Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Realizzazione Assemblaggio Carrello Trattamento Acqua


46valentino46

Recommended Posts

Ciao A tutti i Ragazzi del Forum

 

Con questo mio articolo volevo aiutare tutti gli utenti del forum nella realizzazione di uno strumento per il trattamento dell' acqua per i cambi del vostro acquario popolato di Discus.

La stabulazione dell’ acqua al di la’ dei valori che vogliamo raggiungere è un passaggio fondamentale per la salute dei nostri amati pescetti. Cosa importante sia per noi che per le nostre compagne o mogli avere un sistema di facile mobilita’ e occultamento, per questo ho pensato che se il sistema di produzione acqua ad osmosi o il rubinetto fossero distanti dall’ acquario questo articolo fa al caso vostro.

Mi sono procurato un carrellino in un negozio fai da te con la portata dichiarata di peso fino a 100 kg e su questo ho provveduto a sistemare un bidone a bocca larga per alimenti e liquidi da 60 litri. Il bidone lo potrete trovare in un qualsiasi negozio di forniture industriali o articoli in plastica / gomma.

Ho provveduto a forare il bidone di stoccaggio con un foro da ¾” e vi ho montato un passa parete con rubinetto incorporato porta gomma da ½” , a questo ho collegato un tubo da 16/12 mm e T sempre della stessa misura in modo che potessi trattare l’ acqua in modo differente a seconda dei valori che volessi raggiungere. Subito dopo il T ho montato 2 rubinetti da giardinaggio per escludere un circuito di preparazione acqua, a seconda appunto di come volessi filtrare l’ acqua.

Per comodita’ e sicurezza ho forato il coperchio del bidone e inserito un attacco rapido per tubi in gomma siliconica da 6 mm (quelli di cui sono dotati gli impianti osmosi).

Ho posizionato 2 filtri esterni che nel mio caso avevo accuratamente accantonato da precedenti vasche e avventure.

Il primo filtro (TETRA) è quello che uso per filtrare l’ acqua premiscelata a 300 microsiemens direttamente dall’ impianto osmosi per la vasca di ibridi in comunita’.

Questo filtro è caricato con carbone super attivo e una resina antinitrati e antifosfati, la mattina che precede il cambio (12 ore prima del cambio) attivo la filtrazione e inserisco un riscaldatore nel bidone.

Ottengo un’ acqua a circa 280 microsiemens priva di nitrati, fosfati, cloro, pesticidi e fertilizzanti a temperatura di circa 25° / 26 °.

Il secondo filtro (ASKOLL FE2) è quello che uso per filtrare l’ acqua osmotica con una piccola aggiunta di rete per arrivare intorno ai 150 microsiemens che utilizzero’ nella vasca da 150 litri con una coppia di selvatici green.

Questo filtro è caricato con 500 g di torba ad uso acquariofilo (va bene anche quella per laghetti), attivo la filtrazione 4/6 ore prima del cambio e nel contempo inserisco un riscaldatore nel bidone.

Ottengo un’ acqua a circa 130 microsiemens con bassissimi nitrati, fosfati e assenza di cloro a temperatura di 24° / 25°.

Ora vi lascio un po’ di foto che spiegano meglio loro che 1000 parole o termini, per chi è portato per il fai da te sara’ sicuramente un divertimento e un sollievo quando vi saranno da fare i consueti cambi.

Ciao a tutti e alla prossima

Giulio

post-1321-0-69635200-1297193103_thumb.jpg

post-1321-0-58080900-1297193119_thumb.jpg

post-1321-0-15370000-1297193134_thumb.jpg

post-1321-0-03637300-1297193144_thumb.jpg

post-1321-0-96653400-1297193177_thumb.jpg

post-1321-0-78649300-1297193200_thumb.jpg

post-1321-0-02540600-1297193220_thumb.jpg

post-1321-0-10481500-1297193230_thumb.jpg

post-1321-0-32021900-1297193242_thumb.jpg

post-1321-0-51204500-1297193276_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Giulio ottima idea quella del carrellino porta bidone per i cambi mi sa che ti ruberò l'idea :D

Non ho capito una cosa, il primo filtro (tetra) filtra tutta l'acqua del bidone con resine anti PO4 NO3 e carbone, il 2° filtro filtra la stessa acqua a torba, ma come fai ad avere 2 differenti conducibilità?

Link to comment
Share on other sites

Ciao Mauro, :dft010:

I 2 filtri lavorano su circuiti a se stanti e mai in simultanea, che vengono aperti con i rubinetti attaccati al T, produco gia' di partenza acqua con conducibilita' diversa a seconda che sia usata in uno o nell' altro acquario e poi filtro SOLO con un circuito (filtro) a seconda che appunto della vasca che abbia bisogno del cambio.

ciao

Link to comment
Share on other sites

Ottima idea, bravo! Ho il tuo stesso carrello, e la stessa tanica. Mi manca però tutto il sistema con il rubinetto, per adesso uso il filtro hydor per torbare l'acqua.

:goodjob:

Link to comment
Share on other sites

grande Giulio ma come faccio io che il bagno dove preparo l'acqua e a piano di sopra e l'acquario sta giu in salone ? dovevi pensare anche a un piccolo ascensore :hot: .

Link to comment
Share on other sites

grande Giulio ma come faccio io che il bagno dove preparo l'acqua e a piano di sopra e l'acquario sta giu in salone ? dovevi pensare anche a un piccolo ascensore :hot: .

Ciao Titi ! :dft010:

penso che hai detto questo a mo' di battuta, vero ? hihiihihih

Se la casa fosse mia di proprieta non ci penserei 2 volte a fare una carotatura da 40 mm in soletta, magari in un angolo o dietro a qualche mobile, anfratto. Poi un tubo da giardinaggio con 2 attacchi rapidi con rubinetto annesso sotto e sopra soletta, per fare i cambi non avresti bisogno nemmeno della pompa, tutto ad effetto gravita' :017:

sono matto lo so !

 

ciao

Link to comment
Share on other sites

grande Giulio ma come faccio io che il bagno dove preparo l'acqua e a piano di sopra e l'acquario sta giu in salone ? dovevi pensare anche a un piccolo ascensore :hot: .

Esistono dei carrelli che fanno le scale da soli, vengono usati per portare ai piani alti oggetti molto pesanti quali lavatrici, caldaie, termosifoni, quindi oggetti oltre i 100 kg...post-1337-0-63840900-1297200406_thumb.jpg

Anche io mi sono fatto anni fa un bidone carrellatoma molto più semplice, solo una pompa di risalita, in aereatore e un termoriscaldatore... Bella idea Giulio bravo!!!

Link to comment
Share on other sites

e dai Andre , io stavo scherzando con Giulio e magari l'ho facevo lavorare su un altro poggetto. e comunque non va bene il carrello perche ho le scale strette e a chiocciola, qualcuno lo sa :57: . scusate il OT

Link to comment
Share on other sites

e dai Andre , io stavo scherzando con Giulio e magari l'ho facevo lavorare su un altro poggetto. e comunque non va bene il carrello perche ho le scale strette e a chiocciola, qualcuno lo sa :57: . scusate il OT

Hai presente quei piccoli montacarichi per cibo e biancheria che spesso si vedono nei film inglesi ? hihihihihihihihiihihihiihihihihiiihi :011:

ciao

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.