Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Questione Ph


Recommended Posts

Buongiorno volevo avere delle informazioni se possibile su come fate voi a rilevare i valori dell'acqua nei vostri acquari, se grazie ai reagenti chimici, o se vi fidate delle striscette da immergere come per esempio il "Tetra Test 6 in 1", e per misurare il Ph oltre alle striscette vi affidavate ad un "Ph-Metro digitale" o se andavate su prodotti sempre a striscette ma economici come i "Tornasole" che servono solo per la misurazione del Ph.

Se il Ph fosse alto per abbassarlo fate solo dei cambi d'acqua con acqua d'osmosi o usate prodotti come il "sera_ph-minus" oppure prodotti molto più economici, come per esempio quelli che vengono usati per abbassare il livello del Ph nelle piscine (che essendo per uso umano non credo siano dannosi nemmeno per i pesci)?

Grazie mille e scusatemi per le domande banali

sign0098.gif

Link to comment
Share on other sites

ciao lionel io non sono affatto un'esperto di test perchè, vi prego non uccidetemi, non li ho quasi mai fatti e quando li ho fatti ho usato i test a strisce 5 in 1 quindi niente di affidabile. per il ph mi affido ad un milwaukee sms122 collegato tramite elletrovalvola ad una bombola usa e getta di co2 e cosi fertilizzo le piantine nel mio 38lt e tengo sotto controllo il ph quando però questo aumenta faccio un cambio d'acqua con osmosi...anche perchè ho provato sulla mia pelle e soprattutto su quella degli inquilini gli effetti di un'intossicazione da co2 quindi con attenta osservazione delle piante e dei pesci ho trovato la giusta combinazione di erogazione per fertilizzare controllare il ph e non nuocere ai pesci....soprattutto perchè l'elettrovalvola da un bel po è rotta e quindi ho co2 24/24

Link to comment
Share on other sites

Ah ok perchè io ho l'attrezatura per il Co2 ma non l'ho mai montata in quanto le piante mi crescono e anche troppo quindi volevo evitare.

Io pensavo di prendere un Ph-metro (prima devo ben capire come funziona) e le striscette per avere un indicazione degli altri valori.

Dici che sbaglio?

Link to comment
Share on other sites

se vai sul test a reagente è meglio poi se puoi ancora meglio con le misurazioni digitali (pH-metro) :-)))

Le striscette non dovrebbero venderle non sono affidabili.

Link to comment
Share on other sites

Ciao Lionel. Molti di noi hanno il phmetro digitale ed è una buona cosa.Io uso i reagenti liquidi JBL e mi trovo bene, sono molto accurati. Le striscette... ti danno un panorama d'insieme...più o meno, non sono molto affidabili; quindi se puoi meglio i reagenti.

Ti sconsiglierei i prodotti chimici per abbassare il ph. Acqua osmotica con aggiunta di sali o tagliata in percentuale giusta con l'acqua di rete raggiunge "naturalmente lo scopo". C'è chi come me carica un filtro con la torba e lo fa girare nell'acqua dei cambi...anche questo abbassa il PH. Comunque farlo sempre gradatamente...piano,piano.

Link to comment
Share on other sites

Buongiorno volevo avere delle informazioni se possibile su come fate voi a rilevare i valori dell'acqua nei vostri acquari, se grazie ai reagenti chimici, o se vi fidate delle striscette da immergere come per esempio il "Tetra Test 6 in 1", e per misurare il Ph oltre alle striscette vi affidavate ad un "Ph-Metro digitale" o se andavate su prodotti sempre a striscette ma economici come i "Tornasole" che servono solo per la misurazione del Ph.

Se il Ph fosse alto per abbassarlo fate solo dei cambi d'acqua con acqua d'osmosi o usate prodotti come il "sera_ph-minus" oppure prodotti molto più economici, come per esempio quelli che vengono usati per abbassare il livello del Ph nelle piscine (che essendo per uso umano non credo siano dannosi nemmeno per i pesci)?

Grazie mille e scusatemi per le domande banali

sign0098.gif

 

a mio avviso solo i misuratori elettronici sono affidabili, vanno tarati regolarmente però... Non serve per forza uno costoso, abche quelli da 30-40 euro fanno il loro sporco lavoro... Con l'acqua d'osmosi abbassi la conducibilità, anche il ph di conseguenza ma se vuoi solo abbasare il ph è sbagliato non è corretto usare l'osmosi, se non monitori anche il kh, rischi di arrivare a kh troppo bassi e avere pericolosi sbalzi di pH.... Io sono propenso all'uso di torba, catappa e rimedi per così dire ''naturali'', che oltre ad abbassare il pH grazie al rilascio di acidi umici rilascia altre sostanze utili per i nostri pesci e poi colora l'acqua e la rende molto più naturale... Ovviamente per i biotopi amazzonici, se tieni i Malawi l'acqua ambrata centra poco e nulla!!!!

