Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Che Ne Pensate Di Questo Filtro?


Astro

Recommended Posts

Ciao ragazzi oggi parlando con Rex ( ve lo ricordate???? io ogni tanto ci parlo su msn )mi diceva che il filtro che ho fatto io nelle due vasche dei discus sia il 250 che il cubo non vanno molto bene........mi diceva che è un sistema un po antico......e mi ha illustrato un metodo piu moderno,dicendomi che ora si usa questo tipo.......

Devo essere sincero io non capendoci molto (cosa che ho riscontrato il 16 al discus day,mentre parlava Fabio Scarpa,parlando del filtro e dicendo che la lana di perlon va pulita,lavata,ogni 2-3 giorni per evitare che passino fanghi che poi vanno ad ostacolare le porosità dei cannolicchi riducendo l'efficacia del filtro,io la lasciamo tranquillamente un un 10-15 giorni prima di pulirla........ :dft002: :dft002: :dft002: )torniamo a noi,vorrei illustrarvi questo metodo di filtro e sapere cosa ne pensate voi,come lo trovate,lo avete mai provato?

Il filtro è composto da 4 vani,1° vano libero completamente dove entra l'acqua dove può essere alloggiato il termoriscaldatore (diciamo il classico 1°vano :dft003: :dft003: ),2° vano è formato da piu strati iniziando dall'alto verso il basso:strato di lana di perlon;1°spugna;2°spugna;3°spugna;bioball,3° vano è formato da piu strati li metto in ordine del passaggio dell'acqua:Bioball;spugna;molta lana di perlon,4°vano tutto libero dove si trova la pompa che pesca l'acqua e la butta in vasca fine...........;) ;) ;) ;)

Rex mi ha detto che si trova benissimo.......io non ho la piu pallida idea mai provato.....la parola a voi esperti scatenatevi!!!!!! ;) ;)

Ho inserito anche una foto trovata sul web che utilizza un famoso allevatore amatoriale ditemi la vostra!!!!!

post-1269-0-34938500-1296087205_thumb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Carissimo...eccomi: intanto non esistono filtri "moderni" e filtri "antichi", perché i sistemi filtranti per quanto innovativi nella struttura, non possono che assolvere alle regole basilari che sono (1)passaggio dell'acqua su materiale filtrante che abbia una valenza(2) prima di tutto meccanica (per le particelle grossolane) , poi (3) biologica fino alla (4) pompa che re-immette (5) l'acqua trattata in vasca. Secondo me un filtro valido per ogni esigenza non esiste, perché anche i filtri industriali dovrai prima o poi aprirli e adattarli alle esigenze della tua vasca. Nel caso del filtraggio destinato a vasche spoglie il discorso della scelta del materiale filtrante, o la scelta del materiale filtrante, è la vera discriminante. Poi per quanto riguarda i passaggi: se in un 40 cm di lunghezza ci metti 3 o 4 paratie quel che cambia è la velocità di passaggio dell'acqua e quindi il contatto dell'acqua con il materiale filtrante sarà più veloce e meno forte. C'è però la possibilità che si crei uno spazio in cui i fanghi che si creano (spesso colonie di batteri inattivi) si depositino sul fondo, e se il passaggio dell'acqua lambisce poco e niente quella zona è probabile che col tempo si possano formare zone prive di ossigeno ottime per i batteri anaerobi che denitrificheranno l'acqua, dando il vantaggio all'acquariofilo di diradare i cambi.

Ti metto due foto di un filtro che mi son fatto costruire nel 2006 circa, e che mi ha dato qualche problemino tecnico:

200671131557_last concept_a.jpg 200671131612_last concept_b.jpg

 

Qui non avevo ancora messo come primo strato filtrante (a sottiletta) che era la lana di perlon, ma poca, proprio per evitare che il passaggio ostruisse i micropori dei cannolicchi Siporax, proprio come ti ha spiegato Scarpa. Ma non ne usavo tanta, e la stratificavo in maniera tale che potevo agevolmente sostituirla e buttarla quando era necessario (due tre giorni....chi lo può dire? Il passaggio meccanico ti permette di vedere quando è zozza). Noterai che nessuno si è inventato niente, che il passaggio dell'acqua è molto piu' chiaro, come pure la zone delle bioballs, in cui si depositano i fanghi, che come vedi col tempo denitrificheranno. Ma essendo questa una vasca destinata a moltissimi selvatici, invece di andare su bioballs che hanno una ridottissima superficie filtrante, lì c'erano due colonne di 45 cm circa (per 30 di larghezza) di siporax, che reggevano qualsiasi carico biologico.

