Jump to content

AlexG

Members
  • Content Count

    323
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

AlexG last won the day on August 1 2012

AlexG had the most liked content!

1 Follower

About AlexG

  • Rank
    frequentatore

Profile Information

  • Sesso
    Uomo
  • Citta'
    roma
  1. ho notato che le mode sono cicliche....quando vai su prima o poi devi riscendere. Mi spiego,si sono raggiunti dei livelli di selezione di forme e colori oramai insuperabili,ora raggiunta la cima si deve ripartire dalla semplicità...e il rosso turchese,insieme allo scalare selvatico,il particolare cory, l'endler,e compagnia bella(tutti grandi classici).sta ritornando veramente forte.. è come un must immortale.noi del forum non siamo gli unici a desiderare quelle forme e quei colori che ci affascinavano da bambini...quindi ragazzi mettetevi sotto che è il momento di sfornare un buon prodotto italico..basta pensare alle vecchie linee di x ...o y...qui tocca tirare su qualche bella colorazione che facci chiacchierare gli stranieri...
  2. Quando li presi il pattern era presente Per il30 % ed erano arancioni avevvano sui 5 mesi...intorno ai 14 mesi divennerò così...un fondo bianco perla soprattutto il maschio,che ogni volta che ci penso....vabbè capita il proble è che mi rimane il dubbio che se avessi soppresso la femmina forse si sarebbe abbassata la carica del patogeno in vasca...dopo 35 giorni è presa pure al maschio...non sapevo se ridere o piangere...e per fortuna che trovi scritto che nn è contagiosa.Vallo a sapere che tristezza !! una delle ultime.... foto del tipetto, ora sto ridendo pe nn piagne lunghezza 19 altezza 22...un fotomodello almeno per me,poi ogni scarrafone è bello a mamma soia
  3. AlexG

