Jump to content

Recommended Posts

Molti hanno la lampada UV-C, molti stanno pensando di insatallare la lampada UV-C, ma quanti sanno bene come funziona?

Quanti sanno per esempio che una lampada UV-C con l'acqua ambrata l'unica cosa che fa è...consumare corrente?

Utilissima con acqua cristallina, in impianti di riproduzione o vasche di accrescimento, ma quanto è utile nel NOSTRO mondo sommerso in salotto sopratutto se biotopo?!?

Vediamo che salta fuori ora! >:D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Molti hanno la lampada UV-C, molti stanno pensando di insatallare la lampada UV-C, ma quanti sanno bene come funziona?

Quanti sanno per esempio che una lampada UV-C con l'acqua ambrata l'unica cosa che fa è...consumare corrente?

Utilissima con acqua cristallina, in impianti di riproduzione o vasche di accrescimento, ma quanto è utile nel NOSTRO mondo sommerso in salotto sopratutto se biotopo?!?

Vediamo che salta fuori ora! >:D

..sapessi quanto ho scritto in giro per il web sulla UV-C, che domenica stavo preparando un articolo ma per fortuna mi sono addormentato prima :dft011:

Ovviamente hai stramaledettamente ragione, o meglio, se consideriamo le cause di una non resa della UV-C dobbiamo mettere tra esse:

 

-l'effetto shielding dell'acqua ambrata sui microrganismi: in fondo i raggi UV per modificare e devastare il DNA vanno considerati come un fascio di particelle (fotoni) che oltrepassano la membrana cellulare, arrivano al nucleo, scombinano l'acido ribonucleico. Fascio di particelle che viene ostacolato da qualsiasi cosa puo' interrompere il loro tragitto che segue sempre una linea retta. Le migliori UV hanno una buona camicia di quarzo ed un controrivestimento interno che permette ai fasci radioattivi di rimbalzare e seguire altre traiettorie, ma sempre in linea retta. Quindi dove non arriva la luce non succede nulla.

 

-l'acqua fredda, o che non arriva a circa 38/40°C che è la temperatura minima richiesta ad una UV-C per funzionare correttamente. Flussi troppo veloci vanificano infatti l'irraggiamento corretto, perché l'acqua deve un minimo sostare all'interno del tubo/serbatoio contenente il bulbo ad UV-C, arrivare ad una certa temperatura e poi viene spinta fuori dalla corrente stessa, quindi vanifica la potenza il terzo elemento:

 

-l'acqua troppo veloce, che non ha il tempo di essere irraggiata, rimanendo tale e quale allo stadio iniziale. Entra ed esce e i raggi UV non hanno avuto il tempo di modificare nulla-

 

Quindi le regole base sono:

prefiltraggio

acqua a flusso lento

buona UV-C (che va cambiata ogni 6/8 mesi)-

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, se serve? Si, assolutamente si. Non ho vasche dove è richiesta una carica batterica bassa senza una UV-C. Superconsigliata a tutti i discusofili con vasche sovrappopolate, ma anche no. :dft011:

Share this post


Link to post
Share on other sites

sign0098.gif però aggiungerei...

biotopo amazzonico, acqua ambrata, PH acido, ecc... risparmiamo qualche soldo!

Non sono proprio d'accordo. Ogni caso va contestualizzato. Perché il pH acido?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono proprio d'accordo. Ogni caso va contestualizzato. Perché il pH acido?

Ciao Claudio, piu' o meno siamo nella stessa situazione... anche la mia piscina è appena partita (5 giorni) devo dire che per ora mi è stato suggerito di non installarla la UV e ragionandoci sopra in effetti abbassando la carica batterica aumenta il tempo di maturazione. Avendola gia' penso che la installero' tra un 4-6 mesi a vasca ben avviata e con gia' un suo equilibrio se vedo che non riesco a tenere a bada i nitrati con i miei solito cambi regolari d' acqua (10-15%) 2 volte a settimana. Devi valutare un po in base ai risultati che otterrai a vasca matura (no3 e fosfati che sono indice pure di bassa o alta carica batterica).