 

Anche Mitch, dopo aver visto questo schema lo ha adottato per i suoi acquari.

Controindicazioni? La prima paratia ti indica il livello limite dell'acqua. Se scende sotto quel livello l'acquario rimane a secco. Per il resto 16/17heckel, e due cambi l'anno.

 

 

Conclusione: superficie filtrante, materiale meccanico-biologico, tutto al tuo buon cuore. Vuoi un sistema filtrante con una bella flora batterica? E allora abbonda con Siporax. Fai spesso cambi, la vasca è spoglia e la coppia è in ripro? Bene, Bioballs, spugne di diversa grana e cambi frequenti.

I tedeschi spesso usano un semplice muro di spugna a grana fine, con una pompa dietro. Fine.

Quindi ogni vasca vuole una specifica calibratura della filtrazione.

Link to comment
Share on other sites

Posso approfittare di questo topic per chiedere la reale efficacia delle biobolle? io non credo che possano avere la stessa porosità dei cannolicchi siporax o altri supporti biologici utilizzati piu comunemente, dato che li ho sempre viste utilizzate in denitratori aerobici trovo che siano piu adatte a tale scopo... sbaglio?

Link to comment
Share on other sites

No, non sbagli le bioballs sono nate proprio per quel motivo, ovvero nei filtri a percolazione o asciutto-bagnati.

Più sono lavorate a lamelle e più sono in grado di frantumare le gocce d'acqua che vi finiscono sopra e quindi arricchire il più possibile di ossigeno la superficie a contattato, servono per eliminare l'ammoniaca al volo....nel sonso letterale della parola, poi comunque il resto del materiale filtrante lavorerà per eliminare i Nitriti.....le bioballs inserite a bagno nei filtri servono solo per far si che non si intasi mai o quasi quel determinato scomparto, dando un buon scorrimento dell'acqua.

Nei filtri esterni si montano come primo materiale di passaggio quindi sul fondo del filtro nel primo cestello.

Link to comment
Share on other sites

quindi quello che deduco,sarebbe bene avere un misto,praticamente come il filtro di Tato,lana di perlon,spugna,cannolicchi siporax,spugna,bioball,spugna,cannolicchi siporax,spugna.

Mi piacerebbe capire quale tipo di filtro sarebbe piu adatto ad allevare i discus,per capire cosa utilizzare......

Nel mio filtro ora sul fondo si sta formando una fanghiglia la devo aspirare e togliere,sarebbe meglio????

Link to comment
Share on other sites

No, non sbagli le bioballs sono nate proprio per quel motivo, ovvero nei filtri a percolazione o asciutto-bagnati.

Più sono lavorate a lamelle e più sono in grado di frantumare le gocce d'acqua che vi finiscono sopra e quindi arricchire il più possibile di ossigeno la superficie a contattato, servono per eliminare l'ammoniaca al volo....nel sonso letterale della parola, poi comunque il resto del materiale filtrante lavorerà per eliminare i Nitriti.....le bioballs inserite a bagno nei filtri servono solo per far si che non si intasi mai o quasi quel determinato scomparto, dando un buon scorrimento dell'acqua.

Nei filtri esterni si montano come primo materiale di passaggio quindi sul fondo del filtro nel primo cestello.

Ottimo, perfetto!!!

LE bioballs non hanno secondo me nemmeno una lontana valenza biologica di azoto-fissazione, ma comunque come ha spiegato Riccardo aiutano a "frantumare" l'acqua per ossigenarla/aerarla e agevolare il lavoro dei batteri aerobi. Il filtro che ho postato io invce usa i "ricci" per frenare la velocità del getto d'acqua in caduta dal primo scomparto. L'unico accorgimento che ho usato è stato inserire una cannula per aspirare almeno 3 volte l'anno il fango che si creava in quella camera. inoltre quei ricci galleggiavano. L'acqua non scende fino in fondo, ma circola ovviamente seguendo il percorso delle paratie, e la forza della pompa dell'ultimo vano.