    piccoli crescono senza naupli

    dalla foto sembrano bellini.....complimenti stai andando bene!
  4. grazie ragazzi...il padre dei due in questione era anche più spesso e più grosso....e nn aveva mai mangiato pastone(almeno SG dice di usare solo granulati)il padrone sicuramente nn aveva mai somministrato carne,eppure era sui 22 cm...la situazione è talmente complessa,purtroppo,che tutti gli approcci scientifici saltano,io penso a qualche patogeno,infatti ora sterilizzerò la vasca,la taglia enorme e "show" dipende cmq anche molto dalla genetica,quelli di sg tirano fuori delle cose allucinanti. so comunque,mio malgrado, che ho potuto ammirare e riflettere sulla bellezza e sulla maestosità di animali unici, noi tutti appassionati e acquariofili consapevoli,ci ritroviamo in casa,a volte anche senza farci troppo caso,delle opere d'arte viventi,sono felice di aver scoperto questo hobby e di condividerlo con altri amici. Nuovi discus ricominceranno un nuovo ciclo per me,ma il ricordo che ognuno ha dei pesci più belli e più significativi è un ricordo speciale..ognuno ha sempre in mente il pù bello o quello a cui è stato più legato/affezionato.
  5. Ho soppresso i miei pesci,non sono andato avanti con autopsie e cavoli vari,spero di mantenerne per sempre un buon ricordo,belli da morire effimeri come un castello di sabbia.Se gli approcci scientifici non sono andati avanti e se nessuno ha più risposto a questa discussione, credo che si possa cancellare tutto @@tatore valuta se è meglio chiudere qui l'argomento,io nn ne vedo sviluppi. Oltretutto sono triste da morire non credevo che si potesse essere tristi per 2 pescioni che si facevano accarezzare e ti ammaliavano attraverso un vetro,non lo credevo,ma guardando l'acquario vuoto mi commuvo,cazzo di passione. allego la foto affinche la passione per la bellezza e la natura continui a gettere radici più profonde dentro di noi .ciao pesci spero di aver fatto sempre il meglio per voi
  6. Flubendazolo,io ho usato qualche antielmintico,ma devo dire con parsimonia e a scopo preventivo.Non so nemmeno se era presente flubendazolo.Dovrei verificare.Si potrebbe fare in un altra sezione un sondaggio relativo all'uso del pastone regolarlmente per più di dieci anni e longevità delle bestiole? pure questo potrebbe far luce per abbozzare un quadro.
  7. Dunque ,credo che procederò fra qualche giorno ad una apertura dei pesci,vorrei però capire quanti siamo a dar da mangiare pastone ai discus anche in età adulta e quanti allevatori hanno mai riscontrato,nel corso degli anni ,patologie legate alla dieta che portassero ad una sospensione dell'uso di carni.In parole povere quello che propongono i fratelli tedeschi,ovvero il buon cuore di bue per tutta la vita del pesce,è corretto o è un utopia?
  8. No non postarmi le dosi di Fmc,è la cura generica,che aimè i testi conigliano per molte malattie.Ora quello che mi interessa maggiormente è capire se è un patogeno o una sindrome legata all'alimentazione,o se è solamente un fattore genetico. devo trovare qualche ente struttura o qualcuno disposto a scoprire con un esame o una serie di esami sul pesci, di cosa si tratta...vuoi vedere che è un patogeno che sta in vasca? @@Upacciu mi stai facendo venire in mente questa cosa,perchè tu hai avuto manifestazioni cicliche di un altro tipo di malattia...anche con generazioni diverse di pesci e in vari anni.
  9. Salve a tutti,per rispettare le regole inizio subito con i valori e la gestione. Vasca di litri 200 lordi,fauna coppia di discus,qualche corydoras ,2 ancystrus.Gestione:cambio del 15 per cento settimanale,inizialmente bisettimanale.(cambio effettuato con tubicino goccia a gocia quasi). temperatura 30,5 p,h 7,4 conducibilità 500 us.Alimentazione varia e una volta al di un pezzetto di pastone oltre al granulato shg tubi e artemia lio.In sequenza ad un mese e mezzo di distanza ho avuto entrambi i pesci colpiti dalla sindrome del nuoto a testa in giu,esemplari magnifici,di cui tra poco conserverò solo il ricordo,dopo circa 2 anni che sono stati con me.C'E da aggiungere che gli esemplari sono fratelli,e presentano zona laterale rigonfia presumibilmente o il fegato o la vescica stessa .Approcci scientifici: Ho letto in giro per la rete che la patologia può manifestarsi anche per un uso di carni animali,alcuni autori sembrano aver trovato una connessione piuttosto evidente tra questa pratica comune in acquariologia e lo sviluppo della patologia all'organo di equlibrio/galleggiamento. di contro,schiere di allevatori più o meno professionisti,abituati quindi a grandi numeri,non denotano alcuna propensione allo sviluppo di tale patologia con l'uso di mangimi animali.La patologia sembra non essere contagiosa,anche se effettivamente ,per esperienza personale,non avevndo soppresso l'esemplare femmina(il primo colpito) rimango col dubbio che dopo un mese e mezzo possa aver contagiato alche il secondo esemplare il maschio. Non credo alle pratiche empiriche che ritengono che un intervento preventivo con un antibiotico tipo sulfametossazolo o tetraciclina possa far regredire la patologia.Io l'ho fatto e non è servito,altre volte non ho fatto nulla e il pesce ha recuperato da solo in 2 gg. (altri casi non questo). Ora per completare il tutto servirebbe un autopsia sui 2 esemplari,io non me ne intendo,secondo voi c'è qualcuno in grado di eseguirla(veterinario biologo) o qualche istituto di patologie ittica?..sarebbe interessante per delineare un quadro più scientifico della patologia,far luce sulle dinamiche dello sviluppo,eziologia dei patogeni e risposte più oggettive per inquadrare la sindrome,limitate dalle solite pratiche di uso dell'antibiotico(nn si sa se centrano batteri?!)e dai soliti piselli bolliti schiacciati.
  10. AlexG

    ciao a tutte/i

    queste vasche piene di piante denotano la tua passione per la natura...Benvenuto
  11. AlexG

