Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Indurimento Acqua


vincenzo scognamiglio

Recommended Posts

scusa tatore per non commettere errori alla prossima a questo punto pongo il quesito anche perchè nel sito non ho trovato nulla da quanto e in che modalita bisogna indurire l'acqua un grazie a tutti quelli che riporteranno le loro esperienze

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 4
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • vincenzo scognamiglio

    3

  • tatore

    2

Popular Days

Top Posters In This Topic

scusa tatore per non commettere errori alla prossima a questo punto pongo il quesito anche perchè nel sito non ho trovato nulla da quanto e in che modalita bisogna indurire l'acqua un grazie a tutti quelli che riporteranno le loro esperienze

Ciao Vincenzo, lieto di risponderti:

La coppia va in frega, e nel frattempo aumenti la temperatura fino ad arrivare a 30 °C, e così la lasci. Puoi alimentare (probabile che rifiutino..fregatene).

Depongono, e da quando depongono NON toccare più niente. Anzi, secondo l'esperienza che hai riportato mantieni anche una flebile illuminazione notturna MA non toccare l'acqua. Rischi di innervosire la coppia e di creare problemi all'interno delle uova.

La situazione deve rimanere invariata finché i piccoli non si nutrono autonomamente e anche oltre. Ci sono molte cose che dipendono da *quell'acqua*, come l'attaccamento della larva al cono. Se crei sbalzi vanifichi questi processi...e fondamentalmente è più facile stare fermi con le mani: saranno i genitori a gestire tutto: prendono i piccoli e li risputano sul cono sia per ripulirli che per un altro motivo: pare che la mucosa della cavità orale dei discus contenga un naturale antimicotico, che evita attacchi fungini a discapito dei pesci.

Quando le larve cominceranno a sembrare dei piccoli discus, e vedi che cominciano a cercare le Artemie, allora (dopo due settimane o meno) comincerai a cambiare l'acqua, ma non necessariamente indurendola. Semplicemente sifonando il fondo dai nauplii non consumati e deiezioni varie, integrando con acqua non troppo diversa dall'originali valori della vasca.

Solo quando i pesci verranno trasferiti (scegli te se spostare la coppia o i piccoli) puoi cominciare a fare cambi con acqua più dura. Cambi piccoli, ravvicinati e di acqua sempre più dura. ma quando potrai farlo i discus avranno un mese o poco meno. Questo è quello che si fa normalmente. Si possono leggere di mille eccezioni.

Fai tutte le domande che vuoi...sono qui.

Link to comment
Share on other sites

scusa tatore per non commettere errori alla prossima a questo punto pongo il quesito anche perchè nel sito non ho trovato nulla da quanto e in che modalita bisogna indurire l'acqua un grazie a tutti quelli che riporteranno le loro esperienze

Ciao Vincenzo, lieto di risponderti:

La coppia va in frega, e nel frattempo aumenti la temperatura fino ad arrivare a 30 °C, e così la lasci. Puoi alimentare (probabile che rifiutino..fregatene).

Depongono, e da quando depongono NON toccare più niente. Anzi, secondo l'esperienza che hai riportato mantieni anche una flebile illuminazione notturna MA non toccare l'acqua. Rischi di innervosire la coppia e di creare problemi all'interno delle uova.

La situazione deve rimanere invariata finché i piccoli non si nutrono autonomamente e anche oltre. Ci sono molte cose che dipendono da *quell'acqua*, come l'attaccamento della larva al cono. Se crei sbalzi vanifichi questi processi...e fondamentalmente è più facile stare fermi con le mani: saranno i genitori a gestire tutto: prendono i piccoli e li risputano sul cono sia per ripulirli che per un altro motivo: pare che la mucosa della cavità orale dei discus contenga un naturale antimicotico, che evita attacchi fungini a discapito dei pesci.

Quando le larve cominceranno a sembrare dei piccoli discus, e vedi che cominciano a cercare le Artemie, allora (dopo due settimane o meno) comincerai a cambiare l'acqua, ma non necessariamente indurendola. Semplicemente sifonando il fondo dai nauplii non consumati e deiezioni varie, integrando con acqua non troppo diversa dall'originali valori della vasca.

Solo quando i pesci verranno trasferiti (scegli te se spostare la coppia o i piccoli) puoi cominciare a fare cambi con acqua più dura. Cambi piccoli, ravvicinati e di acqua sempre più dura. ma quando potrai farlo i discus avranno un mese o poco meno. Questo è quello che si fa normalmente. Si possono leggere di mille eccezioni.

Fai tutte le domande che vuoi...sono qui.

ok questa coppia anche in queste occasioni è voracissima mangia e come mangia l'ho dimencato di scriverlo nell'altro post ma nella depo precedente ho lasciato la luce accesa il mio problema nell'indurimento dell'acqua puo essere solo relativo al ph siccome non torbo e la mia acqua di rete e ph 7,2 mentre nel cubo puo raggiungere anche 4 di ph come fo, per i microsimens non è un problema taglio con osmosi pero sempre nella precedente deposizione ho notato che il ph aveva raggiunto i 4,5 e con un bicchiere di plastica di 200 ml di acqua di rete stabulata riuscivo a salire il ph di poco e costante cosa ne pensi in merito. poi per tutto il tempo che tu descrivi quasi un mese regge il filtro? il cubo è il classico 50x50x 55 con filtro interno a scomparti avviato da oltre sei mesi inoltre per non incorrere nel problema branchiali volevo toglierli ai primi sette dieci giorni di nuoto libero

Link to comment
Share on other sites

pH.jpg

 

 

Consolati :011: :011: :011: Si sono riprodotti con questo pH, e non ho cambiato niente perché era talmente naturale la cosa che qualsiasi intervento esterno avrebbe vanificato il prosieguo: nessun avannotto perso, i genitori un pochino infastiditi dall'acidità, ma hanno resistito. Nessun uovo ammuffito ovviamente.

Se scende in maniera naturale...i pesci si abituano. E gli "aggiustamenti" di cui parli possono essere più traumatici del pH acidissimo.

Comunque per evitare un pH troppo basso, parti da un °dKH modulato a 1,5-1. Non dovrebbe scendere troppo. Ma anche se dovesse scendere, dalla deposizione a dieci giorni dal nuoto libero NON toccare nulla. Fai male alle uova (embrioni) e alle larve.

Link to comment
Share on other sites

pH.jpg

 

 

Consolati :011: :011: :011: Si sono riprodotti con questo pH, e non ho cambiato niente perché era talmente naturale la cosa che qualsiasi intervento esterno avrebbe vanificato il prosieguo: nessun avannotto perso, i genitori un pochino infastiditi dall'acidità, ma hanno resistito. Nessun uovo ammuffito ovviamente.

Se scende in maniera naturale...i pesci si abituano. E gli "aggiustamenti" di cui parli possono essere più traumatici del pH acidissimo.

Comunque per evitare un pH troppo basso, parti da un °dKH modulato a 1,5-1. Non dovrebbe scendere troppo. Ma anche se dovesse scendere, dalla deposizione a dieci giorni dal nuoto libero NON toccare nulla. Fai male alle uova (embrioni) e alle larve.

ok ne faro tesoro

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.