Link to comment
Share on other sites

quindi quello che deduco,sarebbe bene avere un misto,praticamente come il filtro di Tato,lana di perlon,spugna,cannolicchi siporax,spugna,bioball,spugna,cannolicchi siporax,spugna.

Mi piacerebbe capire quale tipo di filtro sarebbe piu adatto ad allevare i discus,per capire cosa utilizzare......

Nel mio filtro ora sul fondo si sta formando una fanghiglia la devo aspirare e togliere,sarebbe meglio????

 

ti ho gia' minacciato una volta,se non stai fermo con quelle mani te le lego veramente.

Link to comment
Share on other sites

bravo vedo che mi hai capito.quando eravamo da SG ho chiesto con che frequenza lavavano o sostituivano le lane. mi hanno guardato un po' perplessi e poi mi hanno risposto" se l'acqua passa perchè dovremmo intervenire?????"

Link to comment
Share on other sites

bravo vedo che mi hai capito.quando eravamo da SG ho chiesto con che frequenza lavavano o sostituivano le lane. mi hanno guardato un po' perplessi e poi mi hanno risposto" se l'acqua passa perchè dovremmo intervenire?????"

Io prenderei con le pinze ciò che abbiamo sentito da SG per due motivi:

1) quei filtri non avevano proprio l'aria di filtri sporchi, quindi mi sa che ogni tanto una lavata glie la danno e non solo all'occorrenza (sicuramente mi sbaglierò però)...

2) quello è un impianto professionale dove cambiano un sacco d'acqua, nei normali filtri una manutenzione periodica è fondamentale, lavare il filtro quando non va più significa che per un certo periodo (minuti, ore , giorni) esso non ha eseguito il suo compito denitrificante a dovere, con tutti i problemi annessi e connessi...

Ora, lavare la lana ogni 3 giorni come ha detto Scarpa mi sembra eccessivo, io li lavo una volta ogni 2 settimane, col metodo di turnazione della lana perlon, ovvero 2 o tre strati di lana, lavo il primo (il più sporco) e dopo lo metto in fondo... Per la fanghiglia se non è eccessiva (ovvero in quantità tale da sommergere il cannosint) non toccarla, se poi diventa troppa puoi provare quel sistema di lavaggio controcorrente.... Caro Astro vedo che hai seguito con attenzione quella conferenza sui filtri a Genova, ricorda sempre una cosa però, ogni volta che esegui operazioni di pulizia crei uno scompenso al filtro, più queste operazioni sono invasive più lo scompenso sarà importante....

Link to comment
Share on other sites

Io faccio veramente rare manutenzioni ai filtri, al limite del passaggio d' acqua,  sulle vasche con percolatore veramente quasi mai.

Link to comment
Share on other sites

non abbiamo fatto una premessa a mio dire fondamentale: non esiste ''il filtro'' e ''la manutenzione'', ma esistono molti filtri a seconda dell'uso che dobbiamo farne: di che vasche stiam parlando?

1) vasca medio grande (da 300 litri in su) con piante, pochi pesci (fino a 10 discus adulti), temperatura 28 gradi e alimentazione 2 volte al giorno, con un grosso filtro allora possiamo quasi dimenticarci di effettuare lavaggi o simili (io quando ero in questa realtà aprivo il filtro 5 volte all'anno!)

2) vasca da 200 litri per l'accrescimento di piccoli discus, con dentro 100 esemplari, temperatura 30 gradi, alimentazione 5-6 volte al giorno.... bhe, secondo me in questo caso la manutenzione deve essere molto più frequente....

 

comunque mi ripeto, lavo solo un terzo della lana perlon ogni due settimane, le spugne non le guardo neppure, i cannosint neanche a pensarci....

Link to comment
Share on other sites

Filtri moderni o filtri antichi? Ma che significa??? Non stiamo mica parlando di mode ma di principi che nella sostanza sono sempre gli stessi e funzionano così da sempre :biggrin: "le bioballs inserite a bagno nei filtri servono solo per far si che non si intasi mai o quasi quel determinato scomparto, dando un buon scorrimento dell'acqua",

non rinuncerei mai ai vecchi e "fuori moda" cannolicchi in vetro. :dft010:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.