Jump to content

Dopo 10 anni, dal 22 dicembre 2023,  sarà possibile iscriversi per i nuovi naviganti, fare il login per gli utenti storici,  commentare tra i post esistenti o aprirne di nuovi per ripristinare le interazioni che sui social network sono diventate caustiche, sporche e mai in linea con le richieste. Avendo constatato il livello spazzatura delle pagine malfrequentate, speriamo, anche con lento ripristino, di rifare quello che eravamo stati in grado di costruire un tempo glorioso. Buona navigazione a tutti

 

dc.png

admin admin

Vermi Branchiali Di Antonio Ferrara


anto

Recommended Posts

  • Replies 5
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

  • anto

    3

  • Jamy Diamond

    2

  • tatore

    1

Top Posters In This Topic

Anto, questo lavoro lo hai fatto con un raschiato delle lamelle? Quindi hai una cam installata sul microscopio che ho visto nel tuo laboratorietto? Questi sono lo spettro peggiore di ogni allevatore da sempre. Il problema è che hanno uno stadio di ciste che li rende praticamente sempre e tristemente disponibili ad attaccare i pesci, anche dopo un trattamento iperpotente (rinascono dalle cisti).

Però non li avevo mai visti in video. Grazie davvero.

Link to comment
Share on other sites

Noti come Dattilogirosi (monogenei).

Appartengono alla famiglia Dactylogyridae, sono ovipari e hanno un corpo allungato e appiattito.

La caratteristica OPISTHAPTOR, ovvero l'uncino che consente loro di aggrapparsi nel vero senso della parola, alla branchia dell'ospite.

Nonostante oggi molti medicinali a scopo acquariologico contengono il praziquantel come principio attivo per combattere questo tipo di ectoparassiti, difficilmente si riescono a debellare.

Rimangono l'utilizzo di Flubendazolo (che distrugge anche le uova) e la Formalina unici rimedi meno blandi.

Il loro tasso riproduttivo è veramente elevato.

Link to comment
Share on other sites

personalmente non sono molto aggiornato sulla capacita' del flunbendazolo,alla distruzione delle uova.

pero' di sicuro un degli ultimi studi di untergasser 2006/2007 parla di una tecnica di somministrazione in riferimento alla temperatura,cioe:

a 28 gradi bisogna ridosare il medicinale a 72 ore,cosi troveremo i vermi appena schiusi,nn in grado di generare uova.....calcolate che a sei ore dalla nascita i vermi gia sono in grado di riprodursi,quindi e' di fondamentale importanza la temperatura....

Link to comment
Share on other sites

Anch'io ho letto questa cosa.

Diciamo che il trattamento va comunque ripetuto perchè a distanza breve le uova si schiudono e vista la velocità con la quale si riproducono bisogna agire nell'immediato.

La temperatura è importante non soltanto per questo, ma soprattutto perchè questi ectoparassiti si sviluppano proprio a temperature alte, contrariamente all'Hexamitosi (comunemente Flagellati) che invece non sopportano le alte temperature.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.




  • Risposte

    • LorenzoBrigant3
      Valori ottimali ma due discussioni non mangiano e presentano feci bianche. ho fatto trattamento con flagelli cp senza beneficio. Ora ho preso anti fluke wormer avete esperienza nel trattamento con questa sostanza 
    • Gio79
      Mi chiamo Giovanna e vivo a Udine, da un pò di anni mi sono appassionata al mondo degli acquari. Dopo le prime esperienze "basic" mi sono innamorata del mondo degli Oranda, più precisamente dei Shogun e testa di leone. E' stata una bella scuola per quanto riguarda ogni forma di malattia......attualmente ne possiedo otto, in salute, di circa 14 cm in un acquario dedicato unicamente a loro. Da settembre dell'anno scorso ho deciso di lanciarmi in una seconda sfida, Discus. Attualmente possiedo sei Stendker di taglia 12-14 cm. La maggiore difficoltà è stata quella di entrare in simbiosi con il loro carattere e timidezza (nettamente opposta agli oranda). Ho fatto buoni progressi .. spero di continuare così 🙂! Chiedo il vostro consiglio per una situazione atipica..uno dei Discus, fin dal primo giorno rifiuta ogni forma di mangime granulare (provati tutti) vuole solo artemia dalla mia mano!  Ho necessità di abituarlo come il gruppo a mangiare anche altro, sto valutando di dare solo il cibo che gli altri mangiano regolarmente (artemia, granulare all'aglio, spirulina + vitamine, original stendker granulato, askoll diet blu/rosso ..ecc..) e vedere se dopo qualche giorno di digiuno cede.  Cosa ne pensate? quanti giorni può stare senza cibo senza rischiare la salute? Inoltre due volte alla settimana doso Seachem Discus Trace perchè ho paura che mangiando solo artemia (imbevuta con vitamine o aglio) non abbia tutte le sostanze nutritive necessarie.  Spero mi possiate aiutare, grazie Giovanna 
    • Gattosilvestro
      Con la scusa vi mostra la coppia 😁
  • Images

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.