Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Fotografare L'acquario.......come si fa?


manudon

Recommended Posts

Dopo la faticata di domenica scorsa per allestire il mio "Big One", per chi volesse può dargli una occhiata quì: http://www.discusclub.net/forum/topic/2558-discus-stendker-stasera-in-arrivo/page__pid__46511__st__150?do=findComment&comment=46511, mi sono reso conto che sono una pippa a fare le foto.

 

Accertato questo, ho cercato in giro su internet, trovando consigli più o meno validi ma sempre basati su elementi di fotografia che partono da un livello già avanzato, da qui e dal fatto che non sono riuscito a trovare nulla di ciò sul nostro forum mi è venuta l'idea di aprire questo 3d chiedendo ai più esperti, consigli e tecniche di fotografia per quelli come me che devono partire dalla base della base dei principianti.

 

Si potrebbero suggerire i programmi preimpostati che ogni buona compatta ha, cosi tanto per partire, per poi magari arrivare ad usare le macchinette completamente in modalità manuale.

 

Visto il fior fiore di foto che girano sul forum credo non ci saranno difficoltà ad avere suggerimenti tenendo conto ovviamente del fatto che la maggior parte delle persone me compreso ha in dotazione delle semplici compatte da vacanza.

 

Ovviamente se l'argomento fosse stato già trattato prego i moderatori di chiudere questo 3d e darmi l'indirizzo dell'argomento già trattato

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 12
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • manudon

    6

  • Maury62

    4

  • tatore

    2

  • tony81

    1

Top Posters In This Topic

quello che ti posso suggerire e di fare foto il buio e la luce della vasca,di nn mettersi di fronte alla vasca ma di lato quando si usa il flash, di usare un cavalletto e di eliminare vari riflessi in stanza

Link to comment
Share on other sites

Infatti le opzioni sono tante, e alla fine vince sempre l'opzione "automatico", a seconda di quello che si vuol ottenere. Io son passato dalle compatte semi-reflex (simil reflex) alla Reflex professionale (adesso ho una Nikon D5000, e una Nikon D300). Il discorso, ringraziando il buon Maury6263 è sempre basato sulla luminosità, la distanza, la messa a fuoco del soggetto.

Spesso sulla modalità automatica la macchina fotografica sceglie di fotografare il vetro e non il suo interno (avete presenti le colate di acqua che si vedono su molte foto e non ad occhio nudo però? Ecco..) quindi anche sulla scelta della modalità automatica bisognerebbe "suggerire" alla macchina di puntare sui pesci. Ottima la luce delle T5, che fa aumentare la sensibilità allo scatto del soggetto, deleteria la luce in camera che devia l'interesse dell'obiettivo, diluendo e compromettendo la messa a fuoco.

Quindi, per quello che posso dire dalla mia umilissima esperienza:

  • soggetto illuminato bene, o campo illuminato bene
  • modalità automatica con l'accortezza di evitare di far fotografare la superficie dell'acquario e non il suo interno
  • Posizionamento in diagonale della macchina (grazie Tony) se si utilizza il flash
  • Possibile punto di appoggio della macchinetta, o cavalletto, o autoscatto con punto di appoggio. questa tecnica toglie qualsiasi rumore dalla foto.

In base alle possibilità della macchina possono variare la qualità delle foto la velocità dell'otturatore, e la scelta degli ISO. Opzioni spesso non disponibili.

Continueremo, ottimo argomento.

Link to comment
Share on other sites

E' stato trattato l'argomento ma non fa mai male tornarci sopra visto che gli sbagli che comunemente si fanno, si continua a farli.

Il primo e più importante sbaglio (come hanno fatto già notare Tony e Tatore) è quello di utilizzare il flash di fronte: se noti la maggior parte delle foto hanno un riflesso fastidiosissimo e gli occhi dei discus (o pesci in genere) sono irriconoscibili. Bisogna fotografare in obliquo...di lato.

Molto sottovalutata è la pulizia del vetro interna ed esterna. Ancora come ha detto Tatore, la macchina prende la messa a fuoco sul vetro sporco facendo vedere le macchie sul vetro e sfuocando invece i soggetti interessati.

Quindi prima di tutto queste due cose,; poi se è una compatta che "prende" poca illuminazione, i tempi dello scatto sono alti e i soggetti risultano "mossi": per ovviare bisogna avere pazienza , aspettare che il soggetto sia fermo e utilizzare un cavalletto.

