Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Fame Di Conoscenza!


Alvar_Hanso

Recommended Posts

Ciao a tutti

sto iniziando la mia avventura nel mondo dei discus partendo dalle fondamenta ovvero il mobile di supporto

ecco i link per il topic http://www.discusclub.net/forum/topic/1600-iniziamo-con-le-fondamenta/

la vasca è stata scelta Juwel Rio240 sistema di filtraggio deciso, filtro interno+eheim professional 3 2073

ora dato che ci vorrà del tempo prima che tutto possa iniziare...vorrei approfittare ed usufruire della vostra conoscenza in materia

per apprendere quanto più possibile sui discus. non ho ancora in mente che tipo di specie allevare perchè posso tranquillamente affermare che non le conosco... vi chiedo di aiutarmi in questa ricerca consigliandomi iniziando magari ad escludere specie più difficile per un neofita del settore

indirizzandomi verso specie più adatte citando i loro nomi e caratteristiche di allevamento cosi posso cercare le relative immagini ed iniziare a memorizzare tutte le informazioni...

quindi per chi volesse sono pronto ad ascoltare qualsiasi tipo di intervento

vi ringrazio già da adesso

Link to comment
Share on other sites

Ciao Io comincerei con dei rossi turchesi in modo che hai dei pesci facili da capire quando hanno qualcosa che non va o stanno bene;.)ùPoi sono anche belli, io metterei 6/7 esemplari anche 8 sui 8/10 cm, da qui poi tutto il resto per farli stare al meglio.

la prima cosa imparare a gestire i cambi d'acqua e saper controlare i valori.

poi vediamo piante coinquilini etc etc etc :-)

un slauto :-)

Link to comment
Share on other sites

Penso che sia in assoluto una delle domande più temute :011: ma io voglio presto passare la palla a te, andando per esclusione.

Di discus ce ne stanno ormai migliaia di tipi, varianti cromatiche, pattern (disegni) e caratteristiche fenotipiche distintive. Qui un piccolissimo riassunto, perché quello che viene prima di ogni cosa è il proprio gusto personale, e quindi non puoi farti i conti con gli altri, ma con te stesso in primis, poiché la scelta comporterà (se gli dei sono con noi) una convivenza con il padroncino molto, molto lunga. Ed è per questo che ti dico: scegli, pensaci tu.

Ci sono tuttavia alcune discriminanti che saranno le tue possibilità tecniche di tenere i discus in un certo modo e la provenienza.

Possibilità tue (non parlo dei soldi...): hai un impianto ad osmosi? Quali sono i valori della tua acqua di rete? Già a priori ovviamente escluderei discus selvatici.

Per i discus è sufficiente avere sempre a disposizione un certo quantitativo di acqua declorata e "stabulata" (approfondiremo), perché uno dei peggiori nemici della salute del pesce è il disastro chimico che crea in vasca cloro, metalli pesanti ed altre diavolerie presenti in tutte (o quasi le condutture del mondo).

In base ai valori che potrai loro garantire (tutti o condizionato dai valori dell'acqua di rete) comincerai a distinguere le provenienze: discus asiatici vogliono valori pressapoco di acqua tenera, pochi nitrati, cambi a temperatura, cibo proteico...ma generalizzare è un male.

Pesci dalla patria dell'allevamento dei discus (la Germania) variano con il variare dell'allevamento.

Inoltre, se hai acqua non proprio tenera, e vorrai dei pesci quindi adatti a tali valori, ti converrà (ma secondo me in ogni caso) iniziare con un gruppetto di esemplari subadulti, e non mischiare mai le provenienze: scotto di errore che pagano tutti. Pesci di provenienza diversa hanno un sistema immunitario che può far fronte ad uno storico patogeno diverso ed eterogeneo, con le conseguenze che potremmo farli ammalare tutti, senza per questo poter dire che è colpa di qualcuno.

Cominciamo quindi da due fattori:


     
  • valori della tua futura acqua, come ti organizzerai per i cambi, impianto ad osmosi inversa, reagenti per misurare i valori
  • varietà che ti piacciono maggiormente (pigeon, spottati, colori solidi o cosa).- Meglio puntare sempre su un gruppetto omogeneo di pesci, non solo per un fattore estetico.

