..::Discusclub.net 2.0::..

1
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)

[Discusday 2012]Il meraviglioso mondo dei pesci di Heiko

admin 28 gennaio 2012


MAC 6986_1Non è mai stato messo in dubbio il potere che ha come ammaliatore di folle, quando parla di discus, di nuove scoperte, di e del suo elemento che è l’acqua. Ma quello che si vuol presentare in questa piccola rassegna, è una parte della conferenza, che io chiamo la conferenza dei due mondi (Mondodiscus e Mondosommerso), che il relatore d’eccezione Heiko Bleher ha preparato per l’occasione: “Pesci rari e strani in Acquario”. E se ne son viste di stranezze… Per inciso: le foto che seguiranno sono foto di slides, quindi di non eccellente qualità, e ringrazio Heiko Bleher e Aquapress per il permesso accordatomi alla divulgazione.


IMG 4013

Devo rendere omaggio alla potente edulcorante descrittività di Heiko Bleher, che riesce a presentare tratti (o trattati) apparentemente inspegabili di biologia evoluzionistica in chiave aneddotica, e questo crea interesse ovviamente negli spettatori, che rimangono incollati allo schermo, con l’attenzione puntata su quello che verrà presentato, prestando sempre attenzione a cosa è legata come peculiarità insita un tratto distintivo della morfologia dell’animale. Alcuni sono davvero incredibili. Forse pochi si rendono conto, che l’eccezionalità di tutto quello che oltre due ore di conferenza hanno voluto presentare consiste nella personale esperienza dell’autore, che si è recato nei posti in cui i pesci vivono e/o sono stati scoperti e descritti, mentre in taluni casi è un diario di bordo in quanto si è recato appositamente sugli areali per constatarne l’effettiva presenza, la giusta localizzazione, o altre volte (sempre più spesso) l’effettiva estinzione.

Heiko Bleher è veramente il detentore della cultura ittiologica, il più grande esploratore e scopritore di specie ittiche di tutti i tempi, il più grande conoscitore/scopritore/descrittore di pesci d’acquario. Biologi e scienziati lo hanno sempre aspettato con ansia, perché non si è mai presentato a mani vuote dai suoi amici che per lui ed in suo onore hanno descritto e nominato una immensa moltitudine di pesci e specie. Giusto per citarne uno tra tanti, il biologo e il più grande esperto di caracidi, il compianto Jacques Géry (1977).

MAC 6820

Vorrei iniziare la rassegna fotografica (ribadisco) delle slides di Heiko, partendo (senza troppi commenti) dal pesce che poi è diventato il simbolo della “missione intellettuale” di Heiko Bleher, e della casa editrice Aquapress: il pesce sega d’acqua dolce ( perotteti). 

MAC 6952

A pesca di una delle varianti del Pristis sp.

MAC 6959

MAC 6949

MAC 6955

Una variante asiatica del P. perotteti

MAC 6956

MAC 6958

MAC 6963

MAC 6965

MAC 6967

I pesci vengono sistemati per il viaggio che li porterà all’acquario di Berlino

MAC 6968

MAC 6970

A Berlino..

MAC 6971

Non poteva NON richiamare l’attenzione della stampa nazionale

MAC 6972

MAC 6975

Inutile dire che i pesci accettavano cibo e attenzioni da Heiko senza alcun segno di timidezza o diffidenza

MAC 6977

Volevo iniziare dal pesce che più di tutti mi ricorda l’autore, però è stato solo un frammento della conferenza, che è andata molto, molto avanti. Pesci che si distinguono per la caratteristica estrema dei biotopi che popolano. Pesci e piante la cui idrodinamicità sfidano la potenza delle cascate che nemmeno un uomo riesce ad affrontare:

MAC 6829

MAC 6830

Ovviamente non è il pericolo che spaventa Heiko..

MAC 6832

Un video:

Characidium sp. che vive qui, e le piante che vedete in queste foto, NON potrebbero mai vivere in acque ferme, e non sono certo piante che vedremo mai in acquario. Seccano durante la stagione secca, e si riprendono quando le acque torneranno a lambire le pietre.

MAC 6833

Il verde brillante di questo pesce è impressionante. Notare la grandezza del pesce proporzionandolo con le mani di Heiko.

MAC 6836

Ecco il segreto e l’idrodinamicità di pesci che vivono in piena corrente. Pesci che il più delle volte NON hanno vescica natatoria.

MAC 6806

Il pesce tigre africano Hydrocynus goliath

MAC 6810

Salmimus maxillosus

MAC 6815

Una comunità in cui sono presenti anche Salminus hilarii, erbivori, con i quali sfruttandone la somiglianza condividono biotopi con l’inganno

Alcuni esemplari sembrano essere sopravvissuti all’estinzione dei dinosauri, e che conservano caratteristiche realmente stravaganti, come Heiko descrive.

Hydrolycus armatus non è un pesce da “fritto misto”

MAC 6838

 I due grandi denti della mascella inferiore quando chiude la bocca escono dal due canali a mezzo centimetro dal bulbo oculare. Si nutre anche di anatre, che cattura con estrema disinvoltura

MAC 6839

Ecco, qui è mostrato il punto in cui è localizzato il canale di uscita dei denti inferiori

MAC 6842

Sartor elongatus (leggere la slide)

MAC 6843

La particolarià di questo pesce è quella di vivere in ambienti privi di sabbia, e per predare o scavare, tra le pietre, ha sviluppato una cavità orale morfologicamente unica

MAC 6849

, piccolissimo animale (v. dita) di acque temperate… 

MAC 6846

La femmina  (T. tambopatensis, freccia rossa) ha già in grembo migliaia di uova.

