Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Sump O Filtro Classico


Mauro

Recommended Posts

Ragazzi volevo raccogliere le vostre esperienze con i sistemi di filtrazione, io non ho mai avuto una sump per cui conosco i vantaggi e svantaggi solo per averlo letto in giro, come altro genere di filtro ho scritto "classico" comprendendo filtri interni ed esterni perchè anche qui ci sono varie preferenze.

Io ho avuto quasi sempre filtri esterni quindi mi sono fatto ormai un idea ben chiara sui limiti e sui pregi di questo sistema, ma visto che molti di voi usano sistemi diversi (sump e grossi filtri interni) volevo conoscere la vostra opinione.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 28
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • Mauro

    8

  • Gianluca72

    7

  • tatore

    6

  • Riccardone

    3

Mauro dipende molto da che tipo di acquario vuoi fare.

Se opti per un acquario densamente popolato e con quasi o nulla vegetazione, (la classica vasca da salotto per Discus) vedi vasca di robin1 (lui però ha un grosso EHEIM), sarebbe molto meglio avre una sum, la cui unica vera pecca è un po'(mica tanto..) di dispersione di calore.

I filtri esterni hanno come unico difetto quello che se quando si guastano non hai tutto il necessario in casa, sei LETTERALMENTE fregato.

Filtri interni sono ottimi se ben proporzionati, ma decisamente antiestetici...quindi come vedi ogni sitema di filtraggio può andare bene, dipende da quello che si vuol fare (da quanto si può spendere) e non ultimo dallo spazio disponibile

Link to comment
Share on other sites

Ciao Mauro, sai io ho sempre utilizzato filtri interni o esterni, ma non ho mai messo mano alla sump.

Brevemente ti dico che ho avuto modo di studiare il sistema sump di altri amici che lamentavano oltre che una dispersione di calore -esagerata-, anche il fatto che la stessa se non trova collocazione nel mobile dedicato all'acquario, deve trovarsi a riparo, e poi così come il filtro interno è anch'essa decisamente antiestetica.

Sinceramente trovo il filtro interno a scomparti il migliore in assoluto, se fatto come si deve.

Il passaggio attraverso i materiali filtranti deve essere lento e uniforme, la collocazione del materiale deve essere studiata per bene e il volume dello stesso proporzionato ovviamente alla vasca..così non avrai mai problemi..

Nel mio acquario utilizzo due filtri, lo sanno tutti ormai :biggrin: , uno interno e uno esterno.

Ma se dovessi pensare quale dei due eliminare -utopia :biggrin: -, virerei senza ombra di dubbio sul filtro esterno, anche se ora come ora, il lavoro parallelo di questi due filtri mi ha dato grossissime soddisfazioni. Il filtro esterno è un ottimo compromesso tra interno e sump, e ad oggi ci sono filtri esterni in circolazione che funzionano alla grande.

Link to comment
Share on other sites

Il contro della sump riguardo la dispersione di CO2 era gia tra quelli che conoscevo ma non mi interessa in quanto la vasca non sarà un Olandese, poche piante e non esigenti.

La dispersione termia invece è gia un contro rilevante, al giorno d'oggi con i costi dell'energia elettrica non è da sottovalutare.

Link to comment
Share on other sites

Il filtro interno ha tutti i vantaggi che vogliamo, mentre l'unico problema è la sottrazione di volume alla vasca. Ma in un certo senso la "finezza" con cui avvengono certi processi spesso ripaga, anche se il problema estetico rimane.

La sump ha il vantaggio di mantenere un buon potenziale redox, per via della superficie di contatto con l'aria molto più estesa anche dell'interno è indubbiamente ottima soluzione, quindi idonea e indispensabile dove è necessaria anche una veloce ossidazione dei composti azotati, una buona ossigenazione, niente CO2 e dispersione di calore: il marino. Nel marino è indispensabile per tutti questi fattori (tranne che per l'ossidazione dell'azoto), perché disperdere calore nel marino è importante in quanto vasche che si sovraccaricano di calore emesso da pompe e quant'altro ecc..ma per il dolce senza demonizzare (perché chice l'ha mica ha pesci moribondi)..meglio risparmiarsi una "seconda" vasca qual'è la sump.

I filtri esterni a differenza dell'interno sono privi di superficie a diretto contatto con l'aria, con l'esterno, quindi il problema è che l'ossigeno che serve ai batteri azotofissatori e le anidridi che emettono vanno a carico dell'acqua trattata, quindi tendono molto più di un interno a sottrarre ossigeno all'acqua, e ad abbassare il pH per tutti questi motivi.

Link to comment
Share on other sites

Io devo dire che avendo sempre le vasche iperaffollate andrei sicuramente sulla sump, a meno che la vasca da arredare non sia un plantacquario.

