Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Wildmania?


teor6

Recommended Posts

Ma c'è qualche virus wild? Tutti che vogliono passare ai wild? Come mai questa voglia?Cosa vi spinge a passare ai selvatici?

Un pò di domandine..

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 18
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • teor6

    4

  • Mauro

    3

  • fabrizio sanelli

    2

  • Elwood

    2

Top Posters In This Topic

Secondo me la sfida di far vivere, riprodurre ed allevare dei pesci catturati in natura è la massima sfida per noi acquariofili... Senza contare la bellezza che hanno, selvaggia appunto, come madre natura li ha fatti, e non come i (fantastici) ibridi che si vedono in giro che di naturale purtroppo hanno poco o nulla oramai, dopo decenni di incroci....

Link to comment
Share on other sites

Secondo me sono espressioni "modaiole" che avvelenano il nostro hobby. Io non penso che bisognerebbe considerare una scelta precisa come uno sfizio, perché se si legge la letteratura disponibile, si capisce che non esisterebbero ibridi se non esistessero wild, e questo stato di fatto continua a sussistere, perché le ibridazioni sono strettamente dipendenti dagli atavici parenti naturali.

 

Pertanto perché l'informazione sia corretta, e la scelta sia ponderata al massimo, bisogna sempre pensare: voglio una vasca divertente e impegnativa? Allora sono belli gli ibridi. Voglio una vasca bella, ma naturale e seriamente di biotopo? Allora sono i selvatici, ma quando si scelgono i selvatici non bisogna far prevalere la personale scelta estetica, piuttosto prima immergersi in una lettura profonda che avvolga l'Amazzonia, le abitudini dei discus selvatici, e la garanzia delle cose che posso assicurare loro, dai parametri dell'acqua all'alimentazione.

Il discus naturale non è nato per fare bella mostra di se in vasca, e non si sceglie perché è appariscente.

 

Il discus di allevamento dopo innumerevoli selezioni ha queste prerogative, ma certo non merita meno rispetto. Anzi, a volte per determinati tratti genetici(fenotipici, comportamentali, metabolici ecc...) è meno robusto e più intollerante dei parenti selvatici. Ma non è una espressione corretta al 100%, solo una riflessione mia di massima.

 

Quindi wildmania? No...forse ogni tanto quando si guarda indietro e molti hanno nostalgia o semplicemente la voglia di capire, uno sguardo ai selvatici lo si volge, per capire da dove provengono anche le forme più estremizzate (v. Bulldog e obrobri vari). Considerando che non sono "evoluzioni", ma "mutazioni" studiate a tavolino e a volte casuali.

Link to comment
Share on other sites

Io ne ho visti pochi ma mi hanno subito entusiasmato. Hanno il fascino del vero e del naturale. Da quello che dicono Tatore e Titi il bello è il loro comportamento...il branco , i colori della livrea che cambiano con le stagioni,le deposizioni,gli umori. Un piccolo esempio :ora ho solo un pigeon e due asiatici. Il pigeon non mi entusiasma perchè sembra senza "anima"...ha la livrea sempre uguale, non ha sbalzi "apparentemente" d'umore, non ha le barre appunto che indicano qualche cambiamento emotivo...è forte mangia sempre , ma è "statico". Gli altri due per lo meno si capisce se stanno bene , male, se sono stressati , se vogliono deporre ecc.

Sui selvatici (sempre per sentito dire) queste cose sono ancora più accentuate ed è per quello che mi affascinano.

Bella domanda comunque :dft012:

Link to comment
Share on other sites

Rispondo perchè secondo me questa domanda vale per tutti e non solo per i discussofili come voi, dal mio punto di vista l'insieme della vasca, voglio un angolo di natura fedele al biotopo originale con acqua ambrata, con qualche bella radice fondo di sabbia e qualche pianta galleggiante ? allora scelgo l'allestimento wild e giustamente metto i pesci wild starebbero male dei pigeon (o per cambiare degli scalari koi) in acqua ambrata che nemmeno mi godo i colori.

