Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Accrescimento Filtro Biologico O Ad Aria?


fabrizio sanelli

Recommended Posts

ciao a tutti,apro questa discussione per portare a conoscenza la mia esperienza diretta nell'accrescimento dei discus da 0 a 4 mesi. quando ho iniziato a riprodurre usavo questo sistema : la coppia deponeva, avveniva la schiusa e fino ad un mese stavano insieme.poi separavo i genitori dalla prole ed i piccoli continuavano a crescere nel cubo fino a due mesi di eta',il cubo è gestito da un filtro ad aria della Sera L300.dopo di chè venivano spostati in una vasca piu' grande con il tradizionale filtro interno a tre stadi,fino a 4 mesi. durante queste ripro ho sempre riscontrato un elevato numero di decessi,una crescita abbastanza lenta e sono stato obbligato sempre ad intervenire con medicinali per infezioni branchiali. la crescita dei piccoli si rivelava difficile,stressante per loro e la dimensione da uno all'altro molto diversa.cioe qualcuno restava piccolo e qualcuno altro di dimensioni doppie. abbiamo introdotto un nuovo sistema di accrescimento:

la coppia depone ed accudisce le larve fino al settimo giorno di nuoto libero,dopo di chè le larve vengono spostate in vaschette da 15 lt circa alimentate ad aria Sera L60,con cambi giornalieri del 90 %, fino ad un mese di vita.

 

post-1334-0-03984500-1298211228_thumb.jpg

 

i piccoli vengono spostati in vasche di lt. 60 sempre alimentate con filtro ad aria Sera 150 per un'altro mese con cambi giornalieri del 50 % La spugna viena lavata ogni due giorni con la sua acqua.

 

post-1334-0-72310000-1298211456_thumb.jpg

 

avviene un'altro spostamento in un cubo da 120 lt sempre alimentato con filtro ad aria Sera L300 per altri due mesi con cambi giornalieri del 30 %le spugne vengono lavate agni tre giorni con la sua acqua.

 

post-1334-0-65448700-1298211741_thumb.jpg

 

dopo questa fase i giovincelli vengo spostati nelle vasche di accrescimento piu grandi con filtri biologico a tre stadi.

con questa tecnica ho appurato che:la crescita rispetto al sistema precedente è quasi il doppio,i decessi insignificanti,e non sono mai dovuto intervenire con medicinali.i piccoli si presentano piu' vivaci,piu' colorati e sopratutto piu' sani.

io ho riportato la mia esperienza spero che serva a qualcuno e spero che qualcun'altro mi smentisca dandomi cosi' altre informazioni per poter migliorare.

Edited by sane84
Link to comment
Share on other sites

Grazie Fabri per aver approfondito il problema che avevamo sollevato in un altra discussione, confermo quanto detto sopra inoltre da misurazioni fatte l'acqua delle vasche con i filtri ad aria risulta con un livello di nitriti più basso rispetto a quelle con il filtro a tre stadi,<0,05 nel primo caso, 0,1 ppm nel secondo, (anche se è un valore basso comunque ci tengo a riportarlo).

Per quanto riguarda la moria dei piccoli quando li lasciavamo con la coppia non me la spiego, so che allevando in artificiale la possibilità che i piccoli contraggano le malattie e i parassiti dei genitori si riduce in quanto non mangiano sulla cute dello stesso, ma con il nuovo sistema, visto da SG e adattato alle nostre forze e possibilità, i piccoli per un tempo seppur breve mangiano dai genitori, quindi il contagio dovrebbe comunque esserci... Inutile dire che siamo soddisfatti di questo sistema perchè siamo passati dal 70 % di piccoli portati al 4 mese col vecchio metodo al 98% col metodo attuale (in alcuni casi anche il 100)rispetto alla schiusa iniziale!!!

I filtri reggono bene il carico biologico di un esemplare da 2-3 cm per litro d'acqua, cosa che il filtro tradizionale non ci permette al momento (diciamo che abbiamo filtri a tre stadi ancora ''giovani''), un altro punto per i filtri ad aria va all'estrema velocità di maturazione dello stesso, circa 1 settimana e ci fidiamo a buttare dentro i pesci, contro i 2 mesi degli altri....

Link to comment
Share on other sites

Ottimo grazie per aver riportato questa esperienza utilissima, posso chiedervi se le vasche dove vengono spostati di volta in volta sono vasche mature o vengono messe in funzione all'occorrenza ?

Link to comment
Share on other sites

Ottimo grazie per aver riportato questa esperienza utilissima, posso chiedervi se le vasche dove vengono spostati di volta in volta sono vasche mature o vengono messe in funzione all'occorrenza ?