 

A te la parola.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Io comincerei con dei rossi turchesi in modo che hai dei pesci facili da capire quando hanno qualcosa che non va o stanno bene;.)ùPoi sono anche belli, io metterei 6/7 esemplari anche 8 sui 8/10 cm, da qui poi tutto il resto per farli stare al meglio.

la prima cosa imparare a gestire i cambi d'acqua e saper controlare i valori.

poi vediamo piante coinquilini etc etc etc :-)

un slauto :-)

Mitico, io non ho il dono della concisione e mi hai bruciato :dft008:

Link to comment
Share on other sites

hihihi strano a parole lo sai sono un treno e non mi fermo mai hihihihi

cmq si di cose da valutare l'amico ne ha molte ma un mese di maturazione del filtro è un buon tempo per prepararsi ad ok :-)

Link to comment
Share on other sites

Come al Solito Tatore ha scritto tutto quello che c'era da scrivere lasciando poco per gli altri da aggiungere sign0098.gif .... Riassumendo sicuramente partire con degli ibridi, non troppe varietà che a mio avviso stanno male, una unica come ha detto Dotto secondo me è la scelta ideale... Devi organizzarti con taniche o fustini per i cambi d'acqua, e viste le dimensioni parliamo di 50 litri a settimana, posta i valori della tua acqua di rete e vediamo come devi trattare l'acqua....

Link to comment
Share on other sites

Ciao Io comincerei con dei rossi turchesi in modo che hai dei pesci facili da capire quando hanno qualcosa che non va o stanno bene;.)ùPoi sono anche belli, io metterei 6/7 esemplari anche 8 sui 8/10 cm, da qui poi tutto il resto per farli stare al meglio.

la prima cosa imparare a gestire i cambi d'acqua e saper controlare i valori.

poi vediamo piante coinquilini etc etc etc :-)

un slauto :-)

 

intanto grazie a tutti per la partecipazione...vi rngrazio davvero tanto spero che manterrete questa disponibilità a lungo...ne ho bisogno ehehehe

domanda stupida i rosso turchee sono anche chiamati RT?...se cosi fosse ho un'idea abbastanza chiara di come sono fatti e mi piacciono ma comunque approfondirò e ti darò un responso più certo...ma 8 esemplari non potrebbero essere troppi?

 

Penso che sia in assoluto una delle domande più temute :011: ma io voglio presto passare la palla a te, andando per esclusione.

Di discus ce ne stanno ormai migliaia di tipi, varianti cromatiche, pattern (disegni) e caratteristiche fenotipiche distintive. Qui un piccolissimo riassunto, perché quello che viene prima di ogni cosa è il proprio gusto personale, e quindi non puoi farti i conti con gli altri, ma con te stesso in primis, poiché la scelta comporterà (se gli dei sono con noi) una convivenza con il padroncino molto, molto lunga. Ed è per questo che ti dico: scegli, pensaci tu.

Ci sono tuttavia alcune discriminanti che saranno le tue possibilità tecniche di tenere i discus in un certo modo e la provenienza.

Possibilità tue (non parlo dei soldi...): hai un impianto ad osmosi? Quali sono i valori della tua acqua di rete? Già a priori ovviamente escluderei discus selvatici.

Per i discus è sufficiente avere sempre a disposizione un certo quantitativo di acqua declorata e "stabulata" (approfondiremo), perché uno dei peggiori nemici della salute del pesce è il disastro chimico che crea in vasca cloro, metalli pesanti ed altre diavolerie presenti in tutte (o quasi le condutture del mondo).

In base ai valori che potrai loro garantire (tutti o condizionato dai valori dell'acqua di rete) comincerai a distinguere le provenienze: discus asiatici vogliono valori pressapoco di acqua tenera, pochi nitrati, cambi a temperatura, cibo proteico...ma generalizzare è un male.

Pesci dalla patria dell'allevamento dei discus (la Germania) variano con il variare dell'allevamento.

Inoltre, se hai acqua non proprio tenera, e vorrai dei pesci quindi adatti a tali valori, ti converrà (ma secondo me in ogni caso) iniziare con un gruppetto di esemplari subadulti, e non mischiare mai le provenienze: scotto di errore che pagano tutti. Pesci di provenienza diversa hanno un sistema immunitario che può far fronte ad uno storico patogeno diverso ed eterogeneo, con le conseguenze che potremmo farli ammalare tutti, senza per questo poter dire che è colpa di qualcuno.

Cominciamo quindi da due fattori:


     
  • valori della tua futura acqua, come ti organizzerai per i cambi, impianto ad osmosi inversa, reagenti per misurare i valori
  • varietà che ti piacciono maggiormente (pigeon, spottati, colori solidi o cosa).- Meglio puntare sempre su un gruppetto omogeneo di pesci, non solo per un fattore estetico.

 

A te la parola.

