Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

chiariamo un po le idee su i cross batterici


Recommended Posts

volevo discutere sui famosi cross batterici e cosa questo fenomoneno crea nella ns vasche.

La “falsa peste” la si può avere unendo dei pesci di diversa provenienza. tutto questo perchè i pesci di tipo "A" non posseggono delle difese immunitarie specifiche per i batteri derivati dai pesci "B". con A e B non mi riferisco solamente a wild e ibridi ma anche a ibirdi provenienti da allevamenti diversi...

fatto questo piccolo esempio volevo discutere su i sintomi che accusano i discus e se ci sono combinazionidi discus che si possono definire meno o piu "rischiose"...inoltre per allargare un pochino il campo (che già di per se lo reputo un argomentone) dobbiamo considerare,e se si quanto, anche i batteri portati da altri inquilini che non siano discus?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 6
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • tatore

    2

  • tony81

    2

  • brex89

    2

  • Missingstar

    1

Popular Days

Top Posters In This Topic

Bastano anche le piante per veicolare in vasca parassiti e batteri.

Parlando comunque di batteri, vorrei fare una premessa: i batteri non sono come gli organismi pluricellulari, che per variare e adattarsi con il variare delle condizioni ecologiche ci mettono svariate generazioni: la mutazione dei batteri, che si dividono per scissione dando vita a due cellule identiche, avviene in tempi rapidissimi. Pertanto quello che distingue un batterio da un altro è la forma bacilli, cocchi, vibrioni, spirocheti ecc... e poi si distinguono per la tossina che sono in grado di produrre a discapito dell'organismo ospitante.

Premesso questo, consideriamo per esempio due vasche (A e B ): ecco, adesso immagina che nelle due vasche risiedono gli stessi batteri, patogeni a basso rischio ma pur sempre patogeni. Hanno entrambi i ceppi, stessa famiglia, sicuramente sviluppato strategie di insediamento nell'organismo ospitante, che per la popolazione di quella vasca va bene, ormai anche il sistema immunitario sa come tenere a bada eventuali massive proliferazioni, e l'acquarifilo ne limita la carica, con cambi, UV ecc....

I batteri della vasca B, idem. Strategia eventualmente diversa, magari latenti vivono in un determinato organo, e ivi rimangono senza esplodere. Con parassbuona pace di parassiti e parassitati.

Ma quando i due ceppi si mettono insieme, capisci che gli animali che ne subiscono inevitabilmente l'assalto, si trovano a dover fronteggiare nuovi tipi di attacchi, e possibilmente organi diversi. Questo indebolisce tutti i presenti in vasca, ed è per questo che il cross deve avvenire, ma dolcemente, lentamente, fino al completo....vaccino di entrambi i gruppi di animali/pesci: i nuovi, e i presenti.

In linea di massima questo è il cross batterico. Ma vale anche per i parassiti tipo flagellati e protozoi vari, anche se tra virgolette meno insidiosi e meno mutageni, ma sempre pronti ad un "adattamento" o resistenza pericolosi.

Link to comment
Share on other sites

salvo cosa intendi se il cross deve avvenire , ma dolcemente lentemente...? proprio nel senso fisico intendo cosa fare? credo che questo fattore dei cross batterici vada oltre la quarantena del pesce giusto?

Link to comment
Share on other sites

un passaggio lento può essere mischiare le acque della vasca A con la vasca B, per poi passare al passaggio di un solo soggetto ed infine tutto il nuovo gruppo acquistato, comunque i cross batterici si possono scatenare anche con vasche che nn vengono mai messe a contatto ma nello stesso ambiente tanto che alllevatori hanno stanze diverse per evitare questo o adirittura nn fanno entrare gente per evitare problemi

Link to comment
Share on other sites

di conseguenza la quarantena è un passaggio utile ma fino ad un certo punto...ma una volta inseriti i soggetti se uno "infetta" l'altro da quali comportamenti lo vediamo? ce qualche segnale che ci fa accendere la *-:) per farci pensare ad un problema dovuto ad un cross e non ad altro?

Link to comment
Share on other sites

Missingstar[/b]' timestamp='1336428801' post='60588'] salvo cosa intendi se il cross deve avvenire , ma dolcemente lentemente...? proprio nel senso fisico intendo cosa fare? credo che questo fattore dei cross batterici vada oltre la quarantena del pesce giusto?
In teoria non esistono passaggi "dolci", perché i batteri sono troppo veloci nel moltiplicarsi. Qualcosa che può rallentare questo stacco è la manutenzione igienica della vasca, una UV-C e la Q-tank (vasca di quarantena) nei termini e nei modi che ha detto Tony. In pratica mantenere i pesci in quarantena e piano piano incrociare le provenienze è come fare un vaccino a vecchi e nuovi. Scaraventarli direttamente in vasca è come se, invece del vaccino, ti somministro la malattia.

Stiamo sempre parlando di cross batterici, primo step. Poi ci sono altri patogeni che devono o essere epurati, o essere trasmessi in maniera graduale se sono patogeni commensali e non assassini.

Link to comment
Share on other sites

di conseguenza la quarantena è un passaggio utile ma fino ad un certo punto...ma una volta inseriti i soggetti se uno "infetta" l'altro da quali comportamenti lo vediamo? ce qualche segnale che ci fa accendere la *-:) per farci pensare ad un problema dovuto ad un cross e non ad altro?

alla fine hanno pochi ma tanti strumenti per comunicare che qualcosa nn va, per esempio un iper secrezione di muco e scurimento della livrea,il tutto poi è relativo a che tipo di parassita o batterio o virus si passano; per la questione cross batterici andate a leggere tutti i controlli che si fanno con i bovini ovini suini che vanno a finire sulle nostre tavole, quarantene, analisi, veterinari, abbattimento dei portatori sani..

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.