 

le vasche una volta finito il loro ciclo vengono svuotate e pulite,all'occorrenza abbiamo le spugne sempre attive in altri filtri dunque è molto semplice e pratico.preleviamo il 50% di acqua dalla vsca in cui ci sono le spugne aggiungiamo il rimanente in acqua nuova e la vasca è in funzione.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

riporto alla luce questo topic,visto che mi interessa molto il vostro parere e siccome l'ho pubblicato appena prima della pausa non so' se tutti hanno avuto il tempo di vederlo.

Link to comment
Share on other sites

Fabrizio, una volta ti ho detto che non ho mai capito il funzionamento dei filtri ad aria. Allora, secondo voi, ammoniaca e nitriti che non si presentano, è dovuto al fatto che l'ossidazione avviene maggiormente e più velocemente, o ai cambi di acqua cospicui che fate giornalmente?

Quando usavate filtri biologici facevate gli stessi cambi?

In Germania usano questi filtri molti allevamenti, anche amatoriali. Per moltissime ragioni. Quello che non mi torna è la maturazione e l'impatto con la biomassa e ovviamente cibo abbondante e deiezioni: come fanno a reggere (perché reggono) questo enorme carico organico.

Link to comment
Share on other sites

io non so' ancora spiegarmi bene il perchè,so' soltanto che per i primi tre mesi i piccoli a noi ci crescono meglio usando i filtri ad aria. certo che necessitano una manutenzione quasi giornaliera,cioè lavarli spesso e con cambi medi del 15/25% al giorno pero' i risultati ci sono eccome.

Link to comment
Share on other sites

Fabrizio, una volta ti ho detto che non ho mai capito il funzionamento dei filtri ad aria. Allora, secondo voi, ammoniaca e nitriti che non si presentano, è dovuto al fatto che l'ossidazione avviene maggiormente e più velocemente, o ai cambi di acqua cospicui che fate giornalmente?

Quando usavate filtri biologici facevate gli stessi cambi?

In Germania usano questi filtri molti allevamenti, anche amatoriali. Per moltissime ragioni. Quello che non mi torna è la maturazione e l'impatto con la biomassa e ovviamente cibo abbondante e deiezioni: come fanno a reggere (perché reggono) questo enorme carico organico.

Anche io non capisco il motivo, ma dalle esperienze e i dati in mio possesso emerge una cosa alla quale io stessonon credo ancora, ovvero il filtro ad aria ha potere nitrificante maggiore di un filtro tradizionale a tre stadi.... Ho fatto fatica a scriverlo da quanto mi sembra assurda questa cosa, ma in due vasche gemelle con un numero elevato di discus e parecchie somministrazioni di cibo la qualità dell'acqua è migliore nella vasca col filtro ad aria...

Link to comment
Share on other sites

io non so' ancora spiegarmi bene il perchè,so' soltanto che per i primi tre mesi i piccoli a noi ci crescono meglio usando i filtri ad aria. certo che necessitano una manutenzione quasi giornaliera,cioè lavarli spesso e con cambi medi del 15/25% al giorno pero' i risultati ci sono eccome.

la prossima deposizione gestirò come te solo che ho vasche per l'avannotteria di 30x30x 35 e i classici cubi

Link to comment
Share on other sites

io non so' ancora spiegarmi bene il perchè,so' soltanto che per i primi tre mesi i piccoli a noi ci crescono meglio usando i filtri ad aria. certo che necessitano una manutenzione quasi giornaliera,cioè lavarli spesso e con cambi medi del 15/25% al giorno pero' i risultati ci sono eccome.

la prossima deposizione gestirò come te solo che ho vasche per l'avannotteria di 30x30x 35 e i classici cubi

Per gli avannotti vanno benissimo ugualmente... filtro ad aria e cambi sostanziosi , se proprio vuoi risparmiare un pò d'acqua riempi la vasca fino ad un livello di 20 cm per le prime settimane, poi dagli tutto lo spazio disponibile man mano che crescono

Link to comment
Share on other sites

Infatti per gli avannotti che differenza fa una vasca di 30 o 300 litri? Se ci stai sopra, cambi il 70% d'acqua al giorno, li imbottisci di artemia...ma sai in quanto ti cresceranno? Occhiometro. E poi vedrai. Me ne sono reso conto anche da SGDiscuscoltura..c'erano delle avannotterie che sembravano bettiere. fantastiche. Ma poi passavano alle vasche piu' grandi mano a mano. Uno spettacolo! Non solo per la struttura, ma quanto per l'ingegno che ci sta dietro.

Link to comment
Share on other sites

visto il cruccio che mi attanaglia in questo momento se vuoi puoi dirmi pure che acqua usi nelle avannotterie certamente acqua stabulata e matura ma con valori piu duri rispetto al cubo

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.