Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Prodotti in commercio con autorizzazione del ministero della salute.


Upacciu

Recommended Posts

Non so se già ne avete parlato a tempo debito, circa due anni fa, e quindi esiste un altro topic, (casomai potete unirli)ma non ci sono più prodotti in commercio per la cura dei nostri amici, non so se posso scrivere nomi commerciali per non fare pubblicità, ma quelli autorizzati dall'AIC, cioè recanti la scritta presidio veterinario, si contano sulle dita della mano. Come si comportano i negozianti dove vi recate? So che tutto è partito da una chiamata al centro veleni di Milano, un bimbo aveva ingerito un medicinale usato dal padre per l' acquario, e non sono riusciti a risalire alla composizione chimica del prodotto perchè non riportata sulla confezione e giustamente sono stati ritirati dal commercio, avete notizie in merito? So che l'autorizzazione costa 20.000 euro per registrazione, che va rifatta ogni tre anni.....e quindi alle aziende non conviene.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 22
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • tatore

    7

  • AlexG

    6

  • Upacciu

    4

  • Maury62

    1

Io non ho notizie fresche in merito. I negozianti che frequento io (pochissimi) sanno solo che è vietato venderli e null'altro. Non so se c'è qualcosa

che si sta muovendo in ambito italiano.

Link to comment
Share on other sites

i nomi puoi farli siamo liberi da vincoli commerciali..l ultima volta li ho presi in germania, oppure si utilizzano medicinali ad uso umano come gli antibiotici o medicinali tipo vagilen flagyl nemex sempre da prendere in farmacia

Link to comment
Share on other sites

il negoziante delle mia cittá me lo aveva spiegato che avevano problemi con le licenze per una questione di guadagni.......visto che pagando la licenza avrebbero una grossa uscita e medicinali per acquari non se ne vendono costi tanti........la cosa buona che alcuni medicinali ad uso umano li possiamo adattare per curare i nostri discus.......

Link to comment
Share on other sites

I veti sono altri, legati sia all'AIFA che alle etichettature che mettono sui prodotti.

Io ho preso 3 anni di pausa, e lasciai internet che la linea Sera Prof. Med era fantastica, e reperibile. Son tornato nel 2010 col DiscusClub e questi prodotti non li vendevano più.

Ho chiesto perché, e mi rispose un negoziante che erano nuove direttive, presenti in una circolare che i commercianti DOVEVANO rispettare. I problemi sono stati di base tre:

  • la non chiarezza delle etichette: passano come biocondizionatori, ma sono poi farmaci a tutti gli effetti.
  • I principi attivi antibiotici, o antisettici forti, in quanto tali NON possono essere venduti in negozi di animali ma in farmacie che hanno prodotti veterinari. Questo comporta un ritiro dal mercato dei prodotti, e la presentazione per l'accettazione dell'AIFA dei prodotti per il commercio. Una spesa non indifferente per i produttori, non giustificata dall'introito. E chiaramente dovrebbero cambiare tutto, dalla confezione al protocollo che indica all'interno posologia, composizione ecc...
  • Da oltre lo spazio CE c'è sempre la non chiarezza delle etichette, che non collimano con le richieste delle nostre dogane, che richiedono, per prodotti ad uso veterinario o di origine animale, sia i certificati conformi firmati da medici veterinari del paese che produce, che il visto doganale del paese che spedisce, e l'accettazione della nostra dogana.

Questo è solo un tratto della lunghissima serie di motivi che purtroppo hanno colpito l'acquariofilo in termini di curativi. Una volta con la parola "biocondizionatore" passava fino ai banchi del negoziante dall'acqua di Lourdes al Verde Malachite ossalato, adesso no.

Link to comment
Share on other sites

In parte mi sembra giusto che ci sia una regolamentazione del farmaco veterinario per uso acquariofilo, ma non capisco perchè nessun produttore, eccetto aquarium muster si sia buttato in questo campo.....cioè, hanno tutto pronto, prodotto completo, basta solo la registrazione, non ci credo che non riescono ad ammortizzare la spesa.....elemosinare il prodotto dal venditore, col rischio per quest'ultimo di tutti gli annessi e connessi, mi sembra davvero pazzesco.