Link to comment
Share on other sites

Ciao Lionel, conosco bene l' acqua di quelle parti ... se è come quella di un acquedotto vicino (ph 7,5 kh 3/4 cond 300 circa)

Se ti tornano questi 3 valori io la utilizzerei cosi, mio cugino che abita in zona infatti deve sempre monitorare il kh che crolla in 1 settimana. pero prima di tutto fatti analizzare l' acqua e dicci cosa ottieni.

 

ciao :thumbsu:

Link to comment
Share on other sites

Molto più affidabili i misuratori digitali, però se la spesa è troppo elevata puoi tranquillamente affidarti ai testa a reagente.

Lascia perdere le striscette che sono veramente poco affidabili..

Link to comment
Share on other sites

Si l'ultima volta che avevo fatto analizzare l'acqua di rubinetto i valori erano su Ph7 kh 3 la conducibilità non me la ricordo, mi avevano detto che anche il Kh era ottimo per essere messa in acquario, ma non mi ricordo il valore.

Io quando devo cambiare l'acqua faccio cosi:

Riempio un fusto da 25l di acqua del rubinetto, gli aggiungo il biocondizionatore e lascio l'acqua a riposare per almeno 48ore...

Poi la metto in acquario.

---

Pensavo una cosa di prendere un Phmetro elettronico ma economico, e per l'inizio analizzare l'acqua in negozio e poi più avanti mi prenderò i reagenti per esaminare i parametri principali tipo kh Gh nitriti nitrati...

Che dite faccio bene o male?

Link to comment
Share on other sites

Vi scrivo qui per non aprire post inutili, volevo sapere se potevo postarvi la mia mini guida che sto costruendo e poi da stampare per essere conservata oltre che in testa, anche in un cassetto vicino all'acquario, contenente proprio le minime indicazioni per una corretta gestione dei Discus.

Cosi me la correggete e mi dite che cosa è necessario aggiungere.

Posso scriverla qui?

Sono circa una pagina e mezza di word.

Link to comment
Share on other sites

Vi scrivo qui per non aprire post inutili, volevo sapere se potevo postarvi la mia mini guida che sto costruendo e poi da stampare per essere conservata oltre che in testa, anche in un cassetto vicino all'acquario, contenente proprio le minime indicazioni per una corretta gestione dei Discus.

Cosi me la correggete e mi dite che cosa è necessario aggiungere.

Posso scriverla qui?

Sono circa una pagina e mezza di word.

Si fai pure

Link to comment
Share on other sites

con valori cosi,non dovresti avere grossi problemi di ph alto,un misuratore digitale sicuramente è piu' comodo e veloce nel suo utilizzo,pero' lo devi tarare.i test con reagenti svolgono la loro funzione molto bene.

Link to comment
Share on other sites

Ok grazie mille allora vi posto la mia sintesi:

 

Symphysodon discus o Discus

 

Descrizione generale:

 

E’ il re di ogni acquario, e il sogno di ogni acquariofilo.

Le specie selvatiche sono indubbiamente più esigenti di quelle domestiche che si accontentano di valori d’acqua medi: pH 5.5÷7; Kh 2°÷5°; temp. 28°÷31°; No2 pari a 0; No3 max 100 (ma, meglio non andare oltre i 50).

Le loro necessità cambiano se decidiamo di farli riprodurre, in questo caso la temperatura dovrà essere aumentata a 30÷32°, l’acqua dovrà essere assolutamente priva di nitriti e nitrati

e con un ph acido (5.5÷6.5).

I Discus hanno bisogno di molto spazio per muoversi, di vegetazione soprattutto galleggiante per ripararli dalla forte luce dei neon. Sono pesci molto lenti e tranquilli e bisogna o lasciarli soli tra di loro o far si che siano in compagnia di altri pesci tranquilli che magari stiamo sul fondo cosi da non rubare spazio ai re per nuotare e devono essere di dimensioni più piccoli rispetto ai Discus di modo da che essendo i più grossi si sentano più al sicuro.

Le vasche che li ospitano devono essere di almeno 200 litri, meglio se più grandi.

I Discus soffrono la solitudine, conviene tenerne un piccolo gruppo di 5/6. E’ praticamente impossibile distinguere il sesso negli esemplari giovani, come è difficile formare delle coppie forzatamente. Benché i Discus oggi in commercio provengano quasi esclusivamente da riproduzioni avvenute in cattività, è sempre bene offrire delle condizioni ambientali quanto più simili a quelle del biotopo di appartenenza, avendo particolare riguardo alle componenti chimiche dell’acqua.