Voglio un acquario con acqua cristallina, qualche bella pianta e vedete i colori accesi dei pesci che ho comprato? scelgo ibridi...

Link to comment
Share on other sites

Ciao Teor,

eeeeee... bella domanda :thumbsu:

Io posso parlare per me, Gia' da tempo non sono amante dei pigeon perche' li considero pesci che non rispecchiano il loro umore sulla livrea, hanno poco del naturale. Sono amante di pesci come quelli che ha fatto vedere nel videio Elwood, gran bei RT e secondo me nemmeno lontani come generazione da esemplari wild.

Io in questo momento sono in un periodo di trasizione per passare a wild, perche ? Di sicuro non lo considero uno sfizio, ma una scelta ponderata perche' amo e rispetto ogni forma di animale, solo che dopo anni passati dietro agli ibridi, volevo qulcosa di piu', qualcosa di piu' naturale sia come colorazionelivrea, sia perche' voglio ammirare il loro comportamento. Insomma non voglio mettermi a riprodurre centinaia di piccoli perche non ne sento piu' il motivo la spinta, invece nel profondo del cuore ci volessero anni anche riuscire a riprodurre e far sentire a casa, rispettato un animale preso in natura. Si certo anche la sfida con se stessi e il confronto con altre realta.

Insomma è complicato dare una ragione e non è che a tutti deve venire sto virus, se arriva vuol dire che sei malato proprio come me , hihihihihihi. passo almeno 2 ore al giorno ad ammirare, toccare, il piu' anziano (ibrido) che ho si fa fare quasi i grattini, ecco voglio riuscire nella stessa cosa ma con una marcia in piu' sia come comportamento loro ssia come cure e attenzioni da dedicargli.

 

un poema che poi non so se si capisce qualcosa :biggrin:

 

ciao a tutti sign0098.gif

Link to comment
Share on other sites

Il WILD è senz'ombra di dubbio la voglia di ORIGINALE (come madre NATURA l'ha fatto) difficilmente un neofita vorrà un'ambientazione WILD e dei pesci WILD, proprio perchè "acerbo" vuole quello che nell'immediatezza appare.....chi vira sui WILD vuole ammirarne l'evoluzione in vasca, il fatto che siano dapprima schivi e man mano sempre più confidenti ma sempre WILD.

Io personalmente AMO gli IBRIDI in vasche nude e crude stile allevamento, il bello di un IBRIDO e sceglierlo piccolo e ben proporzionato e crescerlo al meglio portandolo ad essere un "tonno".

Nei WILD la vasca DEVE avere sabbia fine bianca/beige qualche bel legno di torbiera e poche o nessuna pianta tranne delle galleggianti....e il bello coi WILD e ricrearne in maniera il più simile possibile il biotopo con Cory WILD Loricaridi WILD e pescetti da "contorno£ WILD...insomma un microcosmo!!!

Link to comment
Share on other sites

Rispondo perchè secondo me questa domanda vale per tutti e non solo per i discussofili come voi, dal mio punto di vista l'insieme della vasca, voglio un angolo di natura fedele al biotopo originale con acqua ambrata, con qualche bella radice fondo di sabbia e qualche pianta galleggiante ? allora scelgo l'allestimento wild e giustamente metto i pesci wild starebbero male dei pigeon (o per cambiare degli scalari koi) in acqua ambrata che nemmeno mi godo i colori.

Voglio un acquario con acqua cristallina, qualche bella pianta e vedete i colori accesi dei pesci che ho comprato? scelgo ibridi...

Sono d'accordissimo, Mauro, e anche voi loricaridofili (scusate il termine) avete una grande responsabilità, dal momento che anche dalle vostre azioni dipende la conservazione di molte specie che in natura risultano quasi estinte, o borderline. E se oggi noi rivediamo l'L046 è grazie agli acquariofili che hanno fatto di tutto per renderne possibile la riproduzione in vasca (in Brasile è prevista galera senza sconti per chi prova a toccare questi animali, ma ovviamente ciò fa lievitare i prezzi del mercato nero), così come per le Razze e altre specie abbastanza minacciate.

