Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Progettazione Prefiltro Impianto Stabulizzazione


Recommended Posts

In questi giorni nella nostra serra abbiamo messo in opera il nuovo impianto di stabulizzazione, che prevede l'uso di una cisternetta da 1000 litri, lunghe chiaccherate principalmente con Tatore, Dotto e Titi mi hanno convinto su creare un impianto di prefiltrazione a monte della cisterna, e di non fidarmi dell'acqua (qualitativamente buona, pH 7,4, kH 4, gH 5, 178 microsiemens) di rete, anche se viene estratta a grande profondità nella zona in cui abito. Loro mi han già dato un idea di come realizzare l'impianto, ma voglio comunque condividere con voi questa esperienza, in modo tale che serva a qualcun altroi da spunto e poi tante menti tante idee, magari abbiam tralasciato qualcosa.

 

L'idea era di istallare 2 batterie gemelle di bicchieri da 10 pollici (quelli classici dell'impianto osmotico per internderci) ciascuna da 2-3 bicchieri caricate a carbone attivo e da filtro da 5 micron, e poi l'istallazione di una Bomb-torb nella cisterna, oppure creare un unico filtraggio di grandi dimensioni (pensavo a un fusto da 200 litri, dovve metterci appunto il carbone attivo e la torba, e poi un filtro per le particelle...

 

stasera posterò qualche scarabocchio di disegno per farmi capire meglio e qualche foto....

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 77
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • sane84

    19

  • tatore

    15

  • Jamy Diamond

    11

  • Mauro

    6

Top Posters In This Topic

Posted Images

a me piace l idea dei bicchieri molto più facile e versatile da installare e fargli la manutenzione periodica..nn so se l avete pensato installare dei rubinetti prima della bomba di torba e dopo in modo da miscelare l acqua oppure prelevare solo acqua torbata per le ripro..

Link to comment
Share on other sites

era pure ora da farlo ! l'hp fatto io per un impianto casalingo e non l'avette fatto voi a livello industriale ? :dft002: . aspetto le foto sign0098.gif

Link to comment
Share on other sites

non vedo l'ora di vedere l'evolversi!!!! secondo me è un ottima idea piazzare dei bicchieri prima della cisternona della stabulazione.......cosi almeno siete sicuri che l'acqua che mettete nella serra è di qualità!!!! ;) ;) ;) non si sa mai troppo rischioso lasciarla cosi come esce dal rubinetto,considera che se passano degli insetticidi o altre schifezze è un bel casino!!! invece il carbone vi da una tranquillità ulteriore ;) ;) ;)

 

Vai di schizzo Andre!!!! :thumbsu: :thumbsu: :thumbsu: :thumbsu:

Link to comment
Share on other sites

concordo sul prefiltro a carbone, non si sa mai, nemmeno io uso l'acqua così come esce dal rubinetto anche se la bevo al posto della minerale.

 

L'unica cosa che dovresti fare è calcolare la quantità di carbone necessaria affinchè non dovrai cambiarlo ogni settimana

Link to comment
Share on other sites

Bravo Max, e qui il grosso problema, come calcolarlo? mi era venuto in mente di usare le cartucce tipo quelle dell'impianto osmotico, ma il prezzo lievita, in quanto se devo cambiarlo ogni 6000 litri come dicono i fornitori mi tocca cambiarne uno a settimana come minimo, pensavo quasi quasi a comprare quello sfuso, ma non ti danno valori... il problema del carbone attivo è che quando si satura rilascia tutte le schifezze adsorbite in un botto, c'è un modo di misurare il livello di saturazione del carbone?

Link to comment
Share on other sites

io sapevo così, e anche Tatore mi ha confermato... Aspettiamo la sua conferma e quella di altri... per la torba volevo comunque fargli fare un passaggio non tanto per le sue proprietà coloranti e acidificanti, ma è un ottimo filtro chimico... qui la domanda, fare un sistema dove ci passa solo una volta sopra prima di caricarla in cisterna oppure fare riflussare l'acqua della cisterna in continuo?