MAC 6853

E il T. maderae, tropicale, con la sua ghiandola che secerne feromoni posta sulla caudale, per attirare la femmina (in basso)

MAC 6856

Una macro della ghiandola


E chi conosce le abitudini…sessuali di questi bellissimi e microscopici pesci (Pterobrycon myrnae)?

MAC 6871

(in basso il maschio)

MAC 6873

Il maschio porta ile sacche spermatiche sulla pinna pettorale destra perché….

MAC 6876

..la femmina ha l’organo genitale sulla sinistra. Un espediente per non essere disturbati durante l’accoppiamento..unilaterale?

Altre stravaganze…

MAC 6903

 Pesci privi di occhi, specie somala Phreatichthys andruzzii


MAC 6905

La femmina di un esemplare cinese, priva di organi della vista, gli occhi

MAC 6907

Il maschio, che invece ha delle zanne e una particolare gibbosità che gli permette di raccogliere e difendere le uova, come succede nei sp.

Pesci mirabilmente colorati:

MAC 6881

MAC 6885

Phenacogrammus bleheri (Rep. democratica del Congo)

MAC 6886

Fluviphilax pigmaeus, dalla naturale fluorescenza

MAC 6897

Non ancora descritto…


E adesso le specie che Heiko si augura vengano adottate per mini acquari, acquari di comunità, e monotematici: insomma una piccola responsabilità che gli acquariofili dovrebbero assumersi.

MAC 6863

Ammocryptochanax cf. elegans

MAC 6864

MAC 6868

MAC 6870

MAC 6900

Schistura sp, maschio bellissimo, trovato in Mekong

MAC 6913

Polynemus paradiseus

MAC 6915

Ancora Polynemus paradiseus

MAC 6922

Satanoperca daemon

MAC 6923

Paratilapia polleni

MAC 6925

MAC 6926

MAC 6932

Un ramirezi, sicuramente super-trattato, ma per niente naturale. Bello ma non naturale, quasi mostruoso

MAC 6930

MAC 6934

Uaru fernandesyepezi, pesce di biotopo, bellissimo

MAC 6935

Gymnogeophagus australis  – Uruguay

MAC 6936

Gymnogeophagus australis  – Uruguay

Channidae

MAC 6938

MAC 6941

(Channa bleheri)

 


MAC 6943

 

(foto sopra)Il segmento mostra l’organo riproduttivo di questo maschio, il più lungo in natura in proporzione al corpo (circa il 50% della lunghezza totale)

MAC 6944

MAC 6945

MAC 6948

MAC 6981

Un rarissimo Panaque, dato (praticamente) per estinto

MAC 6978

MAC 6980

Hemibagrus cf. microphtalmus pesce considerato uno dei più cattivi del genere

MAC 6987

Pseudomugil sp., pesci di rara bellezza

MAC 6983

Kiunga ballochi, pesce ritrovato, e dato per estinto, che vive in un ristrettissimo biotopo australiano, autentico gioiello naturale

MAC 6985

Kiunga bleheri, emerso durante la ricerca del K. ballochi

MAC 6986

Pseudomugil sp. Non c’è molto da aggiungere…



Voglio ringraziare di cuore Heiko Bleher, per il continuo ed innegabile contributo che offre al mondo con le sue conferenze, in cui ha veramente l’abilità di riassumere una vita di esplorazioni, di denunce contro deforestazione e distruzioni, mettendo a repentaglio la sua stessa incolumità, e per rivolgere sempre uno sguardo e una parola di aiuto a tutti, quasi fosse sua diretta responsabilità il benessere dei nostri pesci in vasca. La cultura del concetto di biotopo.

Si adopera con pubblicazioni continue di natura scientifica e rivolte ad amatori. Migliaia tra articoli, pubblicazioni, conferenze, seminari, tutti dedicati a quello che poi noi abbiamo l’obbligo di tenere col massimo rispetto.

Un particolare ringraziamento anche alla sua compagna Natasha Khardina, per il suo minuziosissimo lavoro di selezione, di censimento che insieme ad Heiko svolge con macchine fotografiche e fotocamere. Sono di Natasha i filmati di Heiko, ed è anche grazie a Natasha che oggi la casa editrice Aquapress conta un archivio di oltre due milioni di fotografie.

Pertanto grazie, Heiko, per avere ancora una volta fatto sognare le persone raccontando di specie che esistono, e non di favole con personaggi e pupazzi inventati. Il sentimento dello stupore che le foto ritraggono animali che Heiko Bleher ha censito, raccolto, e spesso salvato dall’estinzione.

Salvo Franchina (Tatore)

IMG_4013

 

 


 

DiscusClub.net 2.0 © – Vietata la riproduzione anche parziale di testi e foto senza il consenso specifico dell’autore.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

[Discusday 2012]Il meraviglioso mondo dei pesci di Heiko, 5.0 out of 5 based on 2 ratings

Comments (1)

  1. Pingback: DISCUS DAY 2013: quando le tradizioni si impongono spontaneamente | ..::Discusclub.net 2.0::..

Leave a Comment

Login to your account

Can't remember your Password ?

Register for this site!