Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Valori Che Influenzano La Crescita


francesco84

Recommended Posts

Quali sono stando alle vostre esperienze i valori che maggiormente influenzano la crescita dei nostri dischetti, cioè conta di più qualche valore in particolare, tipo ph, kh, gh, no3 o l'alimentazione? So bene che conta questo e quello, ed un insieme di valori buoni, ma la domanda è precisa... cioè conta di più avere un dato valore o una buona alimentazione?

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 14
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • francesco84

    5

  • tatore

    4

  • milanodiscus

    3

  • Jamy Diamond

    2

Top Posters In This Topic

Milanodiscus ti ha già dato un'ottima risposta.

Comunque volendo ragionare nel dettaglio, direi che un parametro importante per la crescita è l'apporto di sali minerali.

Quest'ultimi durante la fase di accrescimento sono fandamentali.

Ma è una stima orientativa visto che tutti quelli che hai elencato sono importanti.

Link to comment
Share on other sites

L'acquariofilia è bella per questo: è un gioco insulso di equilibri instabili, che rendono l'argomento affascinantissimo. La stabilità di tutto il sistema pende dal suo valore meno stabile, perché tutto in vasca ha un senso, e niente è lì per niente.

Contano i valori, conta l'alimentazione, e tutto è basato sulla biologia del pesce o dei pesci, della vasca, dell'arredo ecc.

Il pH cosa sarebbe senza un KH che lo tiene a bada? Quanto i nitrati incidono sulla crescita dei pesci e perché? Quanto concorre la durezza in questo girotondo di dogmi? Tutto è importante, niente è per caso...anche la luce è importante.

Link to comment
Share on other sites

Ti sei già risposto, contano l'una e l'altra cosa... fare una percentuale penso sia impossibile.

Quoto in pieno milanodiscus.... Anche noi stiamo bene se tutto intorno è equilibrato e ad hoc per noi, se abbiamo tanto da mangiare ma ci sono costantemente 40 gradi sotto zero e terremoti ogni 2 giorni non stiamo bene, viceversa se viviamo in un paradiso ma non mangiamo....

Link to comment
Share on other sites

mi sono risposto da solo per evitare che tutti rispondessero dipende da tutti i fattori, ma io volevo sapere se cresce meglio un discus in vasca con no3 molto bassi o sempre sulla soglia del cambio? uno che mangia 3 volte in acqua no3 0, o uno che mangia 6 volte in acqua no3 50?

Link to comment
Share on other sites

Francesco, è difficilissimo rispondere ad una domanda del genere.

In ogni caso ti consiglio di allevare i discus alimentandoli bene e cambiando tanta acqua controllando gli NO3, inutile dirti i valori perchè oramai spopolano sul web e li conoscerai bene.

L'importante è variare col cibo, rendere l'acquario una dimora per loro vivibile e fare cambi parziali.

Il resto vien da se!

Link to comment
Share on other sites

In genere quello che i pesci prendono dall'alimentazione sono gli amminoacidi e proteine essenziali, ossia quello che non hanno la possibilità di auto-"fabbricarsi" per la crescita e lo sviluppo (e questo è un discorso che vale per tutta la vita, ma nella prima fase è cruciale). Il reso in fase di crescita lo assumono dall'acqua, attraverso i canali che mettono in comunicazione organismo con ambiente esterno (branchie).

Quel che si rende importante in fase di crescita oltre all'alimentazione frequente ma varia e non a palate è la qualità dell'acqua, perché dalla qualità dell'acqua dipende l'apporto di minerali di cui il discus necessita per la formazione scheletrica, tissutale e organica. Calcio, Magnesio e Carbonati devono sempre essere presenti nella giusta concentrazione (non vale la regola del "meglio abbondare"). Il nitrato spesso si interpone quando siamo in presenza di acque tenere, tra la crescita del tessuto cartilagineo che forma quello che chiamiamo scheletro e i sali minerali. Ecco perché una durezza sostenuta è sempre consigliata, o in alternativa un ricambio di acqua continuo (in Asia non hanno acque dure, ma effettuano 100% di cambi anche 2 volte al dì), per avere la certezza che nessun elemento venga a mancare.

Altri fattori si interpongono a seguito del nitrato, e potrebbero aggravare il quadro.

Per fartela breve il consiglio dell'acqua nuova e ad una certa durezza, in crescita, anche se non tutti riescono in fondo a spiegare perché, funziona sempre perché racchiude il segreto (che tale rimane) per un rateo di crescita armoniosa (non veloce...diffidate) e soddisfacente.

Link to comment
Share on other sites

Per rispondere a questa domanda si dovrebbero fare delle prove comparative coinvolgendo centinaia di discus di stesse covate e ripetere il tutto svariate volte... una pazzia senza senso che nessuno sperimenterà mai. Sono quelle domande tipo: è più forte Mazzinga con le mani legate o Gig con un paio di componenti in meno? :undecided:

Link to comment
Share on other sites

Beh, lasciando i robot dal giocattolaio diciamo che due 'modelli' di crescita/allevamento li abbiamo:


     
  • 1: Stendker (come pietra di paragone), valori di acqua durissimi e pH di conseguenza alto.
  • 2: Asia: valori di acqua teneri, e cambi continui.
     

Non penso che i due modelli di allevamento sono uno inferiore all'altro....

Basta farsi due conti e capire cosa può portare al medesimo risultato con valori e condizioni diametralmente opposti, no?

Link to comment
Share on other sites

Il paragone te l'ho fatto per evidenziarti che pur essendo due metodologie di valori e allevamento quasi opposti (acqua dura vs acqua tenera e cambi continui)il rateo di crescita non delude mai in nessuno dei due casi.

Per quanto riguarda i tratti fenotipici (occhio piccolo, spot, fronte verticale ecc...) devi far riferimento ad incroci selettivi atti ad amplificare e fissare determinate caratteristiche estetiche e quindi si parla di genetica. Non è l'acqua o il cibo a rendere l'occhio piccolo. Quello è tutto un altro discorso.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.