Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

[layout E Materiali] Un Ambiente Acquatico In Perfetta Armonia Con L'esterno


tatore

Recommended Posts

Questa domenica Mitch, la bellissima bambina e la splendida compagna ci hanno raggiunto a Roma, dove, anche se il tempo che abbiamo trascorso insieme era veramente poco, non è stato "troppo" poco da toglierci il piacere di andare a casa di Titi, da sempre per chi lo conosce, fonte di ispirazione per amanti dell'amazzonia ma anche se non rigorosamente di biotopo, amanti della natura.

Premesso che quella che lui considera una vasca per soli loricaridi è qualcosa di eccezionale, diciamo che è riuscito a trasformare un acquario di chiara ispirazione amazzonica, in un angolo di casa di suggestiva bellezza, fondendo perfettamente liane, Pothos, Philodendron (rigorosamente emerse), acqua nera, loricaridi, vasca.

Alcune foto, partendo dalla foto che meglio rappresenta l'intento di titi, autore di questo paradiso. Il più alto il nostro mitch, mentre dotto è Muscle man (io non ci sono):

 

DSC_2642.gifDSC_2620.jpg

DSC_2622.jpgDSC_2626.jpg

DSC_2634.jpgDSC_2637.jpg

DSC_2639.jpgDSC_2640.jpg

DSC_2643.jpg

 

Questo non è (solo) un omaggio a titi, dotto e Mitch, ma vuol essere qualcosa di meno consueto di cui parlare, ossia il punto in cui si incontrano (e come si incontrano) un pezzo chiuso con uno spazio aperto, in perfetta armonia.

Le radici del Pothos in vasca cominciano a denitrare ovviamente, e sono quelle che, insieme alle liane, conferiscono all'ambiente l'aura tropicale.

Link to comment
Share on other sites

sinceramente non so nemmeno come complimentarmi per tale opera....veramente impressionante...non avevo mai visto una vasca cosi... :bra:

Link to comment
Share on other sites

secondo mè sei riuscito a farti importare un pezzo di Amazzonia.non so' proprio come. sei unico.

Link to comment
Share on other sites

ammazza che bello!!! una cosa :io ho un spatifillo come pianta galleggiante(coltivazione idroponica),ed un altra con foglie lanceolate di cui nn conosco il nome, il phylodendron nn può stare con le radici immerse? ci sono delle cassette di terra che contengono le sue radici?

Link to comment
Share on other sites

Qualche mese fa parlavamo con titi delle piante che nel Bleher's Discus volume due venivano spesso citate come depuratrici, e ovviamente anche per l'effetto estetico notevole che esercitavano, perché in grado di frantumare il limite del vetro, e dare un senso di prosieguo all'ambiente. Non l'avessimo mai detto...il giorno dopo mi ha descritto a brevi tratti quello che aveva fatto, ma non pensavo che avesse fatto qualcosa di simile. E invece...

Link to comment
Share on other sites

l'effetto è molto bello,molte di queste piante sono tipiche di ambienti caldi e umidi sudamericani,poco esigenti anche di luce. praticamente si ricrea in toto il biotopo,creando uno spaccato terra fiume che è vivo ed in continua evoluzione,è come aver affettato una porzione di foresta pluviale .ma nn riesco a capire se il phylodendron è immersa o deve stare (o può stare) immersa..

Link to comment
Share on other sites

ammazza che bello!!! una cosa :io ho un spatifillo come pianta galleggiante(coltivazione idroponica),ed un altra con foglie lanceolate di cui nn conosco il nome, il phylodendron nn può stare con le radici immerse? ci sono delle cassette di terra che contengono le sue radici?

Lo Spatiphyllum spesso viene venduto come una varietà di Anubias, con la quale non condivide nulla, e i poveri appassionati lo coltivano sommerso quand'anche l'anubias quasi quasi soffre per la vita sommersa...ma ovviamente è robusta.

Il Pothos io consiglio sempre per esempio di farlo radicare tagliando una talea da un vaso qualsiasi (che ne so...anche da qualche condominio :undecided: ), e mettendola dentro un calzino con della torba esaurita. Il Phylodendron che ha titi è strepitoso, e non l'ho mai preso perché non lo trovo facilmente, dovrebbe essere il Philodendron selloum , che sviluppa radici aeree ramificate e numerose in prossimità di umidità, come nel caso di Titi. E anche alcune radici vanno direttamente in vasca estraendo quasi completamente i nitrati. Lo noti perché la pianta allarga la foglia tendenzialmente.