Link to comment
Share on other sites

ecco qui il disegno del filtro unico, un fusto da 200 litri appunto separato in due, dove in una sezione ci sono dei ripiani dove appoggiare i sacchetti di carbone e di torba e di lana perlon, mentre l'altra sezione resterà vuota, con uno scarico a troppo pieno che appunto finirà in vasca, questo per non lasciare a secco i materiali filtranti... al momento utilizziamo circa 500 litri d'acqua al giorno!

con questo sistema si ha solo un passaggio sulla torba, sul carbone il passaggio non è forzato e in pressione come avviene negli impianti a osmosi 1.bmp

post-1263-0-03305800-1309287105_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

in questo invece due impiantini con 2 bicchieri ciascuno, caricati nell'ordine a carbone e a filtro per sedimenti scaricano direttamente in vasca, poi una pompetta rimanda l'acqua alla bomb-torb... se no potrei aggiungere un terzo bicchiere agli impianti e caricarlo a torba, in questo modo farebbe solo un passaggio però...

Link to comment
Share on other sites

Io userei le resine antisilicati a viraggio di colori, così elimini tracce di fosfati, silicati, nitrati e metalli pesanti.

Link to comment
Share on other sites

a me interessa anche (e sopprattutto) eliminare cloro ed eventuali pesticidi... gli anti silicati fanno questa funzione?

Link to comment
Share on other sites

No, Dotto. Il carbone purtroppo rilascia tutto una volta che si intasa e ha finito la sua azione di adsorbenza.

Io ieri e oggi ero sull'autobus, e invece di guardarmi il panorama pensavo alla tua situazione, Andrea, e al sistema di prefiltraggio che bisognerebbe adottare.

I silicati possono darti problemi di diatomee, ed infatti è importante non averne nell'acqua che si prepara per il marino. Altrimenti l'acqua di rete per il marino sarebbe perfetta, dato il KH e il pH belli alti.

Pertanto escluderei resine, perché non vorrei che si esce dalla pentola per finire nella brace, e rimarrei nell'ambito del filtraggio.

Qualche giorno fà mi è arrivato il libro in cui è raccolto parte dell'operato di Schmidt-Focke, che da Francoforte si era spostato in un paesa vicino Bad Homburg proprio per via delle acque.

In quel periodo c'era un test disponibile per testare il grado di inquinamento delle acque: la Daphnia magna, che se non cresceva, non sopravviveva, o stentava, voleva dire che l'acqua era particolarmente inquinata, e uno (anzi due) rimedio per prefiltrare l'acqua, perché non idonea per le specie tropicali: il carbone attivo e la torba.

 

Consideriamo che la torba negli anni '70-80 (e anche prima) non era ad uso acquariofilo, per cui bisognava anche conoscere lo strato di raccolta idoneo ai nostri fini, e grazie a chimici acquariofili sono riusciti a determinare quale fosse lo strato giusto nelle torbiere, e quali torbiere (esempio: le torbiere russe erano inquinate).

Schmidt-Focke non ideò la torf bomb perché qualcuno gli aveva detto che i discus ci vivevano immersi nella torba, ma perché era l'unico elemento che, abbinato al csrbone attivo, fosse in grado di garantire un'acqua pura e priva di pesticidi, metalli nocivi ecc...

 

Posterò delle schede di elementi presenti nelle nostre acque, che diventano tossiche in base alla durezza e all'acidità.

pertanto ri-prendiamo giovamento da questi grandi, da questi miti, e torniamo a fare come si faceva una volta.

Il carbone rilascia tutto, tant'è che viene rigenerato ad uso industriale ad alte temperature. Solo che se lo facciamo noi abbiamo il carbone pronto per il barbecue, e francamente con quello che costa, rigenerarlo è più caro del comprarlo.

Link to comment
Share on other sites

La resina che ti ho indicato io viene utilizzata negli impianti ad osmosi inversa della Forwater.

Secondo me tolta la membrana, puoi attingere completamente da un impianto del genere, così conosci i materiali e la loro durata!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Credo di aver invasione di planaria come faccio per eliminare
    • tatore
      Guarda...potrebbero essere planarie, ma se fossero parassiti non starebbero sui vetri, attaccherebbero l'ospite direttamente avendo un ciclo vitale e breve. Essendo 'vermetti' che si sviluppano in condizioni eutrofiche (troppi nutrimenti) mantieni sempre abbastanza pulito il fondo e sii parsimonioso col cibo. Ravvicina anche i cambi. Non ti preoccupare per la salute dei pesci.
    • LorenzoBrigant3
      Sono Oligocheti??
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.