ALLEVAMENTO:

Temperatura: 28°/31°

Acqua: Acida, valori di durezza molto bassi

Esigenze particolari: Mantenere perfetta la qualità dell’acqua, acqua sempre pulita e evitare sbalzi importanti di pH, Kh, e temperatura.

 

 

La casa per i Discus:

 

Una volta che si ha un acquario grande (magari anche con una discreta altezza o colonna d’acqua dai 50/55cm in su) e tutta l’attrezzatura (riscaldatore, filtro interno/esterno molto potente, riscaldatore, ecc), si può partire a disegnare il layout dell’acquario.

Per il fondo usare terriccio fertile coperto da uno strato di sabbia molto fine, il bianco sta benissimo ma che lavoro a tenerlo pulito (il mio è un arancio chiaro), un cavetto riscaldante sotto sabbia dovrebbe aiutare a tenere più pulito anche il fondo oltre a scaldare in modo uniforme l’acqua , in quanto il movimento dell’acqua calda che tende a salire verso l’alto fa avere un ricircolo di acqua completo dal basso verso l’alto di tutto l’acquario, e lo sporco intrappolato nella sabbia viene smosso e più facilmente aspirato dal filtro, inoltre se si mettono piante in acquario si evita l’inconveniente dei cosi detti “piedi freddi” di cui possono soffrire certi tipi di piante.

Per l’arredamento cerchiamo di essere essenzialisti ossia solo radici di mangrovia (che fanno diventare l’acqua ambrata e che hai discus piace rendendo l’acqua più naturale), qualche pianta (famiglia delle Echinodorus per esempio) qua e là magari a crescita veloce cosi si facilità la riduzione dei Nitrati, e di conseguenza si ha l’acqua più pulita e naturale, io ho intenzione di aggiungere della Lemna Minor pianta galleggiante per 2 motivi: 1 abbassa i nitrati , 2 essendo galleggiante ripara i discus dalla luce che ho per le altre piante; l’unico inconveniente si ritiene sia una pianta altamente infestante, però è comoda da asportare basta passare con un retino a pelo dell’acqua. Per quanto riguarda la luce secondo quello che ho capito dipende molto dal tipo di piante che abbiamo in acquario più che dai discus stessi (mi sembra di aver capito che non amino molto la luce i discus), perciò inserire piante anche in considerazione di questo fattore, cosa comunque più importante di tutte: Lasciare molto molto molto spazio al re per nuotare!!!

Per l’alimentazione conviene usare sempre prodotti di qualità cambiando il più possibile di modo da far variare spesso l’alimentazione (non in modo repentino comunque ma piano piano), somministrare anche cibo vivo, surgelato, liofilizzato, inoltre ci sono molte ricette su internet da poter far in casa (pastone con uova e cuore di bue per esempio) ma potrebbe inquinare molto perciò non eccede nel somministrarlo.

 

Cambi dell’acqua:

 

Per avere sempre una buona qualità di acqua bisogna:

1)Effettuare dei cambi parziali settimanali di circa un 30% di acqua, (per me sarebbero circa 90litri ho un Juwel trigon 350l credo lordi “MAMMA MIA”!!!).

2)Lasciare stabulare l’acqua per 24 ore (io lo faccio per 48 ore perché una volta ho avuto una mezza moria di guppy dovuto al cloro eccessivo nonostante sia rimasta a stabulare per 24 ore perché il comune aveva inserito un quantitativo errato di cloro nell’acqua,non dannoso per l’uomo ma molto dannoso per i pesci di piccola taglia come i guppy tanto vero che i platy che ho in acquari non hanno sofferto in quanto erano più grossi gli unici a soffrire erano proprio solo i guppy spece i più piccoli).

Se non mi ricordo male (non mi ricordo dove lo avevo lotto) avevo letto che il cloro evapora di circa 0.1g/l ogni ora, e che generalmente nell’acqua di casa c’è dal 1% al 2% di cloro nell’acqua, perciò anche avendo il2% di cloro nell’acqua dovrebbero bastare 24 ore per farlo evaporare.

3)L’acqua che sta stabulando andrebbe durante questo tempo tenuta in movimento (per facilitarne l’evaporazione del cloro), l’ideale sarebbe con un filtro esterno carico di torba e spugne.

4)Prima di inserire l’acqua in acquario portare la temperatura della nuova acqua il più possibile vicina a quella dell’acquario.

---

Vi ringrazio ancora molto spero di non aver fatto male il riassunto delle varie cose che ho letto e le mie considerazioni.

Informazione gratuita ho fatto partire l'ordine per un riscaldatore da 300w di scorta un pHmetro un misuratore di conducibilità e i test a reagenti per i valori principali (5 valori se non mi ricordo male).

Lionel sign0098.gif

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.