Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Manutenzione Impianto Stabulizzazione


Recommended Posts

Signori, ecco la mia nuova para mentale che mi affligge...

Avete mai avuto la necessità di lavare il vostro impianto di stabulizzazione dell'acqua? io qualche settimana fà l'ho smontato (sono 4 fusti da 200 litri cad con l'apertura da 50 cm di diametro, quindi abbastanza accessibili da infililarci testa e spalle dentro) e ho visto che le pareti erano ricoperte da un velo di melma, è normale? A voi capita questo fenomeno?

Alla fine mi son preposto di lavare ogni 3-4 mesi i fusti, ma il problema aggiuntivo sta che vogliamo aumentare sensibilmente la capacità di questo impianto(da 800 a 2000 litri), ma le nuove cisternette che vorrei utilizzare sono inaccessibili per una eventuale pulizia.... Come fanno gli allevatori?

A voi la parola, aperta a tutti soprattutto a quelli che hanno o hanno avuto un impianto di stabulizzazione, che sia da 50 o da 50000 litri o che hanno esperienza!!!

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 25
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • sane84

    7

  • Enki

    6

  • tatore

    5

  • Jamy Diamond

    3

Signori, ecco la mia nuova para mentale che mi affligge...

Avete mai avuto la necessità di lavare il vostro impianto di stabulizzazione dell'acqua? io qualche settimana fà l'ho smontato (sono 4 fusti da 200 litri cad con l'apertura da 50 cm di diametro, quindi abbastanza accessibili da infililarci testa e spalle dentro) e ho visto che le pareti erano ricoperte da un velo di melma, è normale? A voi capita questo fenomeno?

Alla fine mi son preposto di lavare ogni 3-4 mesi i fusti, ma il problema aggiuntivo sta che vogliamo aumentare sensibilmente la capacità di questo impianto(da 800 a 2000 litri), ma le nuove cisternette che vorrei utilizzare sono inaccessibili per una eventuale pulizia.... Come fanno gli allevatori?

A voi la parola, aperta a tutti soprattutto a quelli che hanno o hanno avuto un impianto di stabulizzazione, che sia da 50 o da 50000 litri o che hanno esperienza!!!

Ciao Andrea... ma ... scusa tu hai lavato quello che definisci melma ?

Se ho capito bene hai lavato il film batterico dalle taniche, penso che era meglio che lasciavi tutto cosi com' era. Aiutava nella maturazione dell' acqua in stabulazione. Qualcuno conferma ?

ciao Andrea :dft012:

Link to comment
Share on other sites

Il film che si crea potrebbe essere batterico, ma dal colore potrebbero anche essere alghette coadiuvate da un sovraccumulo di silicati presenti in acqua. E' classica degli impianti di stabulazione che stoccano l'acqua di rete (ma i Sanelli hanno un'ottima acqua di rete). E' probabile che un semplice filtro anti silicati a filtrare l'acqua che raccogliete possa risolvere tutto, o magari (ma è un pochino sprecata) una UV-C per eventuali formazioni di alghe, batteri e diatomee (su queste ultime ho qualche dubbio).

In ogni caso sia chiaro che l'acqua stabulata biologicamente disponibile NON deve essere popolata da batteri, perché se così fosse apparterrebbero sicuramente a batteri che non sono né Nitrosomonas né Nitrobacter, ma colonie presenti nell'acqua di rete, che si sono sviluppate in condizioni adeguate ma totalmente estranee ai nostri sistemi chiusi. Quindi NO all'acqua biologicamente popolata, SI all'acqua biologicamente disponibile (senza pesticidi, antibatterici intesi come sostanze chimiche ecc..).

Andrea: ma l'acqua la pescate da sopra voi?