    Gli Heckel di Franco68

    accidenti come stavano in forma...mai notao qualche comportamento riproduttivo? come gestivi i cambi?L'acqua della rete che valori aveva?,scusami per la sequela di domande ,ma è molto interessante notare che anche questi pesci estremi,alla fine possono vivere a valori non estremi
  12. @ sono intervenuto dopo 3 gg poichè delle volte ho avuto qst patologia su altri pesci e in 2 tre gg con temp a 32 33 si risolveva...ma ognuno dice ua cosa diversa,chi usa tetracicline chi usa i piselli bolliti,chi sulfamidici ,credo che senza una diagnosi in mano ....e poi se uno ci pensa un attacco batterico nn cronicizza e rimane fermo li ma passa a livello sistemico. Secondo me essendo una femmina,ha qualche massa/tumore alle gonadi,anche perchè le ultime due volte che ha fatto le uova,era un pò difficile per lei ci metteva di più e le uova nn si attaccavano bene,erano come poco appiccicose...e gia la cosa mi insospettì,ognuno conosce bene i suoi animali e riconosce segnali strani,questo mi ha messo in testa la patologia alle gonadi che ha coinvolto la vescica natatoria.
  13. ragazzi zero segreti co voi mi avete subito sgamato i pesci di tatore... cmq il fenotipo si è un pò sganciato dai rt e ha ripreso un pò il wild...anche perchè sono grandicelli,come età,approposito ma l'RT più o meno ci mette come il pigeon (circa 1 anno e mezzo) per finire la colorazione?dunque per quel che riguarda l'alimentazione uso anche il pastone fatto da me con cuore di vitella,gamberi spinaci e microgranuli...scaglie tubi artemia lio granuli shg dafnie...praticamente quando passo li davanti butto dentro qualche cosa...i prodotti sono ben collaudati,il ph regulator è un biocondizionatore che precipita i sali di calcio e magnesio,e leva il cloro,in fase di accrescimento quando nn si vogliono noie quotidiane con l'impianto ro (poi bisogna vedere ognuno come è organizzato) è comodo e sicuro,l'altro è una resina che assorbe le proteine e si rigenera all'infinito in candegina(le proteine vengono ossidate dagli ipocloriti, e decomposte,i granuli della resina sbiancati tornano nuovi,prego nn iniziare la solita polemica,del rilascio di controioni,perchè nn è scambiatrice ma assorbente,saturabile e inerte.Per il resto mi domando come avete fatto a riconoscere i pesci di salvo... ) io che volevo fargli uno scherzo,peccato.Spero di poter recuperare un paio di cm in questi ultimi 3-4 mesi di crescita rimanenti..per il momento ho notato che qualcosina stanno recuperando. vediamo un pò l'evoluzione...e vediamo che succede se si forma...niente fammi stare zitto
  14. Ciao ragazzi,mi hanno regalato un branchetto di 7 dischi,ancora giovanili(circa 10 mesi) ,la gioventù si denota bene dalle pettorali e dalla colorazione ; avendoli in casa posso notare che muta e si completa giorno dopo giorno. Li ho messi sotto con tutti i tipi di mangime che esistono,5/6 volte al di,con un cambio del 20% un giorno si uno no con acqua del rubinetto trattata con il mitico seachem neutral regulator http://www.seachem.com/Products/product_pages/NeutralRegulator.html . più un altro mitico prodotto sempre seachem che mi permette di cambiare così poca acqua ma di avere dei valori come se ne cambiassi 50 % al di ...il purigen. Premetto che ho passato un brutto periodo coi dischi perchè la femmina di una coppia di pigeon stupenda e di altissima genealogia,ha avuto la patologia della vescica natatoria gonfia,e nn riuscendo a curarla(rarissime volte rivedono la salute queste bestiole dopo una patologia simile) e a sopprimerla(come potrei?) ,è divenuta cronica,fa tutte le sue attività(meno la ripro) e nuota a testa in giù oramai da un mese...che sofferenza. Insomma stavo ripartendo da questi soggettini regalatimi,sicuramente sono e saranno una scommessa,la scommessa sarà vinta se e quando riuscirò a vedere cosa tireranno fuori in f1....colgo l'occasione per un saluto globale agli utenti del forum e per salutare due amici @@dotto e @@tatore che è pure compaesano/conterraneo. allego le foto ,sarei curioso di sentire i vostri consigli e opinioni,anche per cercare di identificare la varietà...la vasca è 100 x30 x40h ed è piena fino al bordo,i pesci vanno dai 12 ai 6 cm,e come detto sono 7.filtro esterno eheim più filtro meccanico a cartuccia interno e temp 29 / 30 C valori ph 7,0 conducibilità circa 500 us nitriti assenti nitrati mai sopra 50...quando il prodotto è appena messo(purigen) stanno pure a 0 per 3-4 gg...poi intorno 40-50 per circa 8-10 gg. p.s fra un mesetto verranno trasferiti in un 100x40x50h ora vanno ancora comodi e sono ben raggruppati per il pompaggio alimentare
  15. da mia esperienza personale i cory mal sopportano i 28/30 c che impostiamo per i nostri benamati discus.....a temperatura ambiente sembra che vivano di più....esperienza chiaramente personale
×

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.