 

tato sapevo ancora prima di conoscerti che saresti stato una garanzia e adesso ne ho la piena certezza...

per i selvatici sono daccordissimo con te non è il momento e ovviamente per adesso non so se vorrei allevarli forse come tante cose nella vita

è un desiderio che scatta col tempo ma per adesso voglio imparare e quindi trattare specie meno esigenti...

per l'acqua di rete non conosco i valori...ho dei test a strisce (so che dovrò sbarazzarmene molto presto) ma se per una linea indicativa

posso andare bene dopo pranzo faccio un piccolo test e vi posto i valori...anche s eho un'amico laureato in chimica che sta facendo tirocinio in un laboratorio e credo che stia proprio trattando l'analisi delle acque nella nostra zona potrei far eseguire qualche test a lui se fosse possibile

purtroppo noi qui con l'acqua stiamo messi maluccio a volte non possiamo utilizzarla ne per cucinare ne per lavarci perchè a volte abbiamo

una concetrazione di metalli pesanti e altre schifezze che supera i valori di sicurezza ed è per questo che sarei restio ad utilizzarla per l'acquario non vorrei che tutto venga compromesso per un acqua inquinata

sarebbe eventualmente possibile utilizzare solo acqua osmosi?

non ho un impianto ad osmosi e non so di preciso come funzionano purtroppo devo assolutamente fare i conti con i consumi perchè e bollette le pagano i miei e non vorrei svenarli consumando quantità d'acqua eccessive anche perchè da quel poco che ho capto da questi impianti fuoriesce acqua di scarto che in pratica va buttata....magari potreste aiutarmi facendo chiarezza sul funzionamento del sistema e se possibile quanto questo incide siu consumi e conseguenti bollette...

per la specie in effetti mia piacerebbe averne solo un tipo credo che come molti di voi spesso dicono si otterebbe un migliore impatto visivo rispetto ad un gruppo di diverse specie...

nel negozio dove di solito vedo discus hanno quelli di provenienza asiatica ma quando sono andato ieri non li avevo e sono un po in ritardo con le consegne ripasserò in settimana per vedere se sono arrivati e se posso fare qualche foto per vederli insieme a voi

qualcuno, ora non ricordo chi, mi aveva sconsigliato gli asiatici...quindi la domanda è è meglio prenderli o mi tocca venire a roma e magari prendere degli esemplari italiani o tedeschi?

Link to comment
Share on other sites

Esatto, RT sta per Red Turquoise, Rosso Turchese, per l'acqua... Con il test a strisce fai ben poco, anche perchè non indicano i valori che maggiormente ci interessano, nello specifico conducibilità, kH (duretta carbonatica) gH (durezza totale espressa in milligrammi di Calcio e Magnesio), Nitriti e Nitrati... Ma se mi dici che hai questi problemi allora mi sa che devi procurarti un bel impianto osmotico... Usare acqua solo di osmosi è possibile ma va integrata con appositi sali (non puoi usarla pura!!!).. Per i consumi dipende tutto dalla pressione dell'acqua che hai, più è alta più hai un rendimento migliore, ma in linea di massima vale la proporzione 1-4, ovvero per ogni litro di permeato (acqua osmotica) ne butti via 4, quindi hai un rendimento del 20 %, in soldoni per preparare 50 litri di acqua osmotica ne utilizzi 250, sono 1000 litri al mese quindi circa 1 euro (per ora, se la privatizzano non so...), quindi praticamente nulla, infatti la spesa di un acquario dopo l'acquisto dello stesso e dell'arredo non è l'acqua ma l'energia elettrica, ma ripeto la spesa grossa è appunto l'acquisto della vasca più l'arredo e i pesci... Tra tutto metti un budget di 1000 euro (mi pare di capire che solo di vasca hai speso 400)...

Link to comment
Share on other sites

Esatto, RT sta per Red Turquoise, Rosso Turchese, per l'acqua... Con il test a strisce fai ben poco, anche perchè non indicano i valori che maggiormente ci interessano, nello specifico conducibilità, kH (duretta carbonatica) gH (durezza totale espressa in milligrammi di Calcio e Magnesio), Nitriti e Nitrati... Ma se mi dici che hai questi problemi allora mi sa che devi procurarti un bel impianto osmotico... Usare acqua solo di osmosi è possibile ma va integrata con appositi sali (non puoi usarla pura!!!).. Per i consumi dipende tutto dalla pressione dell'acqua che hai, più è alta più hai un rendimento migliore, ma in linea di massima vale la proporzione 1-4, ovvero per ogni litro di permeato (acqua osmotica) ne butti via 4, quindi hai un rendimento del 20 %, in soldoni per preparare 50 litri di acqua osmotica ne utilizzi 250, sono 1000 litri al mese quindi circa 1 euro (per ora, se la privatizzano non so...), quindi praticamente nulla, infatti la spesa di un acquario dopo l'acquisto dello stesso e dell'arredo non è l'acqua ma l'energia elettrica, ma ripeto la spesa grossa è appunto l'acquisto della vasca più l'arredo e i pesci... Tra tutto metti un budget di 1000 euro (mi pare di capire che solo di vasca hai speso 400)...