Link to comment
Share on other sites

anche io adesso voglio pulire la tanica da 500 lt che ho preso da ramke e dotto.......solo che non ci entro cavolo (capisco bene che per poterci entrare io ci vorrebbe una cisterna da 10.000 lt) cmq vorrei sapere quale è il miglior metodo per pulirla???? acqua di rete e via di risciacqui????? oppure usare qualche prodotto da disinfettare ma che non fa male..........;) ;) ;)

Link to comment
Share on other sites

Il film che si crea potrebbe essere batterico, ma dal colore potrebbero anche essere alghette coadiuvate da un sovraccumulo di silicati presenti in acqua. E' classica degli impianti di stabulazione che stoccano l'acqua di rete (ma i Sanelli hanno un'ottima acqua di rete). E' probabile che un semplice filtro anti silicati a filtrare l'acqua che raccogliete possa risolvere tutto, o magari (ma è un pochino sprecata) una UV-C per eventuali formazioni di alghe, batteri e diatomee (su queste ultime ho qualche dubbio).

In ogni caso sia chiaro che l'acqua stabulata biologicamente disponibile NON deve essere popolata da batteri, perché se così fosse apparterrebbero sicuramente a batteri che non sono né Nitrosomonas né Nitrobacter, ma colonie presenti nell'acqua di rete, che si sono sviluppate in condizioni adeguate ma totalmente estranee ai nostri sistemi chiusi. Quindi NO all'acqua biologicamente popolata, SI all'acqua biologicamente disponibile (senza pesticidi, antibatterici intesi come sostanze chimiche ecc..).

Andrea: ma l'acqua la pescate da sopra voi?

 

Quoto, si tratterebbe comunque di un ceppo batterico che poco serve alla maturazione della vasca. Capita anche a me, ma avendo una tanica da 50 litri, ogni 15 giorni la pulisco.

Link to comment
Share on other sites

anche io adesso voglio pulire la tanica da 500 lt che ho preso da ramke e dotto.......solo che non ci entro cavolo (capisco bene che per poterci entrare io ci vorrebbe una cisterna da 10.000 lt) cmq vorrei sapere quale è il miglior metodo per pulirla???? acqua di rete e via di risciacqui????? oppure usare qualche prodotto da disinfettare ma che non fa male..........;) ;) ;)

Il velo di mela era nerastro e col solo getto dell'acqua ( con le pistole da giardinaggio, fa un getto che è doloroso se puntato sulla mano quindi abbastanza forte) non andava via, ho dovuto usare una spugna... Sarà un caso o effetto placebo, ma i giorni seguenti alla pulizia ho notato che i pesci erano in condizioni migliori (non che prima stessero male, ma li ho visti più vivaci)...

 

Astro, i disinfettati possono essere pericolosi (ti ricordi a Genova che effetti danno pochi ppm di disinfettante sul filtro biologico?), quindi se li usi (e consiglio l'ipoclorito di sodio puro senza profumi o altri eccipienti oppure l'amuchina) devi risciacquarla non bene, ma benissimo, e una cisternetta da 500 litri non è un biscottino....

Link to comment
Share on other sites

devi risciacquarla non bene, ma benissimo, e una cisternetta da 500 litri non è un biscottino....

 

ehehehheh afferato Andre!!!!! vado d'acqua al massimo acqua calda!!!! da sciogliere le incrostazioni......grazie mille ciao

Link to comment
Share on other sites

Il film che si crea potrebbe essere batterico, ma dal colore potrebbero anche essere alghette coadiuvate da un sovraccumulo di silicati presenti in acqua. E' classica degli impianti di stabulazione che stoccano l'acqua di rete (ma i Sanelli hanno un'ottima acqua di rete). E' probabile che un semplice filtro anti silicati a filtrare l'acqua che raccogliete possa risolvere tutto, o magari (ma è un pochino sprecata) una UV-C per eventuali formazioni di alghe, batteri e diatomee (su queste ultime ho qualche dubbio).

In ogni caso sia chiaro che l'acqua stabulata biologicamente disponibile NON deve essere popolata da batteri, perché se così fosse apparterrebbero sicuramente a batteri che non sono né Nitrosomonas né Nitrobacter, ma colonie presenti nell'acqua di rete, che si sono sviluppate in condizioni adeguate ma totalmente estranee ai nostri sistemi chiusi. Quindi NO all'acqua biologicamente popolata, SI all'acqua biologicamente disponibile (senza pesticidi, antibatterici intesi come sostanze chimiche ecc..).