 

@ Riccardone: per una volta sono d'accordo con te al 100%, e mi piace anche la definizione di "TONNI" :08: :08: :08:

E' proprio l'impressione che mi fanno molti ibridi davvero ....non grossi, ma GRASSI. :08:

Link to comment
Share on other sites

cosa mi affascina fra wild e ibrido: forse è come camminare su una distesa di neve dove nessuno l'ha calpestata,sei attratto dalla verginita' e purezza della cosa,ti senti il primo a toccarla ed a calpestarla,puoi fare le forme che vuoi e l'icognita di trovare un buco oppure no. sull'ibrido il lavoro l'hanno gia svolto altri.

Link to comment
Share on other sites

Fabrizio che ti sei fatto una canna con i bigliettini dei baci perugina al posto delle cartine?

:08: :08:

Scherzo !!

però non sono sicuro di aver capito cosa hai scritto, cosa c'è da scoprire in un wild? qual'è l'incognita?

Se ti riferisci alle riproduzioni come penso, allora punti ad un nuovo ibrido?

Link to comment
Share on other sites

Mah io sono da poco stato contagiato da questa "mania"... il primo passo in acquarofila è stato un acquario da 120 litri... guppi, platy... e qualche scalarino e un mucchio di piante... quei pesci tondi che chiamavano discus nemmeno mi piacevano... poi non so... penso che man mano che i mesi passavano e la passione per l'acquario aumentava sono iniziati a cambiare i miei gusti e la ricerca del Discus è stata quasi naturale, la voglia di misurarmi con un pesce che, letto sui vari forum sembra difficile da allevare. Il primo tentativo è stato con 5 dischetti (piccolini) nella vasca da 120lt... era solo un tentativo... volevo provarci senza dover passare ad un vascone.. e se non mi fosse piaciuta questa cosa? Mi sarei trovato con una mega vasca così invece.... beh poco male avrei riportato i pescetti... e invece dopo pochi mesi mi sono ritrovato a progettare una vasca da quasi 600 litri... purtroppo li in quel posto ci stava solo di queste dimensioni non un cm di più...

Un cosa che credo mi ha seguito da quando ho preso il primo acquario è sempre stata la voglia di ricreare un ambiente che fosse il più naturale possibile. Sicuramente i layout sono migliorati di volta in volta, nella vaschetta ogni due x tre facevo modifiche, nel 600lt sono alla terza.... credo definitiva :)

Penso che il passaggio al Wild è il naturale sviluppo di questa voglia che passando attraverso le modifiche al layout è arrivata anche agli abitanti della vasca.

Link to comment
Share on other sites

adesso vi dico anche la mia, magari sono ripetitivo. quattro anni fa non sapevo che cosa e un wild, avevo la vasca piena dei discus colorati,fluorescenti una delizia per tutti che la guardavano. fino un giorno che un ragazzo ,Andrea, a organizzato un raduno, con l'occasione de un arrivo dei pesci dal Brasile. in quel giorno ho conosciuto anche Tatore. giravo in mezzo la gente esperta che conosceva tutto sui wild. la prima cosa che mi a colpito sono stati i Royal blue(ho ancora le foto), poi i green. le vasche erano piene si tutti tipi di discus uno più affascinante del altro. non abbiamo comprato niente quel giorno(io e mio fratello) ma abbiamo sentito, guardato, ci siamo informati ma l'attrazione e stata piu forte di noi , e il secondo giorno abbiamo comprato 8 green. dopo una settimana altri sei. non credo che era una moda o un vizio, era semplicemente la bellezza e comportamento di quei pesci. sono stato tante volte demoralizzato ma sono andato sempre avanti insieme a loro. la mia famiglia sono loro e chi mi conosce sa che non sono balle. in vasca ho solo i pesci di cattura tra i discus e loricaride. se adesso e diventata una moda e magari perche la gente si rende conto che il naturale e piu bello.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.