 

ciao bello sign0098.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa è la lampada Ruwal da 20W

DSC_0477.jpg

Posata sulla scrivania distinguete corpo (nero), camicia di quarzo (vedete che è già con delle cataratte sopra? Era sporca) e bolbo UV da 20W. Scusate il disordine della scrivania :dft003:

DSC_0480.jpg

Questo è solo il bulbo, giusto per farvi vedere quanto è lungo da 20W e far capire con quale facilità l'acqua raggiungerebbe i 40°C durante l'esposizione. Anche qui scusate il disordine...ma sono fatto cosi'. LE foto risalgono a domenica scorsa, proprio perché volevo fare un articolo. Ma in pratica lo state facendo voi, quindi in firma devo mettere il nome di tutti i partecipanti al topic :dft010:

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate, non ho capito. la nostra "santa" acqua di 29°.... deve raggiungere i 38°/40° nel bulbo della UV-C altrimenti non c'è effetto ? e con un metro di tubo viene poi ributtatta in vasca ? li lessiamo ? bravo Claudio che hai riaperto l'argomento

Edited by Gianca69

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate, non ho capito. la nostra "santa" acqua di 29°.... deve raggiungere i 38°/40° nel bulbo della UV-C altrimenti non c'è effetto ? e con un metro di tubo viene poi ributtatta in vasca ? li lessiamo ? bravo Claudio che hai riaperto l'argomento

Gianca,

L'acqua esposta ai raggi UV-C e che si trova a sostare nel cilindro raggiunge facilmente la temperatura di 38/40°C, ma ovviamente il calore rimane all'interno del cilindro, e si dissipa una volta in vasca, anche perché l'acqua che il cilindro contenente camicia di quarzo e bulbo non deve né avere il passaggio veloce dei filtri (perché è quello che siamo abituati a vedere), né deve morire dentro: ecco perché il bulbo NON ha una forma quasi mai cilindrica, ma è disegnato per contenere un quantitativo d'acqua e trattenerne sempre un pochino all'interno, per far si che la nuova acqua arrivi subito a temperatura. Il tutto lentamente. La potenza della UV-C, oltre alle caratteristiche tecniche, deve essere agevolata da un tempo di contatto prolungato e da una temperatura adeguata. Ma parliamo della temperatura di quei due litri di acqua nella UV-C, non dell'acquario.

Un passaggio veloce non può avere queste caratteristiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capitissimo, grazie. Magari chiudo mezzo rubinetto di uscita dell'hydorino così rallento il flusso

 

Gianca, prima di chiudere mezzo rubinetto, devi considerare la portata della lampada e quella del filtro e poi ti regoli di conseguenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Capitissimo, grazie. Magari chiudo mezzo rubinetto di uscita dell'hydorino così rallento il flusso

 

Gianca, prima di chiudere mezzo rubinetto, devi considerare la portata della lampada e quella del filtro e poi ti regoli di conseguenza.

 

la lampada è data per ottimale con flussi di 100-150L/h, l'hydor 10 è dato per 300L/h ( ovviamente sono valori teorici )

se chiudo mezzo rubinetto in uscita, il filtro ne risente ? sul manuale hydor non sarebbe riportata tale possibilità, io ho provato e non ho sentito rumori strani della girante

il massimo sarebbe fare un micro impiantino con T e rubinetto ( Gianluca72, che ancora ringrazio, mi ha fornito lo schema ) ma lo spazio che ho nel mobiletto è proprio misero e temo di non riuscire a starci ( la lampada dovrebbe arrivare a fine settimana )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di quanti watt è questa lampada?

 

è la 9W JBL ( me la spediscono in offerta bundle -praticamente gratis- con il filtro dalla Germania .. secondo loro andrebbe addirittura con l'e900 da 900L/h )

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate, non ho capito. la nostra "santa" acqua di 29°.... deve raggiungere i 38°/40° nel bulbo della UV-C altrimenti non c'è effetto ? e con un metro di tubo viene poi ributtatta in vasca ? li lessiamo ? bravo Claudio che hai riaperto l'argomento

Gianca,

L'acqua esposta ai raggi UV-C e che si trova a sostare nel cilindro raggiunge facilmente la temperatura di 38/40°C, ma ovviamente il calore rimane all'interno del cilindro, e si dissipa una volta in vasca, anche perché l'acqua che il cilindro contenente camicia di quarzo e bulbo non deve né avere il passaggio veloce dei filtri (perché è quello che siamo abituati a vedere), né deve morire dentro: ecco perché il bulbo NON ha una forma quasi mai cilindrica, ma è disegnato per contenere un quantitativo d'acqua e trattenerne sempre un pochino all'interno, per far si che la nuova acqua arrivi subito a temperatura. Il tutto lentamente. La potenza della UV-C, oltre alle caratteristiche tecniche, deve essere agevolata da un tempo di contatto prolungato e da una temperatura adeguata. Ma parliamo della temperatura di quei due litri di acqua nella UV-C, non dell'acquario.

Un passaggio veloce non può avere queste caratteristiche.

Tato, come possiamo quantificare il flusso lento?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now

×