Piccolo OT: i discus qui in sicilia costano il doppio che al nord, bisognerebbe aprire un topic sui prezzi.

 

Link to comment
Share on other sites

Beh, non tutti abbiamo gli stessi santi in paradiso. E' probabile che Aquarium Munster abbia un operato diverso dalle altre case, e che comunque abbia fin da subito regolamentato la posizione dei prodotti ..non te lo so dire.

Certo è che il freno inibitorio all'accesso di alcuni prodotti era il prezzo. Se ci metti che non è che si vendano come l'aspirina, e che forse solo l'Italia oppone resistenza allo sdoganamento di alcuni prodotti, è ovvio che le società produttrici si fanno due conti e dicano "Chi li vuole li compri su Ebay". E Ebay sia...almeno per me. O Ebay, o Aquaristikshop.

Link to comment
Share on other sites

io ho rimediato all'estero il Parasite Guard della tetra in fizzy tab, appena uscito di fabbrica, tetravalente con praziquantel metronidazolo diflubenzuron e acriflavina...praticamente stermina tutto..tocca muoversi all'estero raga!

Link to comment
Share on other sites

io ho rimediato all'estero il Parasite Guard della tetra in fizzy tab, appena uscito di fabbrica, tetravalente con praziquantel metronidazolo diflubenzuron e acriflavina...praticamente stermina tutto..tocca muoversi all'estero raga!

 

Interessante, mi attivo subito per ordinarlo, anche se è un fritto misto di molecole, funziona o li ammazza prima che lo faccia la malattia?

Link to comment
Share on other sites

Contrarissimo a questi mix. Sviluppano solo farmaco-resistenze. Meglio individuare la diagnosi e curare, piuttosto che mettere questi mix in vasca. Anche i discus hanno un fegato (2 grammi) che si spappola.

Link to comment
Share on other sites

delle volte non si riesce ad individuare il patogeno poichè i sintomi che ha il pesce sono sempre gli stessi.

Discorso a parte per le malattie fungine e per ichtyo.

Questo prodotto è della tetra studiato per i pesci e quindi si evita il classico sovradosaggio dei farmaci per uso umano o veterinario.

Un altro punto a favore è che quando si instaurano malattie in un animale debilitato,si instaura contemporaneamente un processo degenerativo e deprimente delle funzioni vitali che genera l'instaurarsi di più patogeni contemporaneamente,quindi praziquantel più acriflavina più flagyl perchè no?

Delle volte se non curati sembra svilupparsi autonomamente un processo infiammatorio e degenerativo del tratto gastrico e del fegato.

In ogni caso senza un analisi accurata sono tutte parole e supposizioni.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
    • Gattosilvestro
      Allora spiego un po meglio la situazione  comprai 2anni fa circa 3 discus gia grandi di cui si era gia formata una coppia  li separai in acquario di comunita e anda tutto bene i piccoli dischi sono arrivati alla grandezza di un centesimo€ spostati in altra vasca piano piano sono morti tutti.decido di prendere un cubo solo per la coppia laddove hanno continuato a deporre moltissime volte ma senza risultati poi ho pensato di cambiare maschio (quello attuale) e depongono 1 volta a settimana dopo un po di mesi spoto tutto in acquari di comunita separati cn una reta e la trafila continua senza esito positivo  ora invece avendo a diposizione un 30o litri li ho spostati li dove la trafila continua puntuale ogni 7/10gg  stavo pensando di ricambiare maschio dato che con quello 1 volta era andata a buon fine  poi qualcuno sa dirmi che valori devo usare per far riposare la femmina che credo si stremata dalle continue covate spero do essere stato chioro e di non essermi dilungato saluti
    • tatore
      Ciao, le uova bianche no, sono già andate. Una coppia esperta le elimina selettivamente, per evitare che ife e miceti si propaghino sulle uova vicine, le altre ancora è presto per dirlo. Ancora qualche giorno e vedrai. Se le stanno a ventilare comunque stanno a fare prove tecniche. I valori sono ottimali. Le premesse ci sono tutte comunque. L'embrione cresce abbastanza velocemente quindi dovresti vedere a breve il punto nero dentro le uova. Le non fecondate imbiancano quasi subito.
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.