 

La luce è quella che dal vivo colpisce, perché proiettata sulle piante arriva proprio come in natura in acqua, ossia dopo aver attraversato (e servito) piante e acqua ambratissima. In quella vasca tiene "parcheggiati" giusto i loricaridi.

Link to comment
Share on other sites

Ragazzi, non scherzo quando dico che Titi è uno (se non il!) dei migliori acquascaper che ci sono in circolazione... Guardate che vasca!!! e tutto pensato nei minimi dettagli, appunto come dice Salvo, la luce non va diretta in vasca ma ricrea le condizioni naturali... Bravo Marcel!!!!

 

E bravi anche a Nicola e agli altri Romani per esservi incontrati, abbattendo sempre più il muro del virtuale!!!! sign0098.gif sign0098.gif

Link to comment
Share on other sites

si è il mio stile! appena ho tempo risistemo la mia vasca per discus,l'impostazione è quella anche ora,condivido anche per praticità, con l'acquario di titi,la lastra di plexiglass.

volevo mettere con le radici a mollo,in una sorta di fioriera in sospensione (fatta con filo metallico ricoperto di gomma isolante verde) sulla parete dietro una batteria di spatifillum,con quest'altra a foglie lanceolate che ho,e qualche pezzo phylodendron. ho delle lastre di corteccia di sughero da mettere sul muro ,dietro le piante..ora sono utilizzate con una porzione in acqua e una fuori a mò di sfondo tridimensionale(nn entrano tanto in profondità nell'acqua)...a dx e sinistra farei scendere radici intrecciate con sopra radicate anubias nane...su sabbia bianco beige qualche criptocoryne... vediamo tempo permettendo che esce fuori

Link to comment
Share on other sites

si è il mio stile! appena ho tempo risistemo la mia vasca per discus,l'impostazione è quella anche ora,condivido anche per praticità, con l'acquario di titi,la lastra di plexiglass.
Alex, tu non hai discus...sbaglio? Vuoi tornare ai discus? :undecided:
Link to comment
Share on other sites

grazie a tutti per i complimenti ragazzi. questa e tutta la colpa de la pesca. si come mi piace stare mezzo a la natura, qualcosa si impara.

 

 

si è il mio stile! appena ho tempo risistemo la mia vasca per discus,l'impostazione è quella anche ora,condivido anche per praticità, con l'acquario di titi,la lastra di plexiglass.

volevo mettere con le radici a mollo,in una sorta di fioriera in sospensione (fatta con filo metallico ricoperto di gomma isolante verde) sulla parete dietro una batteria di spatifillum,con quest'altra a foglie lanceolate che ho,e qualche pezzo phylodendron. ho delle lastre di corteccia di sughero da mettere sul muro ,dietro le piante..ora sono utilizzate con una porzione in acqua e una fuori a mò di sfondo tridimensionale(nn entrano tanto in profondità nell'acqua)...a dx e sinistra farei scendere radici intrecciate con sopra radicate anubias nane...su sabbia bianco beige qualche criptocoryne... vediamo tempo permettendo che esce fuori

 

al inizio la vasca era progettata cosi come dici te, solo che la dispersione di calore e umidità era enorme e ho dovuto modificare tutto. non sembra ma quella vasca a 60 cm di profondità. lo dovuta chiudere per forza con plexiglas,

Link to comment
Share on other sites

avevo preparati i biglietti come al cinema per farli vedere questa vasca ma mi hanno fregato. :dft007: . quando avrò il delfino rosa in vasca alzo i prezzi >:D

Link to comment
Share on other sites

Ma dico io si può fare una vasca per loricaridi in questa maniera? a parte il fatto che in mezz'ora non ne ho visto neanche uno, tutto un groviglio di liane tronchi e piante, ma per carità....... :57: e volevi pure 5€ a biglietto...

 

Ed è da persone normali collegare 3 eheim e un askoll cubo in un 2 metri per soli 23 discus selvatici? Ma dai su... E poi metti na cacchio di luce in più.....

 

La cosa che porto nel cuore comunque (e so anche Salvo, ma non vuole ammetterlo) è la SOGLIOLA, ammazza faccio fatica anche a scrivere da quanto sto ridendo..... Titi metti una foto dell'esemplare, è giusto che documenti dettagliatamente le caratteristiche di questo splendido animale... :o:

 

A parte gli scherzi, appena tornato lunedì sono subito andato al garden ed ho preso pothos per tutte le vasche, anche quelle degli scalari e degli ibridi........

 

X i tre dell'avemaria: vi ringrazio ancora molto, il tempo è stato poco ma siamo proprio stati bene, vi salutano Greta e la Violetta......

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.