Link to comment
Share on other sites

l' unica pecca dell' utilizzo della sump e' il periodo più lungo di maturazione ma quando e' concepita e avviata a dovere e' veramente un filtro efficacissimo sia per l' apporto di ossigeno che per la capacità di gestire i composti azotati

Link to comment
Share on other sites

Bel topic Bravo Mauro!!!! sign0098.gif

La sump mi ha sempre attirato e affascinato, ma non ce l'ho mai avuta, alla luce di quanto scritto sopra chiedo: Il problema della sump per la dispersione di calore, è possibile limitarlo? la sump può avere il coperchio 8con le sedi per i filtri questo è ovvio)? Se si, si potrebbe coibentare su almeno 5 facciate con del polistirolo( base inferiore, superiore, vetri laterali e posteriore), lasciando libera solo la facciata che vediamo, e anche per i tubi vendono del materiale apposta per isolare... Tutto questo è fattibile?

Inoltre possiamo mettere i riscaldatori nella sump, onde evitare di metterli nella vasca (sempre per l'estetica)e facendo così si evita il fenomeno di acqua calda vicino ai riscaldatori e fredda lontano, in quanto arriva già in temperatura in vasca...

Link to comment
Share on other sites

certo che si può isolare con polistirene che e' più efficace del polistirolo, di solito io utilizzo 2 riscaldatori, 1 in vasca e 1 in sump

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Io sono ancora indeciso, so che non si può dire con esattezza quale sia il filtro migliore dato che dipende molto anche da vasca a vasca, ma forse è meglio che quando sarà il momento presenti il mio progetto per decidere eventualmente insieme qual'è la strada migliore da prendere.

Link to comment
Share on other sites

Ma la vasca cosa farà da grande? Arredata e piantumata, senza piante o cosa..? Una sump vs filtri esterni è un simpatico dilemma, ma potrebbe essere ottima la discriminante del tipo di ambiente che vuoi ricreare. Se hai già in mente qualcosa...beh, sarei curioso di sapere cosa. Valuta sempre pro e contro di filtri chiusi e sump.

Link to comment
Share on other sites

Hai ragione, in effetti molto dipende dal tipo di ambiente che deve essere filtrato.

Non ho ancora un idea ben precisa sul tipo di allestimento, ma a grandi linee sarà fondo fine, poche piante (qualche echino e forse vallisneria), molti rami.

Vedendo le bellissime vasche degli utenti credo una via di mezzo tra la vasca di Titti e quella di Robin1.

Abitanti saranno un gruppetto di scalari Pterophyllum, piu un gruppetto di grandi ciclidi (non ho ancora deciso quali, geophagus ? satanoperca?) che ovviamente siano compatibili tra loro.

Potrei prendere in considerazione anche la realizzazione di un grosso filtro interno, anche se mi dispiacerebbe sacrificare un po' di spazio a fronte di tanti benefici sarei disposto.

Link to comment
Share on other sites

Beh, nel caso tu opti per questa scelta (Pterophyllum, Geophagus et similia) inutile dirti che sei sulla buona strada, e che dovrai probabilmente rinunciare alle piante che radicano molto. tutti i grossi ciclidi che amano il fondo come area51 sradicano le piante nel periodo riproduttivo, ma non perché le vogliano sradicare, ma perché per loro non c'è mai abbastanza spazio. In quel caso secondo me una buona ossigenazione (ma anche per l'ossidazione dell'azoto) te la può dare solo la sump.

Ma ci tengo a ripetere che fai bene a valutare il filtraggio, fermo restando che qualsiasi sarà la tua scelta l'importante è riuscire a coprire il lavoro biologico che si renderà necessario. Per il filtro interno: ci vorrebbe un filtro voluminoso e potente, che comporterebbe un impiego di spazio non indifferente. Una vasca da 120 cm dovresti 'tagliarla' di almeno 20 cm per ricavarci un filtro, se vuoi che sia unico (niente filtri aggiuntivi). Una sump a questo punto sarebbe il top!

Link to comment
Share on other sites

Ammetto che la soluzione sump mi incuriosice quanto mi preoccupa, non ho nessuna esperienza di questo filtraggio.

Ma se oltre ai vantaggi ben noti che possiamo ottenere da questo sistema (in primis grande spazio per i materiali e grande capacità di ossidazione/ossigenazione) mi suona strano che abbia come unico "grande" difetto quello della dispersione.

E' sicuramente vero che è un sistema collaudatissimo nel marino, anche se con funzionalità e utilizzo degli sopzi completamente diversi, ma nel dolce è utilizzato da pochissimi (o sono io che sono all'oscuro), possibile che un sistema che ha molti piu vantaggi che svantaggi sia così poco utilizzato?

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.