Se si entra poi nello specifico delle funzioni manuali che alcune compatte hanno bisogna lavorare sulla luce: se c'e la funzione luce al neon di solito è preferibile a quella di incandescenza.

Gli iso se si lavora senza flash sono molto importanti per avere delle foto con la giusta luminosità.

Se si hanno delle funzioni predefinite(modalità diurna,notturna party,animali,cielo stellato ecc. bisogna provare qual'è la migliore).

Link to comment
Share on other sites

Nel mio caso ad esempio, ho notato che anche l'altezza della luce sulla superficie dell' acqua influenza la foto perché lamparete bianca dietro l'acquario spara un sacco ddi luce nell'obbiettivo.

 

Il cavalletto e l'autoscatto a due secondi la soluzione é perfetta per foto d'insieme ma per i particolari dei pesci é impossibile prevedere quello chè faranno .

 

In questo momento uso oltre al cellulare anche una nikon coolpix P100 qualcuno ha esperienze con questa macchina

Link to comment
Share on other sites

Hai una macchina buona che ti consente di fare ottime foto. Ha delle regolazioni manuali come una reflex.

Sai cosa sono gli iso,i tempi e diaframmi e come si usano o la usi solo in automatico?

Link to comment
Share on other sites

Ho una vaga idea di cosa sono gli iso che dovebbero se non ricordo male corrispondere alla sensibilità dei vecchi rullini ovvero più la sensibilità era alta meno luce serviva per impressionarla, spero prprio di non aver detto una castroneria.

 

I tempi sono il tempo in cui la tendina dell'obbiettivo rimane aperta ovviamente più i tempi sono lunghi più tempo ha la pellicola per imprimere su di se l'immagine il problema però è che se il soggetto si muove la foto viene "mossa" per l'appunto.

 

I diaframmi lo ignoro so però che una buona foto deriva dalla saggia miscela dei tre fattori da te ricordati.

 

A scanso di equivoci io uso la macchinetta in modalità auto tutt'alpiù uso programmi preimpostati.

 

Edited by manudon
Link to comment
Share on other sites

E' proprio così. Solo che adesso la sensibilità la imposti te. Quindi maggiore è la luce, più bassi possono essere gli ISO, in condizioni di poca luce invece devi impostare l'ISO ad un valore alto, tenendo conto che perde di qualità la foto. Io ancora ci sto diventando matto con la macro, ma devo studiare e provare, provare e studiare, perché il valori ISO deve essere impostato spesso (però parlo di soggetti davvero minuscoli) on the fly, e non sempre ho la velocità che necessita il soggetto. Se non sbaglio con 200 ISO puoi fare quasi tutto, tranne i ritratti notturni, ma io per foto come questa, ho dovuto impostare ISO alti e fare centinaia di scatti.

Link to comment
Share on other sites

@ Ma i diaframmi cosa sono? e a cosa servono?

 

 

E comunque per tirare su bele foto serve tanta tanta pzienza e sperimentare sperimentare sperimentare

Link to comment
Share on other sites

Sono d'accordo con te! Ci vuole tempo. Poi trovati i settaggi giusti più o meno usi sempre quelli!

Il diaframma è la quantita' di luce che entra nell'obbiettivo. Più quantità di luce hai e più tempi rapidi puoi usare con meno rischio di "mosso"(piu' il valeore è basso e più luce entra). Tu mi dirai: perchè non lasciarlo sempre alla massima apertura allora? Il diaframma piu' è chiuso e più aiuta a rendere nitida una gran parte della fotografia. Più è aperto e più la parte nitida è concentrata al centro.

Bisogna trovare il giusto compromesso tra tempi - iso - diaframma e modalità di illuminazione.

L'acquario e i suoi inquilini sono tra le foto più difficili da fare. Se tu guardi un catalogo ADA vedi quanta illuminazione esterna usa Takashi Amano per fare le sue foto. E cambia disposizione delle lampade conforme al risultato che vuole ottenere dalla foto.

Link to comment
Share on other sites

Prossima mission...... foto da urlo mi metto sotto e posterò i risultati, chissà che una mia foto non entri a far parte del prossimo calendario!!!!! :011:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.