 

il test a striscia che ho misura tutti questi valori tranne la conducibilità...tra l'altro devo ancora capire bene cos'è e a cosa serve hehehehe

per l'acqua di rete in se di sicuro non so....non mi fido tanto ma se riesco faccio fare un'analisi più specifica per vedere in che condizioni è

cavolo possibile che 1000 litri d'acqua costano 1 euro.....pensavo molto di più....ma non so purtroppo stando a casa con i meie di sicuro non apprezzerebbero molto vedermi che armeggio con l'acqua di casa e la lascio correre per ore....o per quanto serve non saprei dirlo....

si lo so che il grosso della spesa è la partenza...se tutto va bene sabato vado a prendere vasca e filtro....totale spesa circa €570,00 che botta....e manca ancora tutto il resto hehehehe

Link to comment
Share on other sites

stasera parlando con mio padre che, da quando sa che i suoi sforzi sono in internet e che sta ricevendo apprezzamenti, si sta gasando più di me per questo progetto discus, abbiamo preso in serissima considerazione l'acquisto di un impianto osmosi cosi la smetto di andare in giro in macchina con le taniche e farmi ogni volta 4 rampe di scale a salire e 4 a scendere per portarle dal garage alla mia camera....

e grazie anche a sane che mi ha un po illuminato sulla questione RO.

comunque guardando nel vostro... o fore posso iniziare a dire nostro forum... ho trovato delle foto

 

rossoturchesi_by_ramke.JPGcoppie spotted face 132_by anto.JPGturchese-cobalt-solid.jpg

bd_6_by tato.jpg

 

questi mi piacciano moltissimo per i colori...per gli RT ho notato che non sono tutti uguali ma ci sono diversi tipi di livrea giusto?

se ne volessi una in particolare c'è il suo nome specifico o no?

Link to comment
Share on other sites

Ciao Roberto! I test a striscia non sono molto attendibili. Devi procurarti reagenti liquidi: NO2 -NO3 - KH - GH - PH - Ammoniaca (almeno questi) poi fai un'analisi dell'acqua di rete.

Se dici comunque che l'acqua non è buona prendilo un impianto ad osmosi. L'acqua idonea è FONDAMENTALE per i discus !!!

Inizia col piede giusto e spendi il giusto all'inizio per non dover spendere di più dopo! Se puoi cerca di seguire i consigli che ti hanno dato Tatore e Dotto che la sanno lunga!

Ciao! Ti seguiamo! sign0098.gif

Link to comment
Share on other sites

Ciao Roberto! I test a striscia non sono molto attendibili. Devi procurarti reagenti liquidi: NO2 -NO3 - KH - GH - PH - Ammoniaca (almeno questi) poi fai un'analisi dell'acqua di rete.

Se dici comunque che l'acqua non è buona prendilo un impianto ad osmosi. L'acqua idonea è FONDAMENTALE per i discus !!! Inizia col piede giusto e spendi il giusto all'inizio per non dover spendere di più dopo! Se puoi cerca di seguire i consigli che ti hanno dato Tatore e Dotto

che la sanno lunga!

Ciao! Ti seguiamo! sign0098.gif

 

ciao Maury so che non sono attendibili ma magari potevano quanto meno offrire un'indicazione.

so che devo acquistare reagenti liquidi però sto pianificando un po di spese e anche se i test sono necessari al momento non posso prenderli tutti

quindi prenderò vasca e filtro la settimana prox, con un piccolo prestito dai miei, poi appena prendo lo stipendio vado e compro tutti i test

oltre a restituire il prestito...e poi....e poi basta aspetterò il prossimo stipendiuccio mi sa che mi atrrezzo con l'impianto ad osmosi ma si vedrà...intanto di sicuro abbiamo parecchio tempo per conoscere meglio sia voi che i discus heheheh

Link to comment
Share on other sites

Perfetto Roberto! Se riesci a non avere fretta, pianificare e attrezzarti prima di fare il passo è la strada sicura per avere ottimi risultati!

Te lo dice uno che ha buttato via un sacco di soldi per la fretta e la disinformazione! :dft012:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.