Andrea: ma l'acqua la pescate da sopra voi?

 

no Salvo,abbiamo una pompa che pesca a circa 10 cm dal fondo.

Link to comment
Share on other sites

E questo in qualche modo potrebbe escludere l'accumulo di metalli pesanti. Ma stabulate acqua di rete, o mista?

Link to comment
Share on other sites

E questo in qualche modo potrebbe escludere l'accumulo di metalli pesanti. Ma stabulate acqua di rete, o mista?

Acqua di rete arricchita di sali per arrivare alla conducibilità desiderata di 320 microsiemens...

Link to comment
Share on other sites

Acqua di rete arricchita di sali per arrivare alla conducibilità desiderata di 320 microsiemens...

 

Sentilo il professionista.... ;)

 

 

Comunque consiglio anch'io di sciacquare la tanica con acqua molto calda una volta al mese se è possibile.

Link to comment
Share on other sites

CI sono impiantini da ozonizzazione che fanno miracoli, sono un pochino costosi in acquisto ma poi praticamente sono infiniti, niente manutenzione o ricambi.

 

Se vuoi ottenere acqua pura dal rubinetto è l'unico modo.

 

In teoria l'ozono finisce anche nella tanica e poi perde la capacita ossidante durante la stabulazione ma nel frattempo ha eliminato ogni forma di batterio, fungo, alga, metallo pesante, Cloriti, Cloruri, Trialometani.

 

Val la pena farci un pensiero

Edited by Enki
Link to comment
Share on other sites

CI sono impiantini da ozonizzazione che fanno miracoli, sono un pochino costosi in acquisto ma poi praticamente sono infiniti, niente manutenzione o ricambi.

 

Se vuoi ottenere acqua pura dal rubinetto è l'unico modo.

 

In teoria l'ozono finisce anche nella tanica e poi perde la capacita ossidante durante la stabulazione ma nel frattempo ha eliminato ogni forma di batterio, fungo, alga, metallo pesante, Cloriti, Cloruri, Trialometani.

 

Val la pena farci un pensiero

 

Interessante Enki, come funzionano questi impiantini?

Link to comment
Share on other sites

diciamo che sommariamente devi far finta che sia un aeratore come ingombro, che attraverso una scarica elettrica trasforma le molecole di O2 in molecole di O3, ovviamente molto più reattive e ottime per sterilizzare l'acqua. Si usa con misura e criterio nel marino, nel quale regala un aspetto cristallino all'acqua che spesso si incafona di unicellulari e migliora tutti i processi biochimici che pendono dal Redox.

Nel dolce come concetto non ha mai attecchito, ma per igienizzare un recipiente è perfetto, anche se l'aria che viene trattata dall'ozonizzatore deve passare per una colonna di resine che trattengono l'umidità: l'essiccatore. In molti stati americani è proibito perché considerato tossico, il gas che viene prodotto, in determinate concentrazioni. C'è chi si ingegna infatti usando dei filtri (non d'acquario) di carbone purificatore, che elimina questo inconveniente.

Non ci avevo pensato...potrebbe essere un ottimo rimedio. Non costa nemmeno troppo. Se non ricordo male.

Ho scritto di getto, sono stato anche ad un convegno di acquariofilia marina che trattava l'argomento, ma ho ricordi sbiaditissimi.

Link to comment
Share on other sites

da quel che so, esistono vari sistemi sia da attacare al rubinetto come questo:

 

http://www.igena.it/news-testo.asp?sezione=&idCategoria=&idArticolo=85

 

 

che quelli per uso continuo in vasca:

 

http://www.aquariumline.com/catalog/philips-ozonizzatore-acquari-dacqua-dolce-litr-p-10290.html

 

non prendere per oro colato tutto quello che dicono ma di sicuro c'è che l'ozono è davvero un valido aiuto in caso di alghe, funghi, batteri, e picchi di nitriti e molto altro ancora

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.