono patogeni silenti, o azotofissatori.

Posso portarti un esempio: tra un ambiente pulitissimo e un ambiente accettabile a livello igienico, uno vive meglio nel primo. Ma se stai a lungo in ambienti molto puliti, non c'è il rischio che ti ammali, se poi ti ritrovi a vivere in ambienti meno curati. Ma che si viva meglio e più a lungo in circostanze di igiene eccellente nessuno lo può negare. Ecco...se può esserti più d'aiuto per capire la valenza della UV-C

si su questo sono pienamente d'accordo con te. pero' penso e credo che se un pesce nasce e cresce in un ambiente praticamente sterile,il suo corpo non sviluppera' difese immunitarie particolari,giusto? dunque io questo pesce poi lo vendo ad uno dei tanti che non usano uv ecc....ho paura che questo pesce si trovera' in difficolta'. dunque la lampada uv secondo me utilissima ma va usata nel modo corretto secondo i casi o le proprie esigenze.

Link to comment
Share on other sites

Minore è la carica batterica in acqua e maggiore è il benessere dei pesci,se poi parliamo di Discus, uno dei segreti

del successo nell'allevamento di quest'ultimo è proprio una limitata carica batterica,visto l'ecosistema in cui si è evoluto.

Non credo che far crescere un pesce in acqua senza lampada sterilizzatrice faccia diventare il pesce più tollerante.

I cospicui cambi che si fanno in accrescimento si fanno anche per diminuire la carica batterica.

Quindi ben venga la UV-C sia in accrescimento che nella normale gestione.

Link to comment
Share on other sites

Io in questi anni ho avuto dei periodi in cui non l'ho usata, ma sono stati sempre brevi. Il senso di pulizia dell' acqua e di benessere sui pesci si avverte , eccome! Per me uv forever!

Un attento osservatore,tipo @@Maury62 può sicuramente testimoniane i benefici,osservatore imparziale che più di tutto mira al